Graft Architekturbüro: azienda, architettura, immobili e pianificazione – Intervista (1/3)

Graft in un’intervista – Grattacielo futuristico, VoloPort o moderno studio dentistico: Graft ha un portafoglio di progetti immobiliari versatile! Lo studio di architettura di successo mondiale è stato fondato dai 3 architetti tedeschi Wolfram Putz, Lars Krückeberg e Thomas Willemeit nel 1998 a Los Angeles. Dal 2018, Sven Fuchs, Dennis Hawner e Georg Schmidthals fanno parte del team di partner che continua a guidare e sviluppare l’azienda in modo sicuro per il futuro. L’azienda ora impiega oltre 100 persone e ha uffici a Berlino, Los Angeles e Shanghai. La diversità dei loro progetti è ampia, da moderni edifici per uffici a basi mobili fatte di container, o edifici residenziali come Villa M, fino a progetti futuri come stazioni di ricarica elettronica o porti per Volocopter. La loro realizzazione moderna di una grande varietà di progetti è unica, e la loro passione è ciò che distingue la Graft. I fondatori ci hanno parlato della loro passione, della fondazione dell’azienda e dei loro numerosi progetti. Tuffati nel mondo degli immobili di design!

Graft Architekten – Immobili con passione

Lo studio di architettura Graft di Berlino è stato fondato da tre architetti tedeschi e ora è un’azienda rinomata e di successo a livello nazionale e internazionale. Abbiamo condotto un’ampia intervista con i fondatori, che abbiamo diviso in 3 sezioni tematiche, per ognuna delle quali è stato scritto un articolo. Nella prima parte, i fondatori parlano della loro passione e di ciò che guida l’azienda. La seconda parte dell’intervista si occupa principalmente di progetti abitativi e di uso misto. La terza parte riguarda i progetti futuri di Graft. Clicca qui per andare alle rispettive parti dell’intervista:

  1. Ufficio dell’architetto
  2. Residenziale e uso misto
  3. Futuro: stazione di ricarica per auto elettriche & Co.

Studi architettonici congiunti, fondazione e dichiarazione aziendale

FIV: Caro team Graft, cominciamo l’intervista con voi come studio di architettura. Quando si tratta di fondare grandi aziende e idee, spesso tutto inizia fuori dai sentieri battuti. I fondatori di Uber, una delle aziende più innovative negli Stati Uniti e ora anche in Germania, si sono incontrati per caso a Parigi. Lo studio di architettura Graft, ora con sede anche a Shanghai (Cina), ha le sue radici a Los Angeles. Qual è stata l’idea, la situazione o l’obiettivo che ha fatto nascere lo studio di architettura Graft? Come vi siete incontrati a Los Angeles?

Innesto: È consuetudine che noi architetti ci incontriamo all’università. Anche per noi è stato così. Abbiamo tutti studiato architettura nello stesso semestre alla TU Braunschweig e ci siamo conosciuti lì. Che ci crediate o no, all’epoca facevamo anche musica classica e canto a cappella insieme.

In questo modo ci siamo conosciuti bene e ci siamo resi conto rapidamente che ci armonizzavamo sia vocalmente che come persone. Nel nostro caso, il tutto è stato anche abbastanza professionale, siamo andati in tour e abbiamo anche pubblicato alcuni CD insieme. Ne è nata un’intensa amicizia e guardando indietro sembra quasi fatalmente chiaro che ne sarebbe nato qualcosa che sarebbe durato tutta la vita.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Perché abbiamo fondato l’ufficio a Los Angeles? Come giovani laureati in architettura, abbiamo deciso di andare negli Stati Uniti alla fine degli anni ’90, perché a quel tempo era il luogo di partenza e l’inizio della digitalizzazione nella nostra professione. Da questo punto di vista, la Germania era semplicemente ancora un paese in via di sviluppo.

Costruire in Germania o in America – le autorità fanno la differenza!

FIV: Una domanda veloce per i nostri lettori che potrebbero voler costruire in America. Il diritto edilizio tedesco, come molte cose qui, è particolarmente burocratico. Quindi per lei come architetto, la pianificazione libera e creativa è certamente più difficile in Germania (per esempio a Berlino) che a Los Angeles (USA), per esempio? Il paese fa la differenza?

Innesto: Sì, si può dire così. È interessante notare che il diritto edilizio in America è altrettanto complesso e abbastanza rigoroso. È la mentalità delle persone in cui differiscono le nostre esperienze con gli uffici responsabili.

Negli Stati Uniti, l’idea americana di servizio prevale anche nelle autorità, e il lavoro viene svolto con un maggior grado di innovazione e dinamismo. In Germania, le persone si attengono alle regole esistenti e sono molto riluttanti ad aprire nuove strade. Negli Stati Uniti, c’è una motivazione molto maggiore tra le autorità e le altre parti coinvolte per risolvere insieme le preoccupazioni della controparte.

Uno dei progetti di punta è il Charlie Living Quartier a Berlino. Fatevi un’idea del complesso edilizio qui, che è diventato un fiore all’occhiello per l’azienda in Germania.

Architetti come esperti: L’innovazione è la chiave

FIV: Per i nostri lettori che stanno scoprendo Graft per la prima volta oggi, come descriveresti, come proprietario, fondatore e generatore di idee, il tuo studio di architettura in poche parole, cosa rende Graft, come azienda, un marchio?

Innesto: Siamo innovatori. Vogliamo l’avanguardia, anche se siamo romantici allo stesso tempo. Amiamo le origini e la lunga storia dell’architettura tanto quanto il futuro sconosciuto. Lars Krückeberg, per esempio, è un grande conoscitore del Rinascimento ed è appena tornato da un soggiorno di un anno come borsista a Villa Massimo a Roma. Si può dire che siamo dei cercatori con forti radici. È stata questa ricerca che ci ha portato al Nuovo Mondo di allora – al mondo accademico, allora più interessante, dell’America. Nello spirito di ottimismo della cultura delle start-up in California. Dicevamo di essere curiosi, persone insistenti che volevano scuotere le sbarre della gabbia chiamata “è così che si è sempre fatto”.

“Siamo cercatori con radici forti”.

Questa è una cosa. E allo stesso tempo, siamo anche tipicamente tedeschi: persone con un senso di giustizia sociale. Non lavoriamo solo su progetti di alto livello, ma iniziamo anche progetti sociali per i quali lavoriamo in parte gratuitamente. Siamo sempre alla ricerca di problemi da risolvere e il nostro tempo offre molti compiti urgenti.

Questi possono riguardare il tema della bellezza, che si vuole sperimentare qualcosa che non si è mai sperimentato prima. Ma può anche essere che si costruisca una casa per persone che altrimenti non possono permettersi una casa. L’obiettivo qui non è solo ripetersi il più possibile. Essere un designer e anche un problem solver è ciò che ci definisce.

La stampa nel business: sempre nuovo, sempre diverso? Moda e architettura

Innesto: Lo stesso vale per la moda, alla quale sono sicuro che i tuoi lettori sono interessati. Solo che lì è molto più libero e allo stesso tempo soggetto a cambiamenti più rapidi. Per gli stilisti di moda, è sia una maledizione che una benedizione il fatto di doversi reinventare costantemente.

La gente non vuole indossare la stessa cosa ogni giorno. Solo quando si tratta di un investimento e non di un bene di consumo, il comportamento è molto più calmo e prudente. Per molte persone, l’acquisto di un appartamento è un investimento unico nella vita. Quindi, la preoccupazione di mantenere il valore è naturalmente maggiore e si pone la domanda: “Come sarà il tutto tra 50 anni?”. Il nostro obiettivo è quello di progettare qualcosa di nuovo e un classico allo stesso tempo.

La costante ricerca di cose nuove è la spinta

Anche qui, ci sono pionieri dalla parte dei clienti, che chiamiamo “early adopters”. Persone che hanno una certa comprensione della cultura e dell’arte, che cercano qualcosa di nuovo nell’architettura. E non solo un’auto moderna o un’interessante arte contemporanea vanno con la moda moderna, ma anche l’architettura contemporanea.

Premi e pianificazione di nuove proprietà

FIV: Ideas from Graft è una collaborazione tra 3 forti fondatori e i loro partner. Sono tutti ottimi architetti! Fondata nel 1998, ha più di 20 anni di competenza, esperienza e referenze. Hanno vinto molti premi internazionali. Nuove idee spettacolari sono in corso di realizzazione: stazione di ricarica per E.ON, l’aerotaxi Volo-Port.

Anche il Charlie Living Quartier di Berlino è della vostra azienda, con cui siete stati appena nominati per l'”Archdaily 2021: Best Building Award”. Congratulazioni! Dopo tutti questi anni, è ancora eccitante per lei iniziare un nuovo progetto, pianificare un nuovo edificio, o è diventato tutto routine per lei?

Innesto: È sempre emozionante. Grazie all’esperienza che abbiamo acquisito, possiamo riciclare bene le nostre conoscenze. Ma questo non significa solo formalmente, creativamente o inventivamente, ma anche negli strumenti del mestiere. Ora conosciamo tutti i trucchi del mestiere nella costruzione.

Ogni tanto ci mettiamo letteralmente davanti a un foglio bianco. Recentemente, abbiamo costruito uno stadio del ghiaccio per la prima volta e abbiamo imparato un sacco di cose nuove.

Questo stadio del ghiaccio, la “Schierker-Feuerstein-Arena”, si trova a Wernigerode (Germania) ed è stato completato nel 2017. Il compito qui era quello di riattivare uno storico stadio del ghiaccio con una nuova costruzione del tetto. Qui potete vedere il risultato del progetto Graft.

Esperienza e ispirazione portano gli architetti al successo

Innesto: Quando si presenta il prossimo incarico per un edificio residenziale o una villa, abbiamo già tante idee e sogni del passato che non hai ancora potuto realizzare, e di cui la biblioteca interna della tua testa è piena. Si guardano i quaderni di schizzi e si guardano i disegni del passato, questo fertilizza il progetto in modo più complesso. Allo stesso tempo, ogni progetto è unico e richiede qualcosa di nuovo. Noi tre troviamo il momento dell’idea più eccitante. Un design ha spesso bisogno di molte idee, variazioni per maturare e svilupparsi.

Come architetto, dovresti essere preparato a contribuire alla cultura edilizia della nostra società e ai problemi che essa risolve. La professione dovrebbe essere affrontata con verve e desiderio dell’ignoto.

Processo di sviluppo: dall’idea all’immobile finito

Innesto: Ci piace fare brainstorming e schizzi insieme e ispirarci a vicenda con le idee. Questo flusso nella creatività, in cui un’idea vaga diventa un progetto concreto. È quello per cui viviamo, probabilmente come ogni persona creativa.

Ecco perché ogni nuovo ordine è un’occasione per rivivere il momento del brainstorming prima di dover prendere un impegno finale per pianificare e costruire il progetto. Ci piace investire molto tempo per goderci questo processo.

“La passione rende una buona idea un’ottima idea”.

Siamo particolarmente grati di sentire la nostra professione come una vocazione e di poterla vivere come tale. Proprio come con la buona musica o la buona moda, si può dire se qualcuno porta passione al tavolo e se c’è passione in un risultato. Senza passione, quell’ultimo miglio che può portare un’idea da buona a molto buona non può avvenire.

Progetti con orgoglio: Villa per Brad Pitt, studio dentistico e altro

FIV: Ora vorrei parlare di alcuni dei vostri progetti, ma prima di tutto, guardando indietro a 20 anni di esperienza come architetti, di quale dei vostri progetti, nel mondo, siete più orgogliosi?

Innesto: Ricordiamo sempre i nostri primi passi, anche se erano solo piccoli progetti. La prima villa per Brad Pitt, per esempio, o lo studio dentistico sulla Kudamm, che abbiamo continuato a costruire per 20 anni.

L’impegno sociale a New Orleans: Ricostruzione & Co.

Innesto: Siamo particolarmente orgogliosi del primo grande impegno sociale, dove abbiamo fatto volontariato per 10 anni per aiutare a ricostruire New Orleans dopo la distruzione causata dall’uragano Katrina. Abbiamo invitato molti colleghi a partecipare al progetto. Abbiamo anche creato una curatela sostenibile per il processo di ricostruzione della città.

Un altro punto saliente è certamente che siamo stati curatori del padiglione tedesco alla Biennale di Architettura di Venezia 2018. Per gli architetti, questo è un grande riconoscimento. Nella mostra, abbiamo guardato indietro a ciò che è stato creato architettonicamente e culturalmente lungo l’ex striscia del Muro in 30 anni dopo la riunificazione. Per me (Wolfram Putz), i più grandi progetti sono quelli che sono appena iniziati. Per dirla semplicemente: trovo il domani molto, molto più bello di ieri.

“Il domani è molto, molto più bello di ieri”. (W. Putz, fondatore)

Io (W.Putz) ho l’abitudine di tornare raramente ai progetti che abbiamo costruito dopo un po’. Una vita in movimento o nel momento dell’invenzione, questa è fondamentalmente la cosa più bella.

Qui potete vedere uno dei progetti di punta di Graft: The Bricks a Berlino Schöneberg, proprio sulla strada principale. Essendo un vecchio ufficio postale, questo progetto era particolarmente impegnativo, e il risultato è stato uno spazio sia commerciale che residenziale privato. Potete leggere di più su questo eccitante progetto nell’articolo correlato: Mattoni Berlino.

Architetti come scenografi? Sul processo di costruzione

FIV: Una bella coincidenza, hai praticamente anticipato la mia prossima domanda. Sarebbe stato se lei si dedica direttamente al progetto successivo dopo averne completato uno, o se coglie anche l’opportunità di tanto in tanto di tornare nei luoghi o nei progetti che ha creato?

Innesto: ogni tanto si visita un progetto completato, ma non è un bisogno esplicito. Ci sono architetti che hanno costruito un grande capolavoro. Per esempio, l’architetto della “Sydney Opera Hall” – ha costruito solo due cose nella sua vita, una piccola casa a Maiorca e la famosa Sydney Opera House. Naturalmente, tornò sempre in quella casa per tutta la vita. È diventato anche un capolavoro fantastico, ma dopo la consegna delle chiavi, dopo l’appuntamento con la stampa, si verifica un certo sviluppo: I progetti poi “crescono” come se fossero da soli.

“Un progetto non è mai tuo per molto tempo”

Innesto: gli architetti creano fondamentalmente un palcoscenico sul quale gli utenti mettono in scena il loro spettacolo. La sensazione che un progetto ti appartenga svanisce col tempo, anche se ci hai lavorato per tanti giorni. Poi appartiene a qualcun altro. A volte appartiene all’utente privato, a volte al pubblico, che, se va fuori “alla berlinese”, si inventa un soprannome per esso, e di nuovo ne fa qualcosa di completamente proprio, una nuova identità.

Collaborazione con gli architetti: Conoscersi e sviluppare un’idea

FIV: Quelli che vogliono realizzare le loro idee con un partner come voi: come possiamo noi, come “proprietari di casa” immaginare la fase di concetto, la progettazione, la costruzione di immobili così spettacolari? Cosa è importante quando si progetta un edificio con “elementi di design”?

Innesto: A differenza di altri noti architetti che spesso vogliono imporre la propria firma, noi preferiamo un “viaggio di apprendimento”, il viaggio comune verso il risultato. Non siamo così affascinati dalla meccanica classica delle gare di architettura, preferiamo conoscere personalmente i nostri clienti. Per esempio, andiamo a mangiare fuori con loro, guardiamo il calcio con loro, sogniamo, discutiamo o cuciniamo insieme. Conoscersi molto intensamente è importante per noi.

“Conoscere le persone e metterle al centro dell’invenzione è ciò che ci piace di più in assoluto”.

Questo avviene ben prima di sviluppare un approccio progettuale, altrimenti si corre il rischio di ricadere troppo rapidamente su un cassetto nella propria testa. È un processo, “design thinking, user-centred”: conoscere le persone e metterle al centro dell’invenzione. Questo è quello che ci piace di più. Non sempre funziona, e non sempre coinvolge una sola persona. Questo processo di essere completamente vicini, di essere immersivi, questo ci descriverebbe meglio di tutti. Per questo, è essenziale che la nostra controparte abbia lo stesso desiderio per il progetto.

Esempio: Onda edificio residenziale a Berlino sulla Sprea

Uno dei progetti dello studio di architettura che è stato completato nel frattempo è il progetto “Wave” sulle rive della Sprea a Berlino. Qui sono stati costruiti due edifici residenziali che conferiscono alla riva del fiume un fascino speciale. Le qualità di questa speciale posizione sul lungomare in particolare sono servite come modello concettuale per il nuovo edificio.

Ecco un’altra vista in uno dei tanti appartamenti dell’edificio residenziale con una vista pittoresca della Sprea e della riva opposta.

La realtà virtuale come mezzo importante – anche per il settore immobiliare

FIV: Un’area che sta diventando sempre più interessante è la VR, o realtà virtuale. In tutto il mondo, per esempio, esiste ora il primo portale immobiliare che permette di presentare nuove proprietà da un agente immobiliare virtuale, più precisamente un avatar virtuale chiamato Ella . Questo significa che presenta nuove proprietà, ha sempre lo stesso aspetto, parla innumerevoli lingue, perché tutto è digitale.Sono tutti primi tentativi, ma come valuta il futuro delle tecnologie VR per la presentazione di progetti?

Innesto: Troviamo le tecnologie della realtà virtuale molto affascinanti. Questa era anche una delle ragioni per cui siamo andati in America allora: per studiare ulteriormente le possibilità del futuro lì. C’erano più innovazioni tecnologiche in America che ci attraevano. Che si tratti di un software o solo di questo hardware degli occhiali VR – che in realtà usiamo anche nelle nostre presentazioni – tutto è pieno di possibilità eccitanti.

Fase di invenzione: dare un’idea ai clienti

Innesto: gli architetti hanno sempre imparato certe tecniche. Una delle cose che richiedono più tempo nella fase di invenzione è visualizzare la propria idea nella mente dell’altra persona. In passato, i grandi architetti dipingevano enormi quadri che richiedevano settimane o addirittura mesi per essere completati. Oggi, abbiamo a disposizione tecnologie completamente diverse per mostrare le idee architettoniche ancora embrionali ad altre persone – fino al punto di sperimentarle quasi fisicamente attraverso gli occhiali VR.

Eravamo entusiasti delle prime demo della tecnologia VR – era chiaro che poteva portarci avanti. Rende l’architettura migliore, aumenta la soddisfazione del cliente, elimina le incomprensioni tra architetto e cliente. Inoltre, come ogni lavoro, dà improvvisamente un feedback su come si crea l’architettura. Come architetti, ora possiamo usare la VR per descrivere meglio le idee in anticipo prima di gettare qualcosa nel cemento. Aiuta a controllare i processi, a migliorarli, a renderli più belli. È semplicemente fantastico!

Alloggi e progetti futuri – Intervista parte 2 e 3

Non hai sentito abbastanza parlare degli architetti di successo e del loro lavoro? Nessun problema, ci sono altre parti dell’intervista che ti aspettano! Oltre al loro lavoro di base, abbiamo anche chiesto a Graft dei progetti futuri, così come degli edifici residenziali e delle proprietà di punta. Nei seguenti articoli, potrete immergervi ancora più a fondo nel mondo dell’architettura moderna e innovativa.

Edifici residenziali, uffici e progetti popolari di architetti (2/3)

La seconda parte dell’intervista riguarda i progetti di punta e le proprietà residenziali e a uso misto. Che si tratti di uno studio dentistico, di un progetto di rivitalizzazione con fattore di protezione del patrimonio, o di una villa moderna per proprietari privati: il portafoglio dello studio di architettura è versatile e unico. Non ci sono due progetti uguali e c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire! Dai un’occhiata più da vicino ai progetti qui e lascia che i fondatori ti spieghino meglio i processi di sviluppo, le idee e i concetti.

© Tobias Hein

Futuro – architettura moderna per air taxi & e-cars (3/3)

Auto elettriche, stazioni di rifornimento per l’elettricità e taxi aerei – sogni del futuro? Niente affatto! L’azienda moderna vuole agire come un pioniere, creare opportunità e risolvere problemi! Con i suoi progetti futuri, Graft, come pioniere della rivoluzione dei trasporti, si sta imbarcando nella ricerca di soluzioni innovative ai problemi moderni con partner forti come e.on. Scoprite tutto sugli eccitanti progetti architettonici di domani qui!

© Bloom Images