Compra Jade: Prezzo, caratteristiche, colore e valore – Investment Gemstone

Comprare giada – La giada è particolarmente richiesta dagli investitori in Cina. Rispetto all’oro, la pietra o il minerale non è così costoso. L’oro costa attualmente 61 dollari al grammo, avendo rotto la soglia dei 2.000 dollari. La giada costa attualmente solo 0,81 dollari al grammo. Trasformato in status symbol e gioielli, tuttavia, sta diventando sempre più attraente come investimento. La pietra di giada più grande del mondo ha un valore incredibile di 170 milioni di dollari. Pesa 210 tonnellate e viene dal Myanmar (ex Birmania). Naturalmente, la pietra di giada veniva immediatamente spedita in Cina, dove veniva trasformata in status symbol e gioielli. Gran parte della produzione di giada del Myanmar, per un valore di 31 miliardi di dollari all’anno, va alla Cina. L’estrazione della giada e la sua industria rappresentano la metà del PIL del Myanmar. Qui imparerete quasi tutto sul minerale! Ma partiamo da zero. Da dove viene la giada? Cosa rende la giada così desiderabile? Quanto costa la giada? Puoi trovare altri consigli su come investire in pietre preziose qui: Investimento in pietre preziose.

Prezzo: Quanto costa la giada? Grammo, carato e chilo

Giada è il nome dato a un gruppo di gemme diverse. Il prezzo di una pietra di giada dipende dall’intensità del colore e dal fatto che si tratti di giadeite o nefrite. La nefrite sta perdendo il suo status sul mercato da qualche anno perché ci sono molte imitazioni e di conseguenza non è più così costosa. La giadeite con un colore puro e forte è la più preziosa e le pietre lisce e di colore uniforme sono le più costose. Soprattutto l’ambita giada imperiale è un investimento prezioso per gli investitori.

Infatti, ogni pietra è valutata individualmente. Il prezzo è fissato da commercianti, gioiellieri e case d’asta. Ma se guardiamo l’esempio precedente, si avrebbero i seguenti prezzi di vendita.

Esempio di calcolo (Fondo Giada in Myanmar)

210 tonnellate > 210.000 kg

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

170.000.000 / 210.000 kg

809.52 USD / chilogrammo

4,05 USD / carato

0,81 / grammo

Confronto dei prezzi oro / giada

Suggerimento, leggi di più su come comprare l’oro qui.

  • Oro al grammo: 61 USD
  • Giada per grammo: USD 0,81

Produzione di giada nell’anno

Ecco le cifre ufficiali del Myanmar (governo):

Prezzo medio: Esportazione in Cina

Apprezzamento del valore dopo l’esportazione in Cina

Origine del nome messicano

Il termine giada deriva da piedra de ijada = pietra del lombo. Questo deriva dal fatto che era considerato come una pietra curativa dagli indigeni del Sud America per i disturbi dei lombi e dei reni. Tuttavia, ricevette il suo nome solo nel XVI secolo, durante la conquista del Messico da parte degli spagnoli. La giada, o yu come è comunemente conosciuta in Cina, è in realtà un termine generico per due gemme diverse: Nefrite e Jadeite.

Composizione eccezionale

In origine, si presumeva che tutti gli oggetti di giada fossero fatti dello stesso materiale. Nel 1863, tuttavia, un francese, Alexis Damour, scoprì che il materiale conosciuto come “giada” può essere diviso in due minerali diversi: Jadeite e Nephrite. Poiché questi due materiali sono difficili da distinguere e poiché la parola “giada” è così profondamente radicata nel linguaggio comune, il nome giada è ancora comunemente usato in molte società, industrie e discipline accademiche.

Denominazioni dei materiali

In questo articolo, la parola “giada” è usata per i materiali indifferenziati. “Jadeite” o “nefrite” è usato quando l’identità del materiale è nota. Anche la parola “nefrite” è un termine impreciso. Si usa per i materiali costituiti dai minerali actinolite e tremolite.

Giadeite, Nefrite e Scienza

La giadeite e la nefrite hanno una composizione minerale nettamente diversa. La giadeite è un pirosseno ricco di alluminio, mentre la nefrite è un anfibolo ricco di magnesio. Tuttavia, i due minerali hanno proprietà fisiche molto simili all’occhio della persona media. Solo gli osservatori addestrati con una notevole esperienza sono in grado di distinguerli in modo affidabile senza attrezzature di analisi minerale. Per questo motivo, la giadeite e la nefrite non furono distinte correttamente dagli scienziati fino al 1863.

Origine della distinzione

Senza saperlo, gli artigiani cinesi avevano distinto la giadeite dalla nefrite e l’avevano valutata abbastanza da pagare un prezzo elevato per la giadeite. Tuttavia, non avevano le conoscenze e le attrezzature in chimica e cristallografia per distinguerli formalmente.

Raramente gli artigiani cinesi si sono imbattuti nella giadeite a grana fine con una brillante traslucenza e un colore verde ricco e uniforme. A questo bellissimo materiale fu dato il nome di “Giada Imperiale” ed era considerato la pietra di più alta qualità. A quel tempo in Cina, il possesso della giada imperiale era riservato solo all’imperatore. Ora chiunque se lo può permettere può possedere la Giada Imperiale. I migliori esemplari possono costare di più al carato dei diamanti di alta qualità.

  • Gli artigiani cinesi hanno scoperto la differenza per la prima volta
  • Tuttavia, non aveva strumenti e conoscenze per indagare ulteriormente
  • Solo l’imperatore era autorizzato a possedere giada imperiale in Cina

Ancora molto richiesta: la giada in Cina

I cinesi apprezzano la giada molto più di qualsiasi altro popolo. Per migliaia di anni, la giada è stata la pietra preziosa più popolare in Cina. Gli imperatori cinesi desideravano eccellenti esemplari di giada, e commerciavano o facevano la guerra con popoli lontani per acquisirli. In Cina, i regali di giada sono dati in quasi tutte le stazioni importanti della vita, come compleanni, anniversari, matrimoni e altre celebrazioni. È anche un materiale comunemente usato per fare arte religiosa. La Cina è il paese dove l’importanza della giada è maggiore.

Storia delle gemme verdi

La giada è conosciuta fin dall’età della pietra ed era un minerale molto ricercato, soprattutto nell’antica Cina, dove a volte era valutata quasi quanto l’oro, ma anche in tutto il mondo. È stato considerato uno yu, una “gemma reale”, in Cina fin dal 3.000 a.C. Ha sempre avuto un significato molto speciale nella lunga storia dell’arte e della cultura. Veniva usato per gli oggetti e le figure di culto più raffinati, così come per gli oggetti di sepoltura per i membri di alto rango della famiglia imperiale. Ancora oggi, questa pietra preziosa è considerata un simbolo del buono, del bello e del prezioso.

Il primo uso della giada negli strumenti

La gente usa la giada da almeno 100.000 anni

I primi oggetti realizzati in giada erano utensili. La giada è un materiale molto duro e viene usato come strumento perché è estremamente duro e si rompe per formare bordi taglienti. La maggior parte della giada non ha il colore e la traslucenza che ci si aspetta da una pietra preziosa. Tuttavia, quando i primi uomini trovavano questi pezzi speciali di giada, erano spesso ispirati a farne un oggetto speciale.

La tenacità è la capacità di un materiale di resistere alla frattura quando è sottoposto a stress. La durezza è la capacità di un materiale di resistere all’abrasione. I primi fabbricanti di utensili approfittarono di queste proprietà della giada e la modellarono in strumenti da taglio e armi. Veniva usato per fare asce, punte di proiettili, coltelli, raschietti e altri oggetti taglienti.

  • Usato per 100.000 anni
  • Oggetti più antichi: Strumenti
  • Molto resistente e duro

Duro significa nel contesto delle pietre preziose: Capacità di un materiale di resistere alla rottura. Durezza significa: capacità di un materiale di resistere all’abrasione.

L’uso odierno della giada come pietra preziosa

La giada è un materiale durevole e colorato che può essere lavorato in forme e altamente lucidato. Queste proprietà lo rendono una gemma altamente desiderabile. La giada è stata usata per fare una varietà di articoli di gioielleria come ciondoli, collane, anelli, bracciali, orecchini, perline, cabochon, pietre burattate e altri oggetti.

Questi gioielli sono spesso fatti di giada solida, combinata con altre pietre preziose o incastonata in montature d’oro, argento o altri metalli preziosi. Oltre ai gioielli, la giada è anche usata per fare piccole sculture, ornamenti, arte religiosa e piccoli oggetti funzionali.

Commercio di giada: video

Pericolo di confusione!

Maw sit sit

Maw Sit Sit è una roccia composta da giadeite, albite e kosmochlor (un minerale legato alla giadeite). Ha un colore verde-cromo chiaro e può essere brillantemente lucidato. Per queste ragioni, è usato come pietra preziosa. Maw Sit Sit è stato identificato correttamente per la prima volta nel 1963 vicino al villaggio di Maw Sit Sit nella Birmania nord-occidentale ai piedi dell’Himalaya. Questo è l’unico posto dove è stato scoperto finora. Si usa per tagliare cabochon e fare piccole sculture. A causa della sua scarsità e della bassa produzione, è raramente usato in gioielleria.

  • Roccia di giadeite, albite e cosmochlore
  • Identificato per la prima volta nel 1963 sull’Himalaya, vicino al villaggio di Maw Sit Sit.
  • Finora l’unico sito di ritrovamento
  • Solo raramente in gioielleria

Materiali simili

Un certo numero di altri minerali e materiali che sono comunemente tagliati e lucidati sono facilmente confusi con la giada. Tutti questi materiali possono avere un colore, una lucentezza e una traslucenza molto simili alla giada – così simili che la persona media non può riconoscerli. Questi materiali sono spesso usati per fare cabochon, perline e altri oggetti nello stesso stile della giada. A volte arrivano sul mercato con e senza divulgazione. Sono spesso etichettati come “giada” o con uno dei tanti nomi impropri.

Calcedonio

Il calcedonio è una varietà traslucida di quarzo microcristallino che si presenta in una gamma di colori simili alla giada. Il crisoprasio è un calcedonio color cromo verde chiaro che, tagliato in cabochon, perline e piccole sculture, è molto simile alla giada. Il calcedonio si presenta in una varietà di altri colori traslucidi come il nero, il lavanda, il giallo e l’arancione, che possono assomigliare alle variazioni di colore della giada. Il calcedonio può sembrare molto simile alla giada come pietra preziosa. Può essere distinto dalla giada per il suo peso specifico inferiore e per una varietà di metodi strumentali.

Serpentina

Il serpentino si presenta in una varietà di meravigliosi colori da verde traslucido a quasi trasparente e verde-giallastro che assomigliano molto alla giada. È un minerale metamorfico che spesso si trova nelle stesse aree geografiche e negli stessi tipi di roccia della giada. Il serpentino è molto più morbido della giada e ha anche un peso specifico molto più basso.

La vesuvianite, conosciuta anche come idocrasi, è un altro minerale simile alla giada che è molto difficile da distinguere dalla giada senza test di laboratorio. Ha una durezza, un peso specifico e un aspetto fisico simili. Non è resistente come la giada e si rompe più facilmente – ma questo richiede la distruzione del campione.

Tipi di giada, trattamenti e consigli per l’acquisto

Per migliaia di anni, le persone che fanno e vendono oggetti di giada hanno trovato molti modi per migliorare il loro aspetto. Calore, cera, tintura, candeggina, acido, iniezione di polimeri e altri trattamenti sono stati utilizzati per migliorare il colore, la lucentezza e la stabilità della giadeite e della nefrite. Anche se molti di questi trattamenti fanno parte del tradizionale processo di fabbricazione della giada, i seri acquirenti di giada di oggi vogliono conoscere tutti i trattamenti che sono stati utilizzati nel processo di fabbricazione.

Classificazione in tipo A, B e C

Gli oggetti commerciali di giadeite sono classificati in tre “tipi” a seconda dei trattamenti utilizzati durante il processo di fabbricazione. Sono chiamate giadeite di tipo A, di tipo B e di tipo C.

Un medaglione di giada: il colore verde intenso salta subito all’occhio:

Giadeite tipo A: trattamento con strato di cera

Gli oggetti di giadeite di tipo A sono stati trattati con un rivestimento di cera. Questo è il trattamento più tradizionale della giadeite. È previsto e accettato dagli acquirenti seri e generalmente non influisce sul valore di un oggetto in giada. In questo trattamento, i fabbricanti fanno bollire gli oggetti di giadeite finiti in acqua per pulirli e prepararli all’applicazione della cera. Gli oggetti vengono poi asciugati e immersi nella cera fusa. La cera riempie tutti i pori e le fratture vicino alla superficie. Quando gli oggetti si sono raffreddati, la cera in eccesso viene rimossa e gli oggetti vengono lucidati a specchio. La cera riempie le irregolarità della superficie e dà alla superficie dell’oggetto una finitura liscia e lucida.

Giadeite tipo B: sbiancamento con acido cloridrico o solforico

Gli oggetti di giadeite di tipo B sono stati sbiancati per immersione in acido cloridrico o solforico. L’acido rimuove le macchie di ossidazione e rilascia il sodio. Questo schiarisce il colore di molti materiali. La giadeite viene poi impregnata sotto pressione di cera o di una resina polimerica trasparente. L’impregnazione riempie tutti i pori e le fratture vicino alla superficie e conferisce all’oggetto una migliore levigatezza, lucentezza e colore.

Purtroppo, l’aspetto degli oggetti di giadeite di tipo B può deteriorarsi dopo pochi anni. Il trattamento acido causa la fragilità di alcune giadeiti e le resine polimeriche possono scolorire con il tempo o l’esposizione al calore e alla luce del sole. A causa di questi problemi, il trattamento della giadeite di tipo B dovrebbe sempre essere rivelato quando un oggetto viene venduto, ma molti oggetti sono venduti senza rivelazione. Questa mancanza di divulgazione è dovuta al fatto che gli oggetti di giadeite di tipo B sono solitamente venduti per una piccola frazione del prezzo pagato per un oggetto simile di tipo A. I venditori spesso se la cavano con la segretezza perché i trattamenti di tipo B sono difficili da individuare. I test in un laboratorio gemmologico sono spesso necessari per individuare i trattamenti di tipo B.

  • Sbiancato per immersione in acido cloridrico o solforico
  • Impregnato con cera o resina polimerica sotto pressione
  • L’aspetto può deteriorarsi dopo alcuni anni
  • Il trattamento dovrebbe

Giadeite tipo C: colorazione individuale

La giadeite di tipo C ha di solito tutti i trattamenti della giadeite di tipo B, ma l’oggetto è stato anche tinto di un colore più desiderabile. I coloranti possono sbiadire nel tempo o con l’esposizione al calore e alla luce. Per queste ragioni, i trattamenti di tipo C dovrebbero essere sempre divulgati.

Il trattamento del colore può spesso essere determinato dall’esame con un microscopio, uno spettroscopio o filtri gemmologici, ma questo esame non dovrebbe essere richiesto – il venditore dovrebbe rivelare l’intera portata del trattamento per ogni oggetto venduto. La divulgazione non è sempre fatta, poiché la giadeite di tipo C è venduta per una piccola frazione di oggetti simili con trattamento di tipo B.

Gli oggetti di tipo C dovrebbero essere acquistati a un prezzo che presuppone un uso temporaneo per alcuni anni. Chiunque spenda il considerevole denaro in giada dovrebbe conoscere la differenza tra giadeite e nefrite, avere una buona conoscenza dei trattamenti della giadeite e come questi influenzano il valore e la durata futura e l’aspetto.

  • Colore più desiderabile del tipo b
  • I trattamenti di tipo C dovrebbero sempre essere divulgati
  • Prezzo che presuppone un uso temporaneo di qualche anno