Künstlersozialkasse – Reddito minimo, contributo, indennità: Chi dovrebbe aderire?

Affinché sia gli artisti che i pubblicitari siano obbligatoriamente assicurati in Germania, esiste il cosiddetto fondo di previdenza sociale degli artisti. Esso disciplina l’assicurazione sanitaria pubblica, l’assicurazione sociale e l’assicurazione pensionistica per musicisti, fotografi, artisti visivi e pubblicitari di ogni tipo. Esso copre il contributo del datore di lavoro a queste assicurazioni obbligatorie ed è destinato a tutti gli artisti e le persone artisticamente attive che non esercitano la loro attività per passione o per hobby, ma ne guadagnano da vivere. Tuttavia, non tutti possono diventare membri della Künstlersozialkasse, perché l’attività in questo settore deve essere permanente. Chiunque rappresenti un fotografo in vacanza per due settimane non può unirsi alla Künstlersozialkasse in cambio. Anche gli artigiani che, pur essendo artisticamente attivi, sono annoverati tra le professioni artigianali non possono diventarne membri.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

I fotografi possono aderire all’assicurazione sociale degli artisti solo in misura limitata

Purtroppo, la legge classifica il lavoro dei fotografi come artigianale, che scattano principalmente foto per uso privato, come i ritrattisti o i fotografi di matrimonio. Anche i bambini o i fotografi nudi sono esclusi da questa iscrizione. D’altra parte, i fotografi pubblicitari o i fotografi della stampa possono benissimo aderire al fondo di previdenza sociale degli artisti, e questo vale anche per tutti i fotografi che vivono del fatto che le loro foto sono esposte pubblicamente in mostre d’arte. Anche i fotografi di stock sono inclusi nella Künstlersozialkasse, in quanto non hanno un cliente fisso, ma scattano foto e poi le mettono in vendita.

Secondo il legislatore, i fotografi di stock hanno la libera scelta dei loro motivi, che per lui è un’indicazione di libertà artistica. Per l’appartenenza alla Künstlersozialkasse la registrazione delle imprese non costituisce né un obbligo né un ostacolo. Tuttavia, artisti indipendenti di ogni tipo non possono essere membri della Künstlersozialkasse se impiegano più di un dipendente. In tal caso, essi non sono considerati bisognosi di protezione e possono assicurarsi da soli.

Unisciti alla sicurezza sociale degli artisti

Chi non è sicuro di poter diventare membro della Künstlersozialkasse dovrebbe compilare il questionario online per l’iscrizione. Questo questionario è un test per la Künstlersozialkasse per verificare se le condizioni di adesione sono soddisfatte. L’artista può dimostrare il reddito richiesto attraverso la sua dichiarazione dei redditi, o una fattura. Ciò include anche la sua attività in occasione di mostre, o forse certificati, premi o borse di studio che ha ricevuto attraverso il suo lavoro. Anche le pubblicazioni possono essere decisive per diventare membri della Künstlersozialkasse.

Contributi alla sicurezza sociale degli artisti

Il vantaggio di essere membro della Künstlersozialkasse è che la Künstlerkasse paga il contributo del datore di lavoro all’assicurazione sociale, che a sua volta raccoglie dalle aziende che hanno artisti che lavorano per essa, come gallerie, editori di giornali o agenzie pubblicitarie. Per questo motivo gli artisti pagano solo la metà dei contributi rispetto agli altri lavoratori autonomi e sono bravi quanto i dipendenti. La Künstlersozialkasse riceve contributi anche da artisti che, ad esempio, con un reddito annuo di circa 10.000 euro all’anno, devono pagare circa 150 euro al mese in contributi alla KSK. Tuttavia, l’importo dei contributi dipende anche da altri redditi o dal numero di figli presenti. Se qualcuno è impegnato in un’attività artistica o di sicurezza sociale, di solito si decide in quale settore questa persona raggiunge il reddito più alto per potervi essere classificata.

Molti lavoratori autonomi sono molto richiesti per l’ingresso nel fondo di previdenza sociale degli artisti, perché devono pagare contributi molto più bassi per l’assicurazione obbligatoria. Tuttavia, i limiti per l’adesione alla Künstlersozialkasse sono molto limitati e, in realtà, sono destinati solo a persone che vivono esclusivamente di arte. Per i fotografi questo è tuttavia di svantaggio, perché i fotografi di ritratto e di ordinazione sono classificati come artigiani, perché devono pagare le tariffe molto più alte di quelli indipendenti. Solo i fotografi della stampa e della pubblicità, come quelli che si dedicano esclusivamente alle loro inclinazioni artistiche, sono riconosciuti dalla Künstlersozialkasse.

Che cos’è il KSK e quali sono i vantaggi di KSK?

Freie Wildbahn e.V. fornisce informazioni sulla Künstlersozialkasse e spiega tutto quello che c’è da sapere su domande di iscrizione, adesione, risparmi mensili e tariffe assicurative.

Artista Contributo di sicurezza sociale – Che cosa è importante?

DATEV spiega come gli artisti indipendenti e i pubblicitari devono assicurarsi, chi è interessato da quali imposte e quali imposte devono essere pianificate finanziariamente.

L’Audiopedia: Che cos’è l’assicurazione sociale degli artisti? Significato e spiegazione

Significato, vantaggi, requisiti e molto altro sul tema dell’assicurazione sociale degli artisti spiegato in modo semplice e preciso da The Audiopedia.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Fotografia ottimale delle stelle: Via Polarstern e Via Lattea

Il cielo sereno e le luci delle grandi città sono lontane. Ci sono ancora alcuni buoni posti per foto notturne nitidissime di stelle lontane e meteoriti incandescenti. Chi ha trovato un luogo del genere dovrebbe avere l’attrezzatura giusta e sapere come trasformare gli eventi mozzafiato sullo schermo notturno in immagini impressionanti. Non è così difficile se si segue la seguente piccola guida.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Pianificare e preparare bene la fotografia stellare

Non c’è spazio per la spontaneità quando si fotografano i corpi celesti – qui è necessaria una buona pianificazione. La posizione notturna dovrebbe essere scelta con molta attenzione. Ciò che serve è un’area buia, lontana dalle aureole e dall’inquinamento luminoso delle grandi città. Più scura è l’area, più stelle sono visibili.

Come ancora per le foto si dovrebbe cercare un bel primo piano. Sono adatti edifici non illuminati, recinzioni, alberi, formazioni rocciose, laghi, ecc. Un interessante primo piano dà alla foto un carattere individuale. Anche le informazioni sulle condizioni meteorologiche locali sono utili. Quello che serve è un cielo limpido e senza nuvole. Anche l’elevata umidità non è buona, in quanto ciò può portare a immagini sfocate. Il chiaro di luna, purtroppo, eclissa molte stelle, idealmente un momento dovrebbe essere scelto per le foto quando la luna non è visibile nel cielo notturno.

Il vagabondaggio delle stelle sul cielo notturno è causato principalmente dalla rotazione della terra. Per ottenere i migliori risultati, la telecamera deve essere orientata a nord o sud-est. L’asse della terra punta esattamente alla stella polare (stella nord), quindi non cambia la sua posizione nel corso della notte. Mentre si trova sempre nello stesso posto, le altre stelle vanno avanti.

Come potrebbe apparire la tua attrezzatura fotografica a stella come

Una fotocamera DSLR o una fotocamera con modalità di registrazione manuale e batterie completamente cariche sono i prerequisiti di base per ottenere foto di successo. Allo stesso modo un treppiede stabile, anche il gioco di passaggio può causare scosse. Un obiettivo grandangolare (da 10 a 20 mm) fornisce i migliori risultati. È possibile scattare anche con una lunghezza focale più lunga, ma l’ampia apertura dell’obiettivo grandangolare consente valori ISO molto più bassi e un’impressionante larghezza dell’immagine.

Se c’è un modo per programmare la fotocamera per scattare foto a determinati intervalli, sarebbe l’ideale. In caso contrario, un telecomando aiuta. Dovrebbe esserci molto spazio sulla scheda di memoria. Le foto devono essere salvate in formato RAW per ottenere risultati migliori durante la post-elaborazione. E non dimenticare caffè (o altre bevande) e snack, sarà una lunga notte. A volte una giacca calda è anche buona, perché le notti possono diventare molto fredde anche qui.

Cielo sereno – può iniziare

Poiché può essere difficile installare l’attrezzatura nella completa oscurità, è meglio iniziare all’ultimo giorno di luce del giorno. Per prima cosa, posizionare la fotocamera e il treppiede nella posizione desiderata. Allineare la fotocamera per catturare il maggior numero possibile di stelle. Scatta alcune immagini di primo piano in pieno giorno con diverse impostazioni ISO per la post-elaborazione. Passare alla modalità manuale e selezionare l’impostazione per le foto in serie. Se si desidera visualizzare le stelle come un punto, aprire completamente l’apertura ed esporre il sensore per circa 30 secondi.

A seconda che si desideri che il cielo sia più chiaro o più scuro, si dovrebbe sperimentare con diverse impostazioni ISO. Se il risultato è soddisfacente, salvare le impostazioni. Con un tempo di esposizione di un minuto, il movimento delle stelle all’orizzonte diventa evidente. Se si vuole mostrare la migrazione delle stelle come una traccia nel cielo, è necessario effettuare diverse riprese a intervalli. Diventa davvero spettacolare quando le tracce delle stelle si estendono su tutto l’orizzonte. Questo richiede spesso tempi di esposizione fino a 2 ore. Anche in questo caso sono da raccomandare alcune registrazioni sperimentali.

Risultato: La perfetta notte d’estate e la buona attrezzatura forniscono immagini fantastiche delle stelle

Con una pianificazione ben ponderata, una buona attrezzatura e il giusto punto di vista, gli scatti spettacolari del cielo notturno non sono così difficili. Con software libero come Startrails (Windows) o StarStax (Mac e Windows), le immagini possono essere combinate in post-elaborazione in uno scatto grandioso.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Fotografia all’aperto: attrezzatura, tecnica per principianti

Chi ama stare in natura troverà sicuramente molti motivi, che vorrebbe catturare in questo momento . I principianti della fotografia outdoor possono fotografare con successo il vostro ambiente escursionistico, paesaggi o altri oggetti con pochi consigli. Prima del successo di uno scatto, tuttavia, ci sono alcune regole di base, senza la cui osservanza il divertimento della fotografia diventa più di uno sforzo.

L’attrezzatura iniziale ottimale per la fotografia all’aperto

Il costoso non è necessariamente ottimale, questo vale anche per la fotocamera. Le funzioni automatiche come il valore ISO, il tempo di esposizione e l’apertura devono essere regolabili manualmente se necessario. Inoltre, è ottimale una fotocamera sulla quale è possibile montare obiettivi intercambiabili. Entrambi i requisiti sono soddisfatti dalle fotocamere digitali di sistema o dalle fotocamere reflex digitali. Le fotocamere digitali di sistema sono più facili da gestire per le escursioni a piedi, arrampicata e altrettanto più facile.

Questi occupano pochissimo spazio nello zaino o nel bagaglio a mano e sono difficilmente visibili in termini di peso. Per l’attrezzatura vale anche che non ci dovrebbe essere troppo. Per i principianti è meglio utilizzare solo quegli elementi accessori che possono essere facilmente manipolati all’aria aperta. Anche i professionisti portano con sé solo pochi accessori durante le loro escursioni per renderli il più possibile maneggevoli. Importanti sono le lenti intercambiabili e un treppiede adatto per l’uso fuoristrada (meglio se piegato abbastanza piccolo per lo zaino). I flash esterni possono essere utili, ma sono adatti per la fotografia in esterni solo se l’utente è in grado di utilizzarli in modo vantaggioso.

Fotografia outdoor – Conoscere bene la tecnologia, quindi utilizzarla

Le funzioni disponibili sono spiegate nel manuale di ogni telecamera. Molti di essi sono automatici, alcuni possono anche essere selezionati manualmente. Prima del primo utilizzo all’aperto, le foto degli esercizi secondo le istruzioni del manuale sono un buon allenamento e comunque consigliati. Ma non tutto ciò che è possibile viene utilizzato anche in natura.

È quindi importante padroneggiare bene alcune funzioni importanti e tornare gradualmente agli altri man mano che le foto dell’escursione diventano sempre più professionali. La conoscenza del valore ISO, dell’apertura e del tempo di esposizione è fondamentale. I fotografi più pratici possono lasciare qui le impostazioni automatiche alla fotocamera digitale. Ma è più creativo impostare manualmente i valori per catturare l’oggetto foto nel miglior modo possibile.

tutorial video come tutoraggio

Se le informazioni contenute nel manuale e i propri esperimenti non sono sufficienti all’inizio, sono utili i video tutorial su alcuni modelli di fotocamere. Questo può anche essere ricercato prima di prendere una decisione di acquisto: Quali modelli possono essere appresi più rapidamente con questi tutorial? I formati RAW sono più adatti per le immagini esterne rispetto a JPG. In formato RAW, le immagini contengono ancora tutte le informazioni dell’immagine in forma non compressa.

Ciò corrisponde alla registrazione classica in negativo, che viene sviluppata solo in seguito. Anche i formati RAW sono sviluppati solo allora, ma virtualmente, quindi con software appropriato. La gestione delle foto all’aperto è un processo di apprendimento che avviene solo dopo che l’immagine è stata catturata. Il montaggio e la gestione portano gradualmente a fotografi dilettanti davvero ambiziosi a “scattare” immagini sempre migliori su base permanente. Questo include anche esperimenti in natura, per esempio cambiare prospettiva (nel modo più intuitivo possibile invece che secondo la dottrina), motivi di disturbo intenzionale durante uno scatto e, naturalmente, più di una foto per ogni esperimento.

Risultato: motivi nuovi e affascinanti possono essere scoperti ovunque in natura

La fotografia all’aperto offre infinite possibilità per emozionanti foto in mezzo alla natura grazie alla varietà dei paesaggi. I principianti dovrebbero acquistare fotocamere leggere piuttosto maneggevoli e solo gli accessori più necessari. Questo può essere espanso a piacimento quando l’utente ha imparato il modo migliore di usare la fotocamera. Per scatti naturalistici davvero belli, il fotografo amatoriale dovrebbe considerare anche le possibilità di editing e gestione delle immagini successive.

Gocce d’acqua – immagini affascinanti da un piccolo mondo – tra dinamica ed estetica

Foto impressionanti di spruzzi d’acqua e gocce singole stupiscono molte persone. Mentre la macrofotografia richiede speciali stroboscopi ad alta velocità, le gocce d’acqua possono essere fotografate senza attrezzature speciali. Le uniche cose di cui hai bisogno sono le giuste impostazioni della fotocamera, una buona luce, naturalmente un po’ d’acqua – e questa guida passo dopo passo.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Che cosa serve per fotografare gocce d’acqua

Il modo più semplice è fotografare gocce d’acqua all’esterno in una giornata di sole. A differenza delle riprese nelle stanze, non è necessaria una luce supplementare all’esterno. Il vostro equipaggiamento dovrebbe includere: Fotocamera DSLR con macro o teleobiettivo, treppiede, telecomando, colorante alimentare, siringa medica (in alternativa: borsa freezer con un piccolo foro), grande ciotola piena d’acqua e luce solare. Si raccomanda la seguente procedura:

  • Passo 1:
    Posizionare la ciotola alla luce del sole, preferibilmente su un tavolo.
  • Passo 2:
    Riempire la ciotola con acqua, raggiungere circa 3 cm di profondità dell’acqua. Aggiungere un blu o un qualsiasi colore alimentare fino a quando l’acqua ha raggiunto la tonalità desiderata.
  • Passo 3:
    Montare la fotocamera sul treppiede. Se si utilizza un obiettivo macro, c’è il rischio che spruzzi d’acqua colpiscano l’obiettivo. In questo caso, far scorrere una pellicola trasparente tra la ciotola e la fotocamera. È possibile posizionare un teleobiettivo più lontano, in modo da non dover passare del tempo qui. È meglio focalizzare manualmente l’immagine al centro della superficie dell’acqua e fissare l’impostazione. L’angolo di ripresa non dovrebbe essere troppo ripido e il sole dovrebbe essere dietro la fotocamera.
  • Passo 4:
    Per un obiettivo macro, selezionare una velocità dell’otturatore di almeno 1/4000 secondi con un’apertura da f16 a f20 per ottenere la profondità di campo necessaria. Se si utilizza un teleobiettivo (ad esempio 100 mm), è possibile provare f2.8. I valori sono fortemente dipendenti dalle singole condizioni di illuminazione, per cui sono indispensabili alcuni test shot.
  • Passo 5;
    Se non si dispone di un assistente, ci si trova di fronte alla difficoltà di creare una goccia con la siringa e premere il telecomando quasi contemporaneamente. Questo è il motivo per cui molti fotografi usano una borsa congelatore che viene fissata sopra la ciotola. Con un piccolo foro, questa borsa fornisce un tasso costante di gocce d’acqua, quindi è sufficiente preoccuparsi del telecomando. È importante che la goccia colpisca sempre l’acqua nello stesso punto. Maggiore è l’altezza di caduta delle gocce, più alto è il salto delle gocce d’acqua.
  • Passo 6:
    Effettuare alcuni scatti di prova e correggere l’esposizione o l’apertura. Dopo di che ci sono alcuni scatti impressionanti nel percorso. Se si scattano foto in formato RAW, si hanno tutte le possibilità di post-elaborazione.

La stessa struttura vale fondamentalmente per gli scatti in interni. Solo che devi prenderti cura della luce extra. È possibile utilizzare una lampada o un flash. Questo funziona abbastanza bene se la sorgente luminosa si trova di fronte all’oggetto e si utilizza un riflettore. Ridurre la potenza del flash fino a quando le gocce d’acqua sono nettamente a fuoco.

Nella post-elaborazione si può cercare di ridurre il rumore dell’immagine e ottimizzare la nitidezza. È inoltre possibile scegliere una diversa temperatura di colore e ritagliare e allineare l’immagine.

Alternatives e altre tecniche

Affinché il liquido reagisca più lentamente, è possibile addensarlo con un agente addensante (ad es. gomma di guar). Questo significa che le forme delle gocce durano molto più a lungo. Esperimenti con diversi colori ad acqua o l’uso di altri liquidi come il latte spesso danno buoni risultati. Effetti interessanti possono essere ottenuti anche utilizzando fumo o sfondi colorati (lamine).

Risultato: Con semplici trucchi si possono creare immagini mozzafiato con gocce d’acqua

Fotografare immagini che sono in gran parte nascoste all’occhio umano è sempre affascinante. Anche con una struttura relativamente semplice, quando si fotografano le gocce d’acqua si possono creare immagini fantastiche con molto dinamismo ed estetica. Sperimentare con tecniche diverse porta spesso a immagini sorprendenti dal mondo delle gocce d’acqua.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

7 suggerimenti per trovare il treppiede della fotocamera giusta

Se si desidera acquistare un treppiede fotocamera, ci si trova di fronte ad un’offerta quasi ingestibile. Mentre in passato i treppiedi per macchine fotografiche erano realizzati principalmente in legno, oggi i treppiedi di alta qualità sono realizzati in alluminio o in fibra di carbonio. In ogni caso, è una buona idea considerare i seguenti criteri nella scelta di un treppiede.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

7 suggerimenti su come trovare il treppiede giusto per te

1. Peso

Nella maggior parte dei casi un treppiede deve essere trasportato dall’automobile al luogo di utilizzo, pertanto il dispositivo deve essere il più leggero possibile. L’opzione più leggera e trasportabile dovrebbe essere scelta anche quando si viaggia. C’è anche una differenza tra una fotocamera piccola e leggera e una reflex digitale pesante con un obiettivo di grandi dimensioni. I treppiedi da viaggio leggeri sono disponibili a partire da 800 grammi, mentre quelli grandi pesano più di 2 kg. I monopiedi pesano circa 650 gr.

2. Stabilità

Un peso elevato del treppiede non significa automaticamente una buona stabilità. Idealmente un treppiede può essere testato in anticipo. Come si comporta il treppiede in una giornata ventosa? Comincia a oscillare quando qualcuno ci si imbatte? I treppiedi in carbonio sono meno sensibili alle vibrazioni rispetto ai treppiedi in alluminio, quindi i colpi non si agitano così facilmente.

3. Bloccaggio delle gambe del treppiede

I produttori di treppiedi utilizzano diversi meccanismi per bloccare le gambe del treppiede in determinate posizioni. Quale serratura è più adatta ha molto a che fare con le preferenze personali. Un dispositivo di bloccaggio deve essere facile da usare e sufficientemente stabile per sostenere il peso della fotocamera e dei suoi obiettivi. Non è consigliabile utilizzare serrature di plastica a buon mercato, che si rompono rapidamente e rendono inutilizzabile l’intero treppiede della fotocamera.

4. Altezza massima

Naturalmente, tutti i treppiedi possono essere regolati in altezza estendendo le gambe del treppiede e la colonna centrale. L’altezza massima estendibile di un treppiede è determinata principalmente dalla propria altezza. A tutta l’altezza del treppiede si dovrebbe essere ancora in grado di guardare comodamente attraverso la fotocamera. Le persone di grandi dimensioni (1,85 o più grandi) hanno spesso difficoltà a trovare un treppiede adatto. Se le gambe sono costituite da due elementi estensibili, il treppiede è probabilmente più grande allo stato retratto che con tre elementi.

5. Teste di treppiede

Le teste dei treppiedi sono una delle cose più importanti su un treppiede della fotocamera. Una testa di treppiede affidabile dà al fotografo il controllo assoluto sulla sua fotocamera, quindi questo componente deve essere scelto con molta attenzione. Si distinguono principalmente teste a 3 vie di inclinazione, teste a ingranaggi e a sfera, nonché teste panoramiche e video.

Le testine video sono spesso utilizzate dai fotografi naturalisti, ma anche nella fotografia sportiva e ovunque siano richieste lunghe distanze focali. Velocità e precisione sono tra i principali criteri di selezione. I fotografi spesso acquistano prima la testa del treppiede e poi selezionano il treppiede appropriato.

6. Monopiede

Design compatto, flessibilità e stabilità sono i criteri decisivi per l’utilizzo di un monopiede. Dispositivi di questo tipo sono i compagni perfetti per le escursioni e i viaggi. Non solo occupano poco spazio, ma forniscono anche sufficiente supporto e stabilità durante le riprese. Questi treppiedi sono molto popolari anche tra i fotografi sportivi, quando si usano teleobiettivi pesanti e frequenti cambi di posizione. I fotografi ambiziosi possono scegliere tra treppiedi compatti per piccole fotocamere mirrorless e robusti treppiedi per fotocamere DSLR di medio formato e pesanti.

7. Manipolazione

I treppiedi della fotocamera sono utilizzati principalmente per lunghi tempi di esposizione per evitare che la fotocamera si muova. Se la velocità dell’otturatore è inferiore a 1/60 di secondo, in genere si dovrebbe usare un treppiede. Una piccola livella a bolla è spesso utilizzata per controllare se il treppiede è in posizione verticale. Quando è esteso, il treppiede deve stare saldamente a terra e non deve oscillare. L’altezza può essere corretta tramite la colonna centrale.

Conclusione: Dimensioni e peso sono i fattori più importanti nella scelta del treppiede della fotocamera

I treppiedi devono essere abbastanza grandi da permettervi di guardare attraverso la telecamera alla massima altezza, comodamente e senza piegare la schiena. Non c’è niente di peggio che fotografare l’intera giornata con la schiena ricurva. Ma più grande è il treppiede, più alto è il peso. Come fotografo di solito si deve scendere a compromessi tra dimensioni e peso.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Treppiede della fotocamera – Esposizione senza sfocatura: Treppiede o monopiede

Molte situazioni fotografiche richiedono tempi di esposizione più lunghi. Un buon treppiede è uno strumento utile per chi cerca una posizione sicura per la propria fotocamera. Ma ci sono treppiedi per scopi diversi e in tutte le forme, dimensioni e pesi possibili. Non solo è importante utilizzare un treppiede adatto per le riprese, ma è anche necessario sapere come utilizzare correttamente un treppiede della fotocamera. Ecco alcune informazioni di base da tenere a mente quando si acquista e si utilizza un treppiede.

Quali sono i treppiedi della fotocamera ci sono all?

Nessun fotografo ambizioso può fare a meno di un buon treppiede. Soprattutto per tempi di esposizione più lunghi, come i fuochi d’artificio o la fotografia stellare, i treppiedi sono ausili indispensabili. I treppiedi sono utilizzati sia all’esterno che all’interno. In commercio ci sono semplici treppiedi in plastica, che sono adatti al massimo per fotocamere digitali leggere e treppiedi stabili in alluminio, carbonio o legno per le fotocamere DSLR più pesanti e requisiti elevati. È ovvio che il livello di prezzo dei treppiedi professionali è superiore a quello della semplice alternativa in plastica.

In sostanza, un treppiede per telecamera (detto anche treppiede) è costituito da una testa di treppiede, una colonna centrale con dispositivo di livellamento e tre gambe regolabili. La testa del treppiede è una testa a sfera o testa inclinabile sulla quale la telecamera è avvitata. I movimenti di rotazione, inclinazione o inclinazione richiesti possono essere eseguiti facilmente su tutti gli assi. I primi treppiedi fotografici erano tutti in legno, un design che oggi si trova solo nelle macchine fotografiche da studio per motivi di peso.

Nella maggior parte dei casi, i fotografi oggi preferiscono i treppiedi in alluminio o in plastica rinforzata con fibre di carbonio (carbonio), che hanno una stabilità sufficiente nonostante il loro peso ridotto. Le gambe sono costituite da tre o quattro segmenti, che possono essere estesi e ritratti a piacere. Per garantire stabilità e stabilità, alcuni produttori utilizzano chiusure a cerniera, mentre altri si affidano a chiusure a torsione. Alla fine delle gambe ci sono dei piedini di gomma da cui spesso si può svitare una punta metallica.

Quando si dovrebbe usare un treppiede?

Anche se non sei un fan delle regole, dovresti tenere a mente quando ha senso usare un treppiede. Un treppiede aiuta a tenere ferma la fotocamera, il che è particolarmente utile per lunghe distanze focali e lunghi tempi di esposizione. Come regola generale, la velocità dell’otturatore non deve essere superiore alla lunghezza focale dell’obiettivo. Qui potete trovare alcuni esempi:

Esempi: 

  • Se l’obiettivo ha una lunghezza focale di 50 mm, la velocità dell’otturatore non dovrebbe essere inferiore a 1/60 secondo.
  • A una lunghezza focale di 100 mm, la velocità dell’otturatore non dovrebbe essere inferiore a 1/125 second.
  • Se la lunghezza focale è 200 mm, la lunghezza focale non dovrebbe essere più lenta di 1/250 secondo.

Se la velocità dell’otturatore è inferiore ai valori di cui sopra, è essenziale utilizzare un treppiede per scattare immagini nitide. Per la fotografia di paesaggio, i treppiedi sono anche molto utili per garantire che la foto e il paesaggio abbiano la stessa linea orizzontale. Per le riprese macro, un treppiede della fotocamera aiuta ad allineare l’obiettivo con piccoli oggetti. Ai fotografi piace anche usare un treppiede per i ritratti se vogliono fotografare più persone dalla stessa prospettiva.

Alternatives: monopiedi e morsetti per macchine fotografiche

I monopodi sono costituiti da un’unica colonna di lunghezza variabile con una vite per treppiede in punta. Un piedino di gomma o una spina forniscono un appoggio sicuro. I monopiedi sono strumenti utili, spesso utilizzati in combinazione con un treppiede per stabilizzare i pesanti teleobiettivi.

Sulle lenti lunghe c’è un anello per treppiede a cui può essere fissato un monopiede con una vite. I vantaggi dei monopiedi sono il peso ridotto, il montaggio rapido e la buona trasportabilità.

I morsetti per telecamere sono solitamente realizzati in alluminio e sono progettati per fissare le telecamere a tavoli, porte o altre superfici con una filettatura del morsetto. Una testa a sfera fornisce le opzioni di movimento necessarie. I morsetti per telecamere possono essere utilizzati universalmente come alternativa al treppiede.

Risultato: Con lunghi tempi di esposizione, un treppiede è inevitabile

I treppiedi della macchina fotografica sono disponibili in innumerevoli dimensioni, disegni e applicazioni. Per le fotocamere DSLR pesanti, occorre prestare attenzione a garantire stabilità e peso sufficienti. Come alternativa sono disponibili monopiedi o morsetti per telecamere.

Portafoglio fotografi – selezionare le foto, creare un portfolio, progettare l’applicazione

Il vostro portafoglio è fondamentale per i vostri clienti, partner commerciali e qualsiasi contatto nella vostra professione. Sicuramente si può convincere con una performance dal vivo personalmente e “a colori”. Tuttavia, è necessario dare un’idea del proprio lavoro in anticipo, e che ci crediate o meno: la Cartella del Portfolio diventa il vostro strumento di lavoro più importante.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Un portafoglio ben ordinato

Come modella, truccatore, fotografo o grafico, le tue immagini parlano per te. In questo modo si potrebbe rispondere alla domanda su come popolare il proprio portafoglio e su quali contenuti incorporare in esso. A favore dell’aptico si dovrebbe fare a meno di una “cartella portfolio virtuale” e non apparire con il tablet, ma con una vera e propria cartella di cartone con foto reali fatte di carta all’appuntamento. Una cartella ben fornita e progettata con cura fornisce informazioni sulla serietà del tuo lavoro e mostra alla tua controparte quanto apprezzi il tuo lavoro e la collaborazione degli altri.

Dopo tutto, non si presenta solo una semplice immagine su una foto, si presenta molto lavoro di post-elaborazione e di esposizione, molta pazienza nella selezione degli effetti e quindi di tutte le proprie capacità e interessi. Come modello, fotografo o truccatore, il portfolio si concentra sulle vostre specifiche personali. Un portfolio è la rappresentazione del tuo lavoro e fornisce informazioni sul tuo stile personale, la varietà delle tue possibilità e la completezza della tua professione. Sta per la propria immagine, serve come materiale illustrativo e di presentazione e fornisce la prima impressione.

Poiché non c’è una seconda possibilità per una prima impressione, dovreste prestare molta attenzione alla progettazione e allo sviluppo del portafoglio e utilizzare il vostro portafoglio per creare una base per future relazioni commerciali e ordini. Per quanto riguarda il design, avete una mano libera e potete decidere voi stessi come apparirà la vostra prima impressione e quanto vorreste rivelare di voi stessi, della vostra esperienza e della diversità nella vostra professione. Si raccomanda di utilizzare la cartella del portafoglio per presentare tutte le vostre abilità e per avere la possibilità di avere ordini più numerosi e meglio pagati.

Selezione di dimensioni e immagini

La cartella portfolio è la tua messa in scena di tutte le competenze e conoscenze, tutte le esperienze e i compiti della tua professione. Più versatile e variegato è il tuo portafoglio, più attenzione riceverai dalla tua controparte e migliori saranno le offerte di lavoro. Per le dimensioni, o la quantità di contenuto delle cartelle del portafoglio fotografico non c’è alcun requisito specifico. Questo ti dà una mano libera nella decisione e nella ponderazione degli accenti personali.

Raccomandiamo una cartella e una foto in formato DIN A4, in quanto il suo pratico formato rende facile da trasportare e portare con sé a qualsiasi appuntamento. Mentre alcune immagini potrebbero anche essere significative e orientate agli obiettivi in DIN A5.

Cura e protezione

Le pellicole protettive sono un vantaggio, in quanto il tuo portfolio passa attraverso molte mani e viene presentato ad ogni appuntamento del primo incontro. Per evitare impronte digitali o macchie di grasso nel tuo portfolio, dovresti scegliere una cartella speciale da sfogliare e con le pellicole protettive incluse. In alternativa, è possibile progettare da soli la cartella e acquistare singole maniche se, ad esempio, non si è sicuri della quantità e del numero di immagini nelle presentazioni, o se non si vuole escludere la possibilità di ampliare il proprio portafoglio. Un design semplice ma moderno suggerisce la vostra impostazione ed è la scelta migliore per le cartelle di portafoglio.

Jessica Kobeissi: Il mio portfolio fotografico!

La fotografa di moda e ritratto Jessica Kobeissi presenta il suo portfolio di fotografi e spiega la struttura, la selezione e il design delle immagini.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Impostazione delle dimensioni: Totale, primo piano, primo piano, primo piano – qual è la dimensione giusta?

Il fotografo utilizza le dimensioni dell’impostazione per determinare quanto piccolo o grande è stato catturato un oggetto. Per un primo piano, la fotocamera viene portata il più vicino possibile all’oggetto, per gli scatti più piccoli rimane più lontana. In linea di massima, le otto proporzioni più frequentemente utilizzate sono indicate sull’etichetta. Tuttavia, non esiste una definizione veramente uniforme.

Le otto dimensioni delle ambientazioni in fotografia e filmografia

Le otto designazioni approssimative delle dimensioni sono le stesse sia per le immagini fisse che per quelle in movimento:.

Panorama (Supertotali)

A questa dimensione di impostazione più ampia, un oggetto è rappresentato in relazione all’ambiente circostante, con l’obiettivo ottico di rappresentare la posizione di un oggetto o di una persona. Gli oggetti possono essere una persona sul marciapiede, un animale nel parco giochi o una casa sul ciglio della strada. L’inquadratura panoramica viene scelta accanto alla messa a fuoco del luogo in modo da creare una sensazione emotiva di vastità, solitudine o infinito nello spettatore. In un tale ambiente, il soggetto reale dello scatto sembra quasi che sia entrato accidentalmente nell’immagine, in ogni caso molto piccolo.

Totale

Anche con questa dimensione di impostazione, il soggetto reale rimane piccolo in relazione all’ambiente circostante. L’obiettivo della fotografia totale è quello di far apparire un evento più vivido. Le persone sono più grandi di quelle che si possono vedere nel panorama, ma anche qui sono inserite in un ambiente fotografico molto più completo. In un film, il movimento di diverse inquadrature in questa dimensione aiuta lo spettatore a relazionarsi con un oggetto (o persona) piuttosto inavvicinabile. Con le fotografie, un buon scatto nella ripresa lunga crea anche un modo suggestivo di guardare le cose.

mezzo totale

Il focus di un’inquadratura nei cosiddetti semitotali è chiaramente sull’oggetto, ma in una relazione chiaramente riconoscibile con l’ambiente circostante l’inquadratura. Le persone possono essere viste qui dalla testa ai piedi, e anche all’espressione facciale viene data un’importanza importante per la dimensione di regolazione dei semitotali. Lo scopo delle semitotali è la rappresentazione del linguaggio del corpo e anche sulle fotografie una sensazione commovente della persona raffigurata.

Semi-vicino

Con questa dimensione di impostazione, una persona viene registrata solo fino all’anca. Nel resto dell’immagine l’ambiente è enfatizzato. Poiché la macchina fotografica lavora nella “metà vicina” da una breve distanza, l’espressione facciale di un volto può essere vista molto bene. Il linguaggio del corpo può influenzare l’umore dell’immagine in una certa misura, ma è piuttosto secondario.

Americano Impostazione

Nel film, le persone vengono fotografate fino alle ginocchia. In fotografia, l’impostazione americana viene usata meno frequentemente perché la semi-chiusura è simile e migliore per le immagini fisse. Ma anche qui la persona è integrata nell’ambiente fotografico chiaramente fotografato.

Italiano Impostazione

Nessun buon italo-occidentale sarebbe concepibile senza la corrispondente lunga e intensa rappresentazione, soprattutto degli occhi. Anche per la fotografia, l’espressione visiva può essere un dispositivo stilistico artistico, proprio perché gli occhi possono “parlare” e nasce così inconsapevolmente un’interazione diretta tra la fotografia e lo spettatore.

lontano

Questa dimensione dell’impostazione ha carattere verticale. La fotocamera è così vicina alla persona che vengono fotografate dalla testa al torace con la messa a fuoco sul linguaggio del corpo del viso. L’ambiente è spesso nel bokeh, quindi sfocato e come per caso da vedere.

grande colpo

L’attenzione di tali ritratti è focalizzata sui tratti del viso in modo tale che in alcuni casi viene fotografato solo il volto e la parte superiore della testa sembra tagliata. Ma anche foto complete di berretto e acconciatura fino a sotto il mento per il conteggio delle dimensioni dell’impostazione close-up. Nella pellicola, ma anche nella fotografia, le singole immagini dei piedi o delle mani sono assegnate al primo piano.

Dettagliata

Una sola bocca, un solo occhio o un pezzo di braccio sono l’obiettivo di una fotografia dettagliata. La fotocamera deve zoomare così vicino alla persona che né l’ambiente circostante né altre parti del corpo possono essere viste nell’immagine. Questa rappresentazione visiva è innaturale, ma per i dettagli riconoscibili è emotivamente accattivante. Perché il dettaglio extra enfatizzato può essere estremamente espressivo.

Risultato: La dimensione dell’impostazione influenza l’umore di ogni immagine

Con l’aiuto del corretto formato di impostazione, le fotografie appaiono più vivide. Lo stato d’animo che l’immagine crea scegliendo la giusta distanza tra la fotocamera e l’oggetto. Soprattutto le dimensioni delle impostazioni con primi piani di persone possono essere di grande intensità espressiva.

Fotografia retroilluminata: Suggerimenti per un uso efficace delle sorgenti luminose

Alcune foto hanno un aspetto così naturale che gli spettatori inesperti scommetterebbero di modificarle con Photoshop. Tale post-trattamento non è affatto necessario. Invece, la retroilluminazione in prossimità di un oggetto fotografico può creare effetti sensazionali. È importante non includere arbitrariamente la retroilluminazione, ma metterla nella posizione giusta per l’oggetto.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Perché la retroilluminazione non è un tabù, ma può essere un dispositivo stilistico

I principianti non devono fotografare in direzione del sole. L’obiettivo della fotocamera e l’occhio del fotografo potrebbero essere danneggiati. Anche gli oggetti troppo vicini in direzione del sole possono apparire poco chiari o meno nella prospettiva desiderata. Tuttavia, non c’è niente da smettere di usare la retroilluminazione per le riprese atmosferiche.

La luce e l’ombra, soprattutto nel loro forte contrappunto in parte contrastante e con la giusta impostazione della macchina fotografica, creano fotografie molto vivide, che sono molto popolari sia per scopi pubblicitari che per album fotografici privati. La retroilluminazione di un oggetto può trasformare i confini dell’oggetto in silhouette filigranate, enfatizzare le texture di foglie o insetti in tutta la loro delicatezza.

Nella fotografia di ritratto, la retroilluminazione può avere l’effetto di un riflesso di luce impostato deliberatamente. La modella stessa è sfocata, ma dettagli raffinati come il soffiare i capelli, l’orlo di una gonna in movimento o le onde della banca accanto alla modella appaiono scuri e in questa proporzione quasi troppo chiari. Poiché le impressioni quotidiane vengono sbiadite dalla retroilluminazione, altri dettagli dell’oggetto vengono alla ribalta in modo ancora più evidente e trasformano una fotografia quotidiana in un’immagine come un sogno.

Ora nessuno vuole questi strani cerchi di luce sulla foto. Ma queste riflessioni sono quelle che possono essere tecnicamente molto bene messe in scena. Inoltre, non tutti gli scatti in controluce devono essere necessariamente poco dettagliati e ad alto contrasto. Le seguenti possibilità tecniche semplici e semplici migliorano le riprese retroilluminate per avvicinarsi alla qualità artistica.

Questi suggerimenti aiutano ad usare o attenuare la retroilluminazione

  • Riflesso lente per oggetti zoom:

Questi cerchi di luce possono essere attenuati (se lo si desidera) schermando il lato chiaro della fotocamera a mano o ponendo un paraluce sull’obiettivo di una reflex prima di scattare una foto.

  • Correzione dell’esposizione per i centri di contrasto desiderati nell’immagine:

Ogni fotocamera digitale ha un’impostazione più/meno per l’esposizione nel menu. La correzione rende le parti dell’immagine più chiare, altre più scure. Per trovare l’ambiente ideale, è necessaria una certa pratica.

  • Fool la retroilluminazione:

I bei colpi sono possibili quando la retroilluminazione, in natura scatta il sole, scompare appena dietro la facciata di una casa, ma cade comunque abbastanza forte sull’argomento. Se una persona viene fotografata in questo modo, può essere posizionata proprio di fronte o accanto alla retroilluminazione, creando un effetto luce/scuro particolarmente emozionante.

  • Misurazione del punto per la correzione automatica:

Alcuni modelli di fotocamere consentono di illuminare automaticamente un’area dell’immagine in modo ottimale. Il mirino è diretto verso una macchia scura o, per un effetto forbice, verso un’area chiara. La misurazione spot rileva esattamente dove è necessaria la correzione della luce.

  • Focus manuale per riflessi intenzionali:

Forse un primo piano esatto in controluce non è l’obiettivo di una foto. Per le istantanee che sembrano essere casuali e sono decisamente fuori fuoco sul bordo dell’immagine, è possibile regolare manualmente l’esposizione come si vuole che sia. Specialmente senza bilanciamento del bianco, è possibile catturare scatti dall’aspetto molto naturale.

Risultato: Fotografare con la retroilluminazione richiede un po’ di pratica con la fotocamera

Ai principianti della fotografia si consiglia di non fotografare in direzione della retroilluminazione. Tuttavia, l’attrazione di questa direzione di ripresa sta proprio nei particolari contrasti creati dal sole o da un’altra fonte di luce sull’oggetto e sull’ambiente circostante. L’attento allineamento e alcuni trucchi tecnici fanno sì che le istantanee retroilluminate sembrino prese direttamente dalla vita.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Fotografia animale: Buone attrezzature e pazienza portano al successo

Gli esperti consiglieranno spontaneamente la macchina fotografica selvaggia per la fotografia professionale di animali. Ma una buona foto di un animale è perfetta anche con una normale macchina fotografica digitale se si seguono questi consigli. In definitiva, la foto cattura sia la bellezza ottica di un animale che la grazia del suo particolarissimo linguaggio del corpo.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Fotografia Animale e Resistenza

Fotografare un gatto è di solito fantastico. Perché le tigri della stanza, e quindi la fede umana, hanno un obiettivo della macchina fotografica sufficientemente degno, per essere fotografato e quindi fotografato. Con i cani, l’effetto Pavlovian può essere utilizzato in modo ottimale per tenerli immobili per il momento importante. Con animali selvatici come uccelli, cervi o volpi, non c’è fiducia in se stessi degli animali, né (comunque impossibile) lavori di condizionamento. Tuttavia, la resistenza necessaria combinata con la cura aiuta a creare fantastiche foto di animali:

Consiglio Uno: Cosa vuole esattamente l’animale in questo secondo?

Gli occhi degli animali rivelano molto sull’umore attuale. Almeno nel caso degli animali domestici, questo dimostra quanto possa essere promettente il tentativo di ammissione in questo momento. La fotografia di animali con un focus sugli occhi dell’animale è anche la più professionale in termini di tecnologia fotografica.

Consiglio Due: L’angolo di visione

Un uccello vive nell’aria. Quindi l’angolo di visione dal basso è ottimale per una foto perfetta. Un cavallo sta in piedi su un terreno solido, ma sembra comunque sublime sul fotografo. Questo dovrebbe essere considerato per la prospettiva di questa fotografia di animali. Se devono essere fotografati criceti, pesci rossi o conigli, cambiare l’angolo di visuale in base alle dimensioni è la ricetta per il successo di un buon tiro.

Consiglio Tre: La natura è perfetta senza Photoshop

La fotografia di animali tagliati non è professionale. Non importa quale strana contorsione fa un animale registrato, è buono così com’è. Nella fotografia di animali, è più probabile che il fotoritocco sia assegnato all’area della caricatura naturale.

Consiglio Quattro: L’ambiente di ripresa

Nel caso di animali domestici, lo sfondo può avere una certa influenza sulla fotografia animale. Uno sfondo perfetto dal punto di vista fotografico in una foresta o in uno zoo può essere ottenuto solo attraverso l’osservazione nitida e la pazienza nella scelta degli sfondi.

Effetti nella fotografia animale

Se si osservano queste quattro regole di base meno tecniche, i seguenti suggerimenti miglioreranno in modo significativo uno scatto in qualsiasi fotografia di animali.

Consiglio cinque: Sono solo animali

Calcolare cosa sta facendo un animale in questo momento è inutile. Nel migliore dei casi, il fotografo ha regolato in modo ottimale la fotocamera, ha scelto un buon sfondo e sta solo aspettando il momento perfetto. Allora perché non scattare una foto quando Fuchs si sente silenziosamente catturato dagli esseri umani o quando un cavallo osa solo un audace salto in cortile? Il fotografo, tuttavia, dovrebbe essere pienamente preparato al momento di un movimento per affermarsi come professionista della fotografia animale con prove fotografiche che sembrano quasi vive.

Consiglio Sei: Movimento o Natura morta?

La fotografia d’azione riprende in modo mirato il movimento di un animale. L’attenzione è focalizzata su caratteristiche fisicamente distintive come l’espressione oculare o il movimento muscolare individuale. I ritratti di animali, invece, assomigliano ad una natura morta. Fotografano un animale nel momento più tranquillo possibile per catturare la sua bellezza ottica lontano da qualsiasi movimento. Il fotografo dovrebbe sapere molto prima di prendere la stampa quali di queste varianti soddisfano meglio le sue esigenze di ripresa.

Risultato: Cogliere il momento giusto ed essere ben preparati

Per un gamekeepers sensazionale fotografia della fauna selvatica o cacciatori piace raccomandare la macchina fotografica della fauna selvatica. Ma la vera attrazione sta nel cogliere la bellezza del momento da altre angolazioni meno spontanee. Trucchi tecnici e pazienza personale supportano foto davvero sensazionali di animali domestici e anche di animali selvatici in movimento.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Ritratto fotografico: le condizioni di luce, ombra e colore intorno al motivo principale devono essere corrette

Il famoso pittore Rubens lo sapeva, così come lo sanno i fotografi di oggi: l’alta arte della rappresentazione pittorica sono i ritratti. Tecnicamente ci sono diversi trucchi nei tempi moderni della macchina fotografica, al fine di impostare i volti con la fotografia di successo ritratto vantaggiosamente in scena.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

La fotografia di ritratto – Conta solo il momento letterale

La luce e l’ombra, lo sfondo e le particolarità del modello influenzano la qualità di un ritratto. Questi dettagli devono essere controllati e bilanciati nel modo più perfetto possibile prima della registrazione vera e propria:

  • Consiglio Uno: Le cose più piccole

L’obiettivo di una macchina fotografica vede i più piccoli dettagli, anche quelli che a nessuno piace trovare in un ritratto fotografico. Una tazza ancora in piedi sul retro del tavolo può rendere inutilizzabile l’intero ritratto. Un forcone accanto al modello è solo una piccola parte di un ritratto della natura, come una foglia appassita su un davanzale di una fotografia d’interni.

Le distrazioni distraenti sono più evidenti:

In primo luogo, viene determinata la sezione immagine per la registrazione della telecamera. Ora il fotografo ingrandisce il più vicino possibile alla persona da ritrarre. Durante questo processo, i più piccoli dettagli diventano improvvisamente molto più visibili. Questa può già essere una finestra attraverso la quale la luce del giorno cade sfavorevolmente in direzione del modello. Solo ora segue il passo successivo per preparare un ritratto veramente buono.

  • Consiglio Due: Guardando in tutte le direzioni

Alcune delle questioni collaterali citate cambiano l’umore del ritratto in modo vantaggioso. Quindi vale la pena di osservare da vicino il modello da tutti i lati nell’ambiente fotografico pianificato. Da sopra e da sotto, da tutti i lati e da dietro – se necessario, aiuta ad inginocchiarsi e piegarsi, a sedere il modello o a cambiare la postura della testa.

In questo modo la vista panoramica migliora l’effetto ritratto:

Foglie, un pezzo di cielo con una bella formazione di nuvole o una panchina da parco possono influenzare vantaggiosamente l’effetto del ritratto. Con questa selezione dipende da quale affermazione dell’ultima foto ritratto è desiderato.

Il gioco di nitidezza, luce e ombra nella fotografia di ritratto

Il motivo vero e proprio può essere creato solo controllando attentamente tutte le condizioni di luce, ombra e colore intorno al personaggio principale. Ulteriori suggerimenti migliorano la qualità di registrazione:

  • Consiglio Tre: Bokeh

In fotografia, il termine giapponese sta per sfocatura fotografica di sfondi. Ma invece di tremare, è proprio questo gioco di messa a fuoco con l’obiettivo di una macchina fotografica che nasce per una buona ragione: sottolinea i vantaggi del modello di ritratto. Tecnicamente, questo obiettivo di ripresa viene raggiunto cambiando l’apertura e la lunghezza focale e il fotografo si avvicina al modello. Il prerequisito per una sfocatura desiderata dello sfondo è che il modello venga rimosso da esso.

  • Consiglio Quattro: L’esposizione

Le riprese al buio saranno diverse da quelle effettuate in pieno giorno. Per un’esposizione ottimale, la fotocamera dovrebbe determinare la luminosità del modello. La misurazione dell’esposizione precedentemente richiesta si basa su questo criterio. Non importa quanto sia chiaro o scuro lo sfondo: solo il numero di esposizione della modella porta ad un ritratto veramente professionale.

Risultato: Oltre a tutti i consigli tecnici, la pazienza è l’aspetto più importante

Ci sono molti aspetti da considerare per ottenere un ritratto di vero successo. Con pazienza, questi quattro suggerimenti di base e altri criteri come la distanza, i punti di abbagliamento o gli occhi del modello, ogni ritratto può essere perfettamente fotografato. Un consiglio che non è stato menzionato qui è la pazienza. Perché anche la modella più bella è perfetta solo se ogni dettaglio in questo millisecondo della registrazione è corretto.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

I droni delle foto: Stabilizzatori di volo e la telecamera giusta per il dispiegamento dei droni

I droni sono dotati di una fotocamera integrata o di un sistema cardanico. Questa sospensione consente di montare una GoPro o, tramite adattatore, le proprie fotocamere. Se si desidera montare una fotocamera speciale, è necessario informarsi in anticipo presso un rivenditore fotografico. I singoli modelli non possono essere fissati nel cardanico. I due maggiori produttori sul mercato sono Parrot dalla Francia e la società cinese DJI Innovations.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Modelli attuali e prezzi dei droni

Ci si dovrebbe aspettare almeno 300 Euro se si desidera scattare foto con un drone. Modelli più economici sono adatti solo per l’apprendimento dei comandi. Poiché sono anche semplici nella struttura, un incidente non suscita direttamente preoccupazioni per le centinaia di euro che sono stati appena distrutti.

I modelli della serie Phantom di DJI sono molto popolari. Questi hanno una stabilizzazione del comportamento di volo e possono essere equipaggiati con un GoPro. Nella gamma bassa a quattro cifre, Phantom Vision è già dotato di una videocamera HD integrata con 14 megapixel. Sullo smartphone è possibile vedere cosa sta filmando il drone e muovere la telecamera attorno a tre assi.

E’ anche possibile regolare il comando di volo in base alla direzione di vista del drone, rispetto alla propria posizione e rispetto all’ultima linea di vista del drone. Ciò che suona teorico semplifica l’uso intuitivo nella pratica. Se il collegamento radio viene interrotto, i droni fantasma tornano da soli al punto di partenza e non si perdono immediatamente.

In alternativa, il Parrot AR.DROHNE 2.0 con fotocamera integrata (anche con il modello più economico a partire da circa 350 euro) è adatto ai principianti. Il suo controllo è facile da imparare ed è un’introduzione economica al mondo dei voli con i droni. Chiunque voglia realizzare riprese video e fotografiche di alta qualità con un drone deve comunque passare ad una risoluzione di 4K o investire direttamente in un drone di questo tipo. Questo ha il vantaggio di poter trascinare le foto dal video in qualità HD. Non sono più necessari voli separati per foto e video.

Principi legali per l’uso dei droni

Anche se stai bruciando per il drone dopo averlo comprato e vuoi solo decollare, non è così facile. La libertà di volo è limitata da una serie di leggi volte alla sicurezza pubblica, alla privacy e alla prevenzione di lesioni personali e danni alle cose.

Il funzionamento di droni di peso inferiore a 5 kg non richiede un permesso speciale. Nella gamma fino a 25 kg è necessaria un’autorizzazione. A partire da un peso di 25 kg l’operazione è vietata. Tuttavia, questo vale solo per gli utenti privati. Se si utilizza il drone a fini commerciali, ogni volo deve essere registrato presso l’autorità per la sicurezza aerea. Si consiglia di stipulare un’assicurazione di responsabilità civile prima del primo volo.

Copertura assicurativa in caso di incidenti di droni

La consueta copertura assicurativa non copre l’esercizio di tutti i tipi di aeromobili. Molti assicuratori offrono tariffe supplementari nulle o estremamente costose. Condizioni favorevoli sono da avere con l’adesione all’associazione di volo modello, tuttavia, limitare il permesso di volo alla zona dell’associazione. Esistono già offerte speciali – si distingue tra uso privato e uso commerciale. Molte di queste polizze offrono persino una copertura assicurativa in tutto il mondo. È necessario verificare attentamente l’entità della prestazione assicurativa, poiché un drone può essere un elevato numero di sinistri in caso di emergenza.

Dopo i “preparativi per il lancio” anche il volo con il drone è regolato dalla legge tedesca. Tuttavia, mancano molte leggi specifiche nel campo ancora giovane del volo dei droni, cosicché il fotografo si trova spesso nella zona grigia legale. Le aree sensibili come aeroporti, centrali elettriche e prigioni non devono assolutamente essere sorvolate. Alcune città hanno una propria no-fly zone – quindi Berlino può volare solo al di fuori dell’anello della S-Bahn. Se si osservano queste norme, nulla vi impedirà di godervi il volo su campi, laghi, coste e foreste.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Lenti per la fotografia sportiva: immagini nitide senza rumore

Nella fotografia sportiva, la scelta dell’obiettivo è fondamentale. Per le telecamere, i compromessi sono possibili e ci sono molte caratteristiche che sono ottimali, ma non un must. Un buon obiettivo per la fotografia sportiva ha molti meno criteri, ma questi devono essere soddisfatti per ottenere buoni scatti.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Buon obiettivo per la fotografia sportiva: Cosa guardare fuori

L’autofocus deve essere in grado di mettere a fuoco il soggetto con sufficiente rapidità. Oltre al motore e al modulo di messa a fuoco automatica nella fotocamera, gli obiettivi hanno anche un proprio motore di messa a fuoco automatica. Gli obiettivi economici di produttori terzi non possono eguagliare le prestazioni del motore degli originali Nikon e Canon. L’obiettivo crea altrimenti un collo di bottiglia che trasforma alcuni scatti promettenti in scarti.

I requisiti di apertura e lunghezza focale dovrebbero essere basati sullo sport, il che non significa che è necessario un arsenale di obiettivi. Per i possessori di una fotocamera Nikon, l’obiettivo AS-F è un vero tuttofare. Se si utilizza un Canon o un altro modello, l’obiettivo 70-200 mm f/2,8 è la scelta giusta. In linea di principio, un’apertura di f/4.0 ha senso solo in presenza di luce diurna. Per quasi tutti gli altri sport e applicazioni, è necessario selezionare un’apertura di f/2,8. Come regola generale, più sei lontano dall’azione, più alta dovrebbe essere la lunghezza focale.

Alcuni obiettivi offrono stabilizzatori d’immagine aggiuntivi. Questi non sono dannosi, ma anche non sono necessari. Questa funzione è particolarmente interessante se si desidera trascinare la fotocamera durante le gare automobilistiche per liberare l’auto da uno sfondo sfocato. È quindi particolarmente evidente e trasmette un motivo in movimento. Gli stabilizzatori d’immagine supportano tali ambizioni e forniscono una visione concentrata attraverso un mirino inclinato.

Impostazioni per la fotografia sportiva: Apertura, ISO & Co

Gli sport da campo e gli sport indoor in particolare hanno esigenze diverse. Sul campo sportivo, i teleobiettivi sono la scelta giusta per una buona luce diurna. Di solito ti siederai lontano dall’azione e sarai comunque in grado di avvicinare tutto. L’apertura può essere impostata su f/4.0, quindi non è necessaria un’ampia apertura durante le riprese. In questo modo si risparmia un’impostazione ISO elevata e si ottiene un’immagine più nitida. Se si desidera riprendere scene molto ravvicinate, è possibile iniziare con una lunghezza focale di 24 mm. Normalmente si è ben equipaggiati a partire da 70 mm. Con 400-500 mm è possibile dominare il campo di gioco anche dietro la linea di porta in alto.

Da 600 mm di lunghezza focale è difficile ottenere un buon risultato. La situazione è diversa quando si utilizza il super teleobiettivo. Se si registra una scena dal bordo del campo nell’area di rigore, la lunghezza focale di 600 mm è una buona scelta. Tuttavia, questa è più di un’opzione per i fotografi professionisti che hanno più macchine fotografiche. Per gli sport da corsa può essere necessaria anche una lunghezza focale di 700 mm, se la propria posizione è molto lontana dagli eventi.

Fasi in condizioni di scarsa illuminazione

Negli sport indoor, le condizioni di luce difficili prevalgono lontano dai campionati professionistici. Anche una partita sotto i riflettori sul campo di calcio può dare risultati preziosi nella qualità di registrazione con apertura f/4.0. Nei palazzetti dello sport scarsamente illuminati, non è possibile aggirare l’apertura f/2,8. L’otturatore si apre ulteriormente e più luce penetra nel sensore in breve tempo. E’ qui che l’autofocus rientra di nuovo in gioco.

Inoltre, un sensore di immagine (nella fotocamera) che fornisce buone immagini con valori ISO elevati aiuta. Il rumore dell’immagine non dovrebbe essere elaborato nella fotocamera, perché la qualità ne soffre. La fotocamera calcola solo internamente quali pixel di colore sarebbero adatti a questo punto. Se c’è un sensore di immagine così potente dietro l’obiettivo, non c’è bisogno di preoccuparsi di aperture f/2,8. Se questo non è il caso o se si desidera ottenere risultati di assoluta qualità, un obiettivo con apertura f/2,0 e lunghezza focale di 200 mm è una buona alternativa. Generalmente, le lunghezze focali negli sport indoor partono da 24 mm. Per le riprese della metà del gioco dell’avversario, è utile una lunghezza focale fino a 400 mm.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Telecamere per la fotografia sportiva: valori ISO corretti e funzione di scatto continuo

Chiunque sia interessato alla fotografia sportiva ha bisogno di una macchina fotografica con punti di forza specifici. Per i professionisti, il mercato è limitato ai modelli di due produttori. I prezzi d’acquisto sono ben al di sotto delle quattro cifre. I fotografi dilettanti ambiziosi non dovrebbero essere scoraggiati da questo, perché ci sono anche opportunità per loro di entrare nella fotografia sportiva.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Caratteristiche importanti di una macchina fotografica sportiva

Finché non si tratta di golf, scacchi o biliardo, c’è un rapido movimento sul campo da gioco o sulla pista. Se il soggetto è nel mirino, il risultato dovrebbe essere un’immagine nitida dopo il rilascio dell’otturatore. Un modulo di messa a fuoco automatica veloce e valori ISO elevati sono indispensabili. Per buone immagini, non dovrebbero esserci fastidiosi disturbi anche con impostazioni ISO elevate.

Esempi di foto di altri utenti su Internet mostrano la qualità delle foto ad alti valori ISO. Anche il rumore delle immagini è un argomento centrale nei rapporti di prova. Soprattutto, è importante che il rumore dell’immagine non sia semplicemente soppresso dal software all’interno della fotocamera. Il risultato è un calcolo e un cambiamento di colore dei pixel, dove i contorni possono andare persi.

Poiché il soggetto rimane in movimento, anche la funzione di ripresa continua è entusiasmante. È possibile confrontare l’efficienza della registrazione in serie nelle offerte dei produttori. È necessaria una scheda di memoria veloce per elaborare gli scatti, altrimenti rallenterà inutilmente gli scatti in serie. La scheda di memoria dovrebbe essere in grado di contenere un gran numero di immagini di buona qualità. È ottimale se la fotocamera dispone di un secondo slot per un’altra scheda di memoria.

Per quanto riguarda il punto, le impostazioni importanti non devono essere nascoste nel menu. Una buona macchina fotografica per la fotografia sportiva ha quindi pulsanti che possono essere afferrati rapidamente e facilmente. Si sente bene anche nella mano. Impedirà a lei di scivolare via da te nel bel mezzo della battaglia. Per la fotografia all’aperto, la protezione dagli spruzzi d’acqua contro la pioggia è l’ideale. In generale, si dovrebbe prestare attenzione ad una lavorazione robusta e sentire quando si utilizza una macchina fotografica per la fotografia sportiva.

Fotografia sportiva amatoriale e professionale

Tutte le caratteristiche di cui sopra sono combinate in telecamere della fascia di prezzo più alta. Poiché la maggior parte dei produttori di fotocamere vogliono rivolgersi al mercato di massa, i fotografi sportivi professionisti troveranno i modelli di loro scelta nei marchi Canon e Nikon. Anche i fotografi amatori possono acquistare questi modelli, ma devono essere consapevoli che stanno investendo nel puro lusso. Si dovrebbe quindi disporre di un budget adeguato o essere entusiasti dell’argomento nella misura più ampia possibile, in modo che l’investimento dia i suoi frutti. Con fino a 250.000 foto, le top model hanno una durata di vita più lunga rispetto alle normali fotocamere. È quindi possibile acquistare una macchina fotografica usata con la coscienza pulita se non si vuole fare a meno delle migliori prestazioni.

Di norma, tuttavia, i fotografi amatoriali non hanno bisogno di molte delle costose attrezzature professionali. Se non è necessario fornire immagini perfette in caso di vento e intemperie, la protezione dagli spruzzi d’acqua non è necessaria. Inoltre, non deve essere la funzione di scatto continuo più veloce. Perché, a differenza dei giornalisti sportivi, il vostro reddito non dipende dall’avere una certa scena al 100% nella scatola.

Sono ammessi errori e scarti. Questa tolleranza può già ridurre significativamente la fascia di prezzo delle telecamere che vengono messe in discussione per voi. Modelli di altri produttori possono quindi essere utilizzati anche per la fotografia sportiva se offrono un forte autofocus, sequenze di immagini rapide e valori ISO elevati con un basso rumore dell’immagine. I risultati sono impressionanti, anche se non costano migliaia di euro e devono abbellire la prima pagina di una rivista sportiva.

Sia i professionisti che i fotografi dilettanti ambiziosi troveranno macchine fotografiche adatte alla fotografia sportiva. Con un po’ di ricerca e la volontà di compromesso, si possono risparmiare molti soldi. Per la fotografia sportiva in particolare, la scelta dell’obiettivo è molto più importante di quella della fotocamera.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Filtro polarizzante: Utile per riflessi, arcobaleni, foglie e cieli azzurri.

I filtri polarizzatori sono utilizzati per filtrare alcuni piani di polarizzazione della luce incidente. In questo modo è possibile, ad esempio, far prendere vita ai riflessi o rendere il cielo blu più ricco e le nuvole di conseguenza più appariscenti. Il filtro polarizzatore è uno strumento speciale che richiede molta pratica per produrre risultati che vale la pena di vedere.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Polfilter: Come funzionano?

La luce è un’onda elettromagnetica. Queste onde scorrono su diversi piani inclinati. Disegnare un’onda luminosa su un foglio di carta per l’illustrazione. Poi prendete il foglio in mano e ruotatelo di qualsiasi angolo intorno all’asse longitudinale dell’onda luminosa. L’anta è il piano in cui si muove l’albero, la rotazione intorno all’asse longitudinale indica la diversa inclinazione di questo piano.

La luce normale con cui fotografiamo all’esterno e all’interno si muove in numerosi piani (piani di polarizzazione) che sono inclinati in modo diverso l’uno dall’altro. Un filtro polarizzatore è ora una minuscola griglia che permette il passaggio di sole onde i cui piani vibrazionali sono orientati parallelamente alle barre della griglia. Proprio come una chiave si inserisce in una serratura con un solo orientamento. Se si gira la chiave di 2 gradi a sinistra o a destra, non entrerà più nella serratura. Per poter filtrare tutti i livelli di vibrazione, i filtri polarizzatori sono sempre montati a rotazione davanti alla lente.

La luce normale è depolarizzata, cioè tutti gli angoli di inclinazione si presentano in proporzioni approssimativamente uguali. Un filtro polarizzatore viene quindi sempre utilizzato quando i singoli piani di polarizzazione sono occupati in varia misura dai singoli componenti della luce. Per esempio in riflessi, arcobaleni, fogliame e cieli blu.

Polfilter: Per cosa lo usi?

In particolare nella fotografia di prodotto, i riflessi sono generalmente indesiderati. Le superfici riflettenti come quelle che si trovano nelle automobili o nei mobili altamente lucidati devono essere prive di qualsiasi riflesso nel catalogo. L’uso di un filtro polarizzatore è quasi inevitabile. Se necessario, i riflessi sulle superfici d’acqua possono essere ridotti anche nella fotografia di paesaggio, ma lì sono per lo più desiderati.

Con un filtro polarizzatore il cielo può essere oscurato e le nuvole possono essere modellate più chiaramente. A tale scopo, il filtro polarizzatore deve essere correttamente allineato in base alla posizione del sole. Con obiettivi molto grandangolari, l’effetto può aumentare verso i bordi. Devi tenerlo d’occhio mentre lavori.
Il verde foglia può anche essere riprodotto in modo più ricco e chiaro con un filtro polarizzatore, così come un arcobaleno, che è più efficace di fronte ad un cielo oscurato dal filtro polarizzatore.

Lavorare con il filtro polarizzatore richiede un po’ di pratica. Non è sempre facile allinearlo correttamente in modo che l’immagine non perda la sua naturalezza. Tenete anche presente che il filtro polarizzatore filtra semplicemente la luce e dovete regolare il tempo di esposizione di conseguenza. Utilizzare un treppiede se necessario. Inoltre, il filtro polarizzatore – come qualsiasi altro filtro – influenza anche la qualità dell’immagine come elemento aggiuntivo nell’ottica. Il filtro polarizzatore è da considerarsi uno strumento speciale di cui è necessario sapere esattamente come funziona e come funziona. Per questo motivo, sono necessarie frequenti prove ed errori.

Risultato: Uno strumento utile per la fotografia di prodotto e di paesaggio

Il filtro polarizzatore è uno strumento utile soprattutto nella fotografia di prodotto, dove i riflessi sono assolutamente indesiderati. Ma può essere utilizzato anche nella fotografia di paesaggio, ad esempio per rendere più suggestivo un arcobaleno o per rendere più ricca la vegetazione delle foglie. Si tratta di uno strumento speciale la cui manipolazione deve essere stata provata e praticata più volte.

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Filtro gradiente grigio: Compensazione delle differenze di luminosità con filtri a innesto o a vite

I filtri gradiente grigio sono uno strumento utile quando si tratta di tenere sotto controllo il problema della gamma dinamica. Ha i suoi limiti di solidità del colore e di strane linee d’orizzonte.

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?

Filtri a gradiente grigio: Per cosa vengono utilizzati?

Soprattutto se fotografate principalmente paesaggi, avrete notato molto tempo fa che c’è sempre il seguente problema. Se il cielo è esposto correttamente, in modo che sia di un blu profondo e, se necessario, le nuvole si stagliano chiaramente e chiaramente, il paesaggio è sottoesposto in modo massiccio. Se il paesaggio è correttamente esposto e tutte le sottigliezze sono visibili, allora il cielo è di solito solo una superficie luminosa senza alcuna struttura o disegno.

Questo perché, a differenza dell’occhio umano, la fotocamera non può distinguere così bene le differenze di luminosità. Sia le differenze di luminosità (misurate in f-stop) in una scena che la capacità della fotocamera di gestirle sono chiamate gamma dinamica. Le buone fotocamere DSLR hanno una gamma dinamica fino a 13 f-stop.
Il problema di cui sopra può essere risolto con filtri a gradiente grigio. La mancanza di gamma dinamica della fotocamera non può essere modificata dalla successiva elaborazione dell’immagine.

Filtro gradiente grigio: Come funzionano?

Un filtro grigio gradiente ora funziona in modo tale da essere posizionato sull’obiettivo e quindi scurire in modo neutro la parte superiore della scena. Semplicemente lascia passare meno luce nella parte superiore, idealmente senza influenzare il colore. Nella parte inferiore è trasparente e tra le due parti c’è un’area di transizione, a seconda del progetto, che è sempre una linea retta.

I filtri a gradiente grigio sono differenziati a seconda di quanto è forte l’oscuramento. Le informazioni sono fornite in f-stop. Si dice, ad esempio, che il filtro si spegne due f-stop. Mentre l’oscuramento da 2 a 3 f-stop è il più comune, ci sono anche filtri che possono oscurare 4 f-stop. Anche la transizione tra l’area scura e l’area chiara può essere diversamente dura o morbida a seconda del filtro.

Vantaggi e svantaggi degli attacchi a vite e a innesto

I filtri gradiente grigio sono disponibili nelle versioni a vite e a innesto. I filtri avvitati hanno lo svantaggio che la linea di transizione non può essere spostata; ma questo è auspicabile perché la linea dell’orizzonte non è sempre esattamente dove il filtro vuole che sia. I filtri plug-in si sono così affermati sul mercato; possono essere spostati nella loro opzione slot avvitati sull’obiettivo.

A seconda della dimensione dell’obiettivo e del sensore, deve essere selezionata anche la dimensione del filtro appropriata. Tutte le misure comuni sono disponibili sul mercato.
I filtri gradiente grigio sono strumenti utili per tenere sotto controllo la gamma dinamica di una scena. Ma ovviamente hanno anche i loro limiti. Per esempio, la linea dell’orizzonte non è sempre una linea retta (per esempio in montagna).

Inoltre, anche gli esemplari più costosi raramente non sono mai resistenti ai colori. Un’alternativa al filtro gradiente grigio è, naturalmente, quella di effettuare diverse esposizioni della scena (bracketing) e poi sovrapporre in seguito i singoli scatti in digitale. Questo presuppone, tuttavia, che non ci siano oggetti in movimento nella scena, altrimenti le immagini non possono essere sovrapposte l’una sull’altra.

Il lavoro con il filtro gradiente grigio richiede un po’ di pratica. Ci sono due punti da considerare. Uno è la forza del filtro. È necessario essere in grado di valutare bene e in modo affidabile la gamma dinamica della scena in modo da poter scegliere la giusta forza per ottenere un contrasto ottimale. D’altra parte, è necessario posizionare correttamente la transizione in modo che l’immagine non appaia innaturale. Come sempre, la parola magica è: pratica!

Risultato: Il filtro gradiente grigio scurisce leggermente l’immagine, ma richiede un po’ di pratica

I filtri a gradiente grigio aiutano a risolvere il problema della gamma dinamica. Hanno i loro limiti con la solidità del colore e con la linea dell’orizzonte dispari (per esempio in montagna). Un’alternativa è la sovrapposizione digitale di diverse esposizioni della stessa scena. Tuttavia, ciò presuppone che non ci siano oggetti in movimento nella scena e che la fotocamera non cambi la sua posizione (treppiede).

+

Looking for a luxury property? New York, Los Angeles, Miami - Take a look at Lukinski: Luxury Realtor

+ AD + Do you know?