Costantemente K nell’intervista: Fashionicon Karin Teigl su must-have, relazioni felici e la sua vita quotidiana con Instagram

Intervista con Constantly K – Abbiamo parlato con la nota icona della moda tedesca e cannone dell’ispirazione Karin Teigl dei suoi must-have, della sua vita quotidiana, delle sue fonti di ispirazione e della sua felice relazione con il marito Georg. Con arguzia e fascino, Karin ci porta nel mondo del fashion blogging e dà consigli e suggerimenti su come tutti possono essere un po’ più eleganti in viaggio. Dà anche un’occhiata alla sua vita quotidiana e alla sua vita di Instagrammer di successo. Scopri com’è il giorno perfetto di Karin, perché ama così tanto il suo nuovo appartamento a Vienna e di quale capo d’abbigliamento pensa che nessun guardaroba dovrebbe essere privo!

Trasferirsi a Vienna: i punti salienti di Karin e perché l’appartamento è così speciale per lei

Il recente trasferimento a Vienna è stato un passo particolarmente grande per Karin e Georg. Scoprite perché è così e come Karin trova davvero toccante la sua nuova fase della vita qui. Parla anche del suo guardaroba, delle tendenze attuali, dà consigli di stile personale e ci rivela qual è il segreto del matrimonio felice tra lei e il marito Georg. E puoi scoprire com’è un giorno perfetto per Constantly K.

Casa insieme per Karin e il marito Georg

FIV: Ti sei recentemente trasferita con tuo marito Georg da Augsburg a Vienna e in un appartamento nuovo di zecca. Nel frattempo sembra che tu sia per lo più arredato, cosa ti piace esattamente della tua nuova casa, c’è qualcosa di esplicito? E ti senti a tuo agio a Vienna e nell’appartamento come prima ad Augusta?

Karin: Sì, sicuramente e al 100% mi sento a mio agio a Vienna come ad Augusta. Per me e mio marito Georg, Vienna è speciale perché finalmente abbiamo una casa insieme – e non stiamo parlando del bellissimo appartamento o dell’arredamento. La vita di Georg come calciatore professionista è in un certo senso una vita nomade. Si vive sempre molto da un posto all’altro e non si ha mai una vera casa. Con l’acquisto dell’appartamento – che ormai ha quasi un anno – abbiamo realizzato un piccolo sogno e creato una vera e propria base, Georg ed io insieme. Abbiamo anche un appartamento a Salisburgo, ma non è mai stata veramente la nostra casa insieme, era più la mia casa. Eravamo sempre a casa ovunque Georg suonasse, che fosse Augsburg, Lipsia o Braunschweig. E Vienna è la nostra prima “vera” casa dopo tutto questo tempo, dove possiamo anche dire che resteremo qui per i prossimi anni, lo possiamo ben immaginare. Questo è ciò che rende Vienna, l’appartamento qui e anche la città così speciale. A parte il bellissimo interno dell’appartamento stesso, questo è in realtà il punto principale per me, ed è ciò che lo rende così bello, unico e molto speciale per noi.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Il guardaroba di un’icona della moda e l’apprezzamento di Karin

FIV: Immaginiamo che per te, come amante della moda, il tuo guardaroba sia il tuo punto forte personale nell’appartamento, vero? Mentre siamo sull’argomento del tuo guardaroba: Hai attualmente una moda preferita o un must-have assoluto che ami o qualcosa che pensi che tutti dovrebbero avere nel loro guardaroba?

Karin: Sì, il mio guardaroba è sicuramente un punto forte. Devo sempre darmi un pizzicotto quando vado lì e vedo quello che ho accumulato nel corso degli anni. Anche se devo dire che prima del trasloco, mi sono separato da molte cose per la prima volta. Al momento è un po’ difficile, ma di solito organizzo regolarmente un mercatino di beneficenza dove il ricavato viene sempre donato. Sfortunatamente, non è possibile al momento, quindi tutto sta scoppiando qui, ma questo è il modo in cui è al momento. Ma sono sicuro che ci saranno presto altri grandi mercati delle pulci di moda. Ma sì, in realtà trovo il mio guardaroba mega da solo. Ogni tanto devo darmi un pizzicotto e pensare a quanto sia bello quello che posso sperimentare lì. Penso che questo apprezzamento non dovrebbe mai essere perso, perché altrimenti…. – È difficile, ma bisogna sempre ricordare come era una volta. E poi devo sorridere di nuovo, come sto facendo ora, e pensare a me stesso: “Vecchio svedese, che tipo di vita sto vivendo?

Le tendenze e i must have di Karin: trench oversize e scarpe importanti

Karin: Per arrivare alle tendenze: Direi che amo ancora i miei Combat Boots di Prada, che ho comprato l’anno scorso alla Fashion Week di Milano. Sono ruvide, ma le ho già indossate così tanto che l’investimento è valso la pena! Ma naturalmente ci sono anche alternative davvero, davvero ottime, per esempio da Bronx o Zara. Adoro gli stivali dell’esercito, penso sempre che siano cool. Penso anche che sia sempre bene avere un trench oversize in beige. Ci sono ora super fantastici cappotti vintage di Burberry, che sono anche disponibili ad un prezzo ragionevolmente accessibile – io ho comprato il mio a Parigi per 220€, per esempio. Non si può mai stare senza una cosa del genere. A parte questo, mi piace molto la pelle, specialmente ora in autunno. Mi piace anche combinare la pelle con la pelle, che trovo sempre molto cool. Ciò che trovo anche super cool in inverno sono i maglioni norvegesi, in realtà li indossavo con i miei pantaloni da corsa quando andavo a sciare e ora sono tornati di moda e mi piace perché mi ricorda la mia infanzia e gioventù – scatena una sensazione molto speciale in me – e questi maglioni sono ora di nuovo di moda e penso che sia semplicemente cool!

Fonte di ispirazione: colleghi scandinavi, Pinterest e il proprio senso della moda

FIV: Hai sempre nuovi vestiti nel tuo repertorio e riesci a ispirare i tuoi follower con le tue nuove foto e i tuoi look, quindi ovviamente ci si chiede: dove prendi l’ispirazione quotidiana/regolare per i tuoi look? Anche tu controlli i colleghi su Instagram, ti fai ispirare dai partner di cooperazione o sei tu la tua più grande fonte di ispirazione?

Karin: Sono davvero ispirata da tutte le parti. Mi capita raramente di leggere riviste e ho un piccolo “uccellino”: quando compro riviste come Instyle, Grazia o Woman (Austria), non riesco a leggerle subito. È un mio tic, aspetto sempre il momento perfetto – e poi arrivo a guardare 6 settimane dopo, dopo che tutto è già uscito di nuovo. La mia ispirazione viene dalle riviste quando trovo il tempo, ma altrimenti la mia principale fonte di ispirazione sono ovviamente i miei colleghi – questo è sicuro. Adoro i blogger scandinavi, per esempio, fanno un ottimo lavoro. Ma anche con noi, lì trovo molta ispirazione. Trovo anche Pinterest una grande fonte di ispirazione, amo navigare lì e guardarmi un po’ intorno.

Karin: In passato, naturalmente, erano anche le Settimane della Moda, dove si era in giro davanti a Corona, dove si poteva trarre molta ispirazione. A parte questo, ho – me lo chiedono spesso ed è difficile da descrivere – ma ho anche semplicemente un senso della moda e delle tendenze. Vedo spesso cose in cui so “lo compro subito” e poi diventa di tendenza qualche mese dopo. Ma ci sono sicuramente anche pezzi che mi prendono più tempo. Bottega Veneta, per esempio, era un marchio di tendenza, molte persone hanno già avuto le loro borse e scarpe e non l’ho “sentito” per molto tempo. Quindi con certe marche ci metto più tempo, mentre Isabel Marant, per esempio, è una marca di cui sono fan da anni. Quando ha avuto la collaborazione con H&M – nel 2013 – amavo già il marchio. Quindi penso di avere anche un buon senso e cerco di essere individuale per me stesso. Non sempre funziona, ma cerco sempre di fare le mie cose. Che sia troppo folle o meno, non mi interessa molto. In quel momento, sento un sacco di sguardi in cui penso a me stesso dopo “a cosa stavo pensando quando l’ho indossato?”, ma in quel momento era cool e in quel momento volevo indossarlo così ed è per questo che lo sostengo.

Instagram, vantaggi e svantaggi della carriera: diversità e responsabilità personale

FIV: Il tuo lavoro è incredibilmente ampio, gestisci il tuo account Instagram e altri social media, oltre al tuo sito web. Sei un creatore di contenuti, esperto di marketing, modello e imprenditore tutto in uno – e ora sei anche in un matrimonio felice, che è certamente spesso molto stressante. Ma sembra che lei ami ancora molto il suo lavoro, perché condivide la sua gratitudine e il suo apprezzamento per questo stile di vita con i suoi seguaci più spesso. Cosa le piace di più del suo lavoro? E c’è qualcosa a cui ha dovuto rinunciare per questo lavoro che le manca molto o che vorrebbe avere di nuovo?

Karin: Quello che mi piace di più del mio lavoro è sicuramente la diversità e i diversi modi di essere e fare, ogni giorno è diverso, nessun giorno è uguale all’altro. So che è una frase trita e ritrita, ma ho 36 anni e ho già lavorato molto come dipendente, il che è stato meraviglioso (ho avuto grandi lavori), ma mi fa apprezzare ancora di più quello che faccio ora – perché non ci sono due giorni uguali e posso pianificare le mie giornate. Ma questo porta con sé anche una certa responsabilità, naturalmente. Perché se non faccio niente per due settimane, semplicemente non funziona. Non c’è un giorno in cui non pubblico le mie 3 foto o non faccio qualche storia. Sono sempre online 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, che io sia in vacanza o meno, non importa – questa è una maledizione e una benedizione allo stesso tempo.

Karin: Quello che a volte mi manca di questo lavoro, per esempio, è il tempo cosciente offline. E questo anche se lo prendo – dopo le 20:15, di solito non ho più il cellulare. Ma indipendentemente da questo, devo comunque essere presente, e come ho detto prima, questa è una maledizione e una benedizione allo stesso tempo. Quella spensieratezza che avevo: tornavo a casa e mettevo via il cellulare – non c’è più in questo lavoro. A volte mi manca, ma sta a noi introdurre regole e fissare limiti per noi stessi. Per esempio, dovresti semplicemente dire: “Ok, non userò più il cellulare! Ma tutto ciò è di gran lunga superato per me dagli aspetti positivi del lavoro, amo la moda, ho sempre avuto un “uccello della moda”, lo dico in ogni intervista e sono semplicemente grata di poterlo fare. È questo che mi piace così tanto – che riesco a vivere il mio sogno!

La vita quotidiana e la routine sono importanti: sport, tempo per due e l’abbigliamento giusto

FIV: Con questo stile di vita così vario ed esigente, sicuramente cerchi ancora di strutturarti una certa routine quotidiana. Per alcuni è lo sport, per altri il caffè o una passeggiata serale, c’è qualcosa di cui non potresti mai fare a meno nella tua personale “vita quotidiana”?

Karin: Strutturare la mia vita e creare routine per me stesso è incredibilmente importante! Non è sempre facile, soprattutto in questo lavoro è super difficile perché, per esempio, spesso non sono a casa per 5 giorni in un mese, ma solo in viaggio. Nei tempi attuali è molto più facile perché sono spesso a casa. Da un lato, questo rende tutto più facile, ma dall’altro, è anche difficile, proprio perché sei a casa tutto il giorno. Questo significa che devo consapevolmente alzarmi, consapevolmente vestirmi bene, perché altrimenti sono in giro con un look da baggy tutto il giorno e poi mi sento “baggy” di conseguenza.

Per me, per esempio, tutto questo non funziona senza sport, faccio sport 6 volte alla settimana. Lo sport è per me il massimo per iniziare la giornata. Anche il caffè, anche se sto cercando di ridurre un po’ il suo consumo. Non sono un camminatore, almeno non a Vienna, perché qui è un po’ difficile. Mi piace andare a passeggiare nel parco, ma non è una routine assoluta ora. Direi proprio che questa cosa del fitness come prima cosa al mattino – sono una persona che fa già sport alle 5 o 6 del mattino – e poi il caffè, che fa parte della mia routine, difficilmente potrei farne a meno.

Segreto del loro matrimonio felice: tempo offline insieme

FIV: È sempre difficile destreggiarsi in tutto, soprattutto quando si ha un successo professionale come te e Georg. Tuttavia, sono sicuro che cerchi anche di prendere consapevolmente del tempo per te stesso e per entrambi. Come sarebbe un giorno perfetto per te personalmente?

Karin: Naturalmente Georg ed io pianifichiamo consapevolmente il tempo per noi, e questo significa sempre mettere via il cellulare – consapevolmente. Allora sei nel momento, puoi rispondere al tuo partner e penso che dopo 10 anni di relazione, di cui 3 anni siamo stati sposati, questa è anche un po’ la nostra chiave per una relazione felice, che prendiamo consapevolmente tempo per noi stessi, ci ascoltiamo, comunichiamo l’uno con l’altro e lo facciamo senza un telefono o qualsiasi distrazione, semplicemente rispondiamo al nostro partner al 100%. Direi che questo è il mio “segreto” e la ragione per cui funziona così bene tra me e Georg.

Ecco com’è un giorno perfetto per Constantly K

Karin: Per me personalmente, una giornata perfetta inizia facendo sport con mio marito quando possibile, come andare a correre insieme a Vienna Schönbrunn. Entrambi amiamo anche fare colazione, la colazione è il pasto più bello per noi. Ci piace anche a casa, ma in questo momento abbiamo voglia di un caffè fresco di nuovo …. Ma prendo sempre consapevolmente il tempo al mattino con me, è l’inizio perfetto: sport, poi prepararsi a casa senza stress e in pace – senza scadenze di contenuti ecc., poi andare a fare colazione, poi di nuovo a casa, forse un po’ di bicicletta o giocare a tennis nel pomeriggio (Georg e io amiamo il tennis), questo fa sicuramente parte di esso. Si vede che siamo persone molto attive, ma possiamo anche essere molto pigri. La sera siamo davvero nonna e nonno perché di solito andiamo a letto prima delle 10, ieri, per esempio, siamo andati a letto già alle 9 e 20, ci sono giorni così. Quelli sono i giorni perfetti: molto esercizio, tempo per noi, attività insieme, un po’ di tempo sul divano e poi a letto presto.

I consigli di stile dei professionisti: un paio di scarpe di qualità, una borsa di classe e pezzi vintage

FIV: Infine, una domanda per i nostri lettori amanti della moda: Come amante della moda e professionista del settore, hai un consiglio di stile definitivo – qualcosa a cui si dovrebbe assolutamente prestare attenzione o che potrebbe migliorare qualsiasi outfit?

Karin: Trovo difficile dare l’ultimo consiglio di styling. Ci sono diversi consigli, dipende sempre da diversi fattori. Ma penso, per esempio, che vale sempre la pena investire in un bel paio di scarpe. Un bel paio di sneakers che sono forse un po’ più senza tempo, che valorizza ogni look – e naturalmente una bella borsetta! Io opterei per una borsa vintage, Dior, per esempio, ha grandi offerte a Vestiaire, dove si possono ottenere borse di questo tipo a partire da 500-600 euro – se si risparmia un po’. Oppure puoi comprare una borsa vintage Louis Vuitton o Chanel per soli 800 euro da Vestiaire. Penso che un tale it-piece valorizzi ogni look. Ma se non avete un tale budget o non volete spenderlo, potete anche comprare dei sosia super cool, da Mango per esempio. Penso che una borsa di classe – non importa di che marca sia, e se è qualche etichetta emergente di classe – migliora ogni vestito. Ma anche i gioielli! Ci sono così tante etichette giovani e cool dove puoi comprare gioielli di alta qualità a buon mercato, non deve essere sempre di fascia alta. Sono anche una grande fan del vintage, ne vale sempre la pena e soprattutto è un investimento di cui si può godere per molto tempo!

FIV: Grazie mille per averci dedicato del tempo per questa intervista. Speriamo che tu rimanga in salute e il team di FIV Magazine augura a te e a Georg tutto il meglio per il futuro!

Sei in vena di altri contenuti di Constantly K o vuoi dare un’occhiata più da vicino al feed e al sito web di Karin? Allora basta dare un’occhiata al suo sito web!