Alexander McQueen – visionario, provocatore e talento eccezionale

Alexander McQueen – un talento eccezionale che ha scioccato il mondo della moda non solo con i suoi disegni innovativi, creativi e soprattutto provocatori, ma anche con il suo suicidio a soli 40 anni. Le sue eccentriche collezioni hanno scioccato e deliziato, ma la star della moda britannica l’ha avuta tutt’altro che facile. La sua natura timida e sensibile e i vari colpi del destino hanno spinto il designer straordinariamente creativo in una depressione che alla fine non è riuscito a superare. Ciò che rimane è l’eredità del suo nome e di molte sfilate di moda leggendarie e iconiche del passato. Alexander McQueen è stato un designer eccezionale, anche se tragico.

Alexander McQueen: La carriera di un bambino prodigio

Lee Alexander McQueen è uno dei più importanti stilisti britannici del suo tempo, insieme a Vivienne Westwood e John Galliano. È nato il 17 marzo 1969 a Londra. Già da piccolo, fin da piccolo, faceva il sarto per le sue tre sorelle, scoprendo così in tenera età la sua passione per la moda e il design. All’età di 16 anni si è formato come sarto maschile presso i tradizionali sarti “Anderson & Sheppard” nella famosa Savile Row di Londra. Ha poi lavorato come costumista per il teatro e come assistente di Romeo Gigli a Milano. Ha poi studiato design di moda al Central Saint Martins College di Londra, che ha prodotto anche grandi nomi come John Galliano e Stella McCartney. Ha ricevuto il suo Master of Arts nel 1992 con una collezione di laurea leggendaria, che è stata subito acquistata dalla stilista e giornalista di moda inglese Isabella Blow. Blow doveva diventare per lui una musa, un pioniere e un mentore, ma soprattutto un amico intimo. Un anno dopo la laurea ha fondato la propria etichetta “alexandermcqueen”, che da allora ha avuto successo.

Nel 1997, con l’aiuto di Isabella Blow, McQueen diventa stilista di alta moda per la casa di moda Givenchy – come successore di John Galliano. L’obiettivo di questo cambiamento di personale era quello di ringiovanire l’aspetto dell’etichetta. Tuttavia, McQueen non è stato in grado di sviluppare una linea chiara per Givenchy, motivo per cui ha finalmente perso il suo posto nel 2000. Tuttavia, è rimasto direttore creativo del proprio marchio sotto il gruppo di beni di lusso PPR, al quale appartiene anche il Gruppo Gucci.

FIV News >
IVANMAN - Fashion Week Berlin 2019

L’ultima sfilata di moda “Platos Atlantis” 2010

L’ultima mostra che McQueen ha completato prima della sua morte – Platos Atlantis è considerata una delle collezioni più leggendarie, innovative e spettacolari dello stilista. Soprattutto Lady Gaga amava i suoi disegni.

Accesso con la provocazione? Non è un compito facile

Alexander McQueen è oggi celebrato nel mondo della moda come un talento e un genio eccezionale, ma la strada verso questa fama è stata difficile. Con le sue creazioni provocatorie, eccentriche e talvolta scandalose, all’inizio incontrava spesso l’incomprensione. Ad esempio, la sua tesi finale al Central Sant Martins College di Londra era intitolata “Jack lo Squartatore perseguita le sue vittime”, un’allusione al famoso serial killer britannico Jack lo Squartatore. Si è rapidamente guadagnato il titolo di “enfant terrible” o “cattivo ragazzo” nel mondo della moda, sia per le sue collezioni che per il suo comportamento. Dopo una sfilata in passerella, ad esempio, ha mostrato le natiche nude a tutti i presenti durante un inchino tirandosi deliberatamente giù i pantaloni. Si è fatto anche raro per la stampa e ha cancellato diverse interviste.  La sua collezione “Highland Rape” (1995) è stata ispirata dall’abuso degli antenati scozzesi di McQueens da parte degli inglesi. Le modelle indossavano abiti di pizzo strappato e spruzzate di sangue finto. È stato più volte accusato di misoginia, ma lui stesso ha sempre affermato il suo obiettivo di conquistare le donne. Lo stesso McQueen ha detto di questa collezione: “Voglio che la gente abbia paura delle donne che vesto”.

“Non mi importava di quello che la gente pensava di me, non mi importava di quello che pensavo di me stesso. Così ho tirato fuori il mio lato oscuro e l’ho messo in passerella. Alexander McQueen sulla sua collezione “Jack lo Squartatore perseguita le sue vittime” (Fonte: Documentario su AMQ di Ian Bonhote e Peter Ettedgui)

McQueen è sempre stato considerato un personaggio timido. Era riluttante a farsi vedere in pubblico, era sensibile e aveva pochi amici. Secondo il suo psichiatra, egli soffriva di depressione e di vari sentimenti di ansia da molto tempo prima della sua morte. Era molto ambizioso ed era sempre sotto un’immensa pressione per lavorare. Da un lato aveva la sensazione che il design della moda fosse l’unico settore della sua vita in cui aveva ottenuto qualcosa, dall’altro si sentiva di solito molto depresso e isolato dopo il duro lavoro e le sfilate finali. Non ha mai potuto veramente assaporare il suo successo, ha sempre voluto di più, non è mai stato abbastanza per se stesso – eppure era consapevole del suo genio e del suo talento ed è sempre rimasto persistente. Anche il suo coming out come omosessuale non è stato facile per McQueen, soprattutto suo padre ha avuto bisogno di molto tempo per accettare il figlio così com’era. La rabbia, il romanticismo, il buio e la malinconia facevano sempre parte del suo lavoro.

FIV News >
Theuerkorn: modello Dior e Rap Idol

Collaborazioni

  • Damien Hirst & Alexander McQueen: The Collaboration (2013)
  • PUMA x Alexander McQueen (2005)

Sfilate di moda leggendarie

  • “Jack lo Squartatore perseguita le sue vittime” (1992): riferimento al famoso serial killer britannico.
  • “Highland Rape” (1995): il suo trattamento della storia scozzese, secondo cui le truppe inglesi occuparono violentemente la Scozia (guarda: seni nudi, vestiti strappati, lividi dipinti, inciampando sulla passerella, sangue finto)
  • “Dante” (1996): ha avuto luogo in una chiesa i cui architetti avrebbero avuto tendenze sataniche, dal nome del poeta (guarda: modelle con corna, scheletri o maschere di pizzo)
  • “Giovanna” (1998): ispirata alla martire cattolica Giovanna d’Arco (look: modelle in camicie di maglia a catena, abiti stampati con i volti dei figli della famiglia zar russa assassinata Romanov, capelli nascosti sotto berretti di silicone, lenti a contatto rosse, fuoco vero sulla passerella)
  • “No.13” (1999): il mitico spettacolo in cui la top model Shalom Harlow, vestita con un abito bianco, stava in piedi su un giradischi tra due robot di pittura, che spruzzavano di vernice lei e l’abito.
  • “Platos Atlantis” (2010): l’ultima mostra di McQueen, visione di un mondo sottomarino come conseguenza del cambiamento climatico, ambiente di un laboratorio di ricerca (Guarda: modelli come esseri ibridi alieni, trucco protesico)

Mostra di moda “Highland Rape” 1995

Moda Show “No.13” 1999

Alexander McQueen è morto. Cosa è successo all’etichetta

McQueen ha condotto una vita piena di difficoltà e spesso è finito sui giornali per via delle scappatelle della droga. Nell’estate del 2000 sposa il documentarista George Forsyth a Ibiza (Kate Moss è la sua damigella d’onore), ma solo un anno dopo i due si separano ufficialmente e divorziano. Nel 2007 la sua musa e confidente Isabella Blow si è tolta la vita. Quando sua madre Joyce morì nel 2010 all’età di 75 anni, McQueen non riusciva più a sopportarlo. Madre e figlio avevano un rapporto molto stretto e intimo e Joyce era uno degli amici più stretti di McQueen. È stato trovato morto nel suo appartamento a Mayfair l’11 febbraio 2010, il giorno prima del funerale di sua madre. In un biglietto d’addio aveva chiesto

“Prenditi cura dei miei cani. Scusa, ti amo.

La sua morte è arrivata come una sorpresa, ma un successore per l’etichetta è stato rapidamente trovato: Sarah Burton – braccio destro di McQueen dal 1996 e più recentemente designer della collezione femminile – ha assunto il suo ruolo e ora è direttore creativo della casa di moda britannica dal 2010. Quindi l’etichetta esiste ancora, ma è più orientata al mercato ed è destinata principalmente a produrre “moda indossabile”. Sotto Sarah Burton, il marchio ha acquisito nuova fama solo con i disegni dell’abito da sposa di Kate Middleton e dell’abito da damigella d’onore di sua sorella Philippa.

FIV News >
Daisy Paige: modello virtuale, tempo libero & social media