Immobiliare di punta a Berlino, residenziale, commerciale e lifestyle – intervista a Graft Architekten (2/3)

Intervista con Graft – Elementi di design moderno, riprendendo e reinterpretando vecchie tradizioni, in breve: innovazione! Questo è ciò che rappresenta lo studio di architettura tedesco di successo internazionale Graft di Berlino. La rinomata azienda ha anche uffici a Los Angeles e Shanghai, ed è in ascesa dal punto di vista architettonico! Ci è stato permesso di intervistare i fondatori sulla loro filosofia aziendale, sui progetti completati e futuri, e siamo stati così in grado di conoscere Graft in dettaglio. In questa parte dell’intervista, imparerete fatti interessanti sui progetti di punta, così come sulle proprietà residenziali e ad uso misto dello studio di architettura. Che si tratti di KU64 Dental Clinic, Bricks o Villa M a Berlino: Graft ha qualcosa di emozionante da dire su ogni progetto. Conoscete meglio i progetti degli architetti e i loro metodi di lavoro e lasciatevi incantare dal fascino dell’architettura individuale.

Residenziale, uffici, commerciale e progetti faro

Lo studio di architettura Graft di Berlino è stato fondato da tre architetti tedeschi e ora è un’azienda rinomata e di successo a livello nazionale e internazionale. Abbiamo condotto un’ampia intervista con i fondatori, che abbiamo diviso in 3 sezioni tematiche, per ognuna delle quali è stato scritto un articolo. Nella prima parte, i fondatori parlano della loro passione, del fondamento e della spinta dietro l’azienda. La seconda parte dell’intervista si occupa principalmente di progetti abitativi e di uso misto. La terza parte riguarda i progetti futuri di Graft. Clicca qui per andare alle rispettive parti dell’intervista:

  1. Ufficio dell’architetto
  2. Residenziale e uso misto

Questa sezione si occupa di progetti di punta, così come di proprietà residenziali e ad uso misto. Che si tratti di uno studio dentistico, di un progetto di rivitalizzazione con fattore di protezione del patrimonio, o di una villa moderna per proprietari privati: il portafoglio dello studio di architettura è versatile e unico. Non ci sono due progetti uguali e c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire! Dai un’occhiata più da vicino ai progetti qui e lascia che i fondatori ti spieghino meglio i processi di sviluppo, le idee e i concetti.

KU64/65 Studio dentistico con la migliore posizione su Kudamm

FIV: Uno dei vostri progetti di punta è la clinica dentistica KU64 e il Kids Club KU65 a Berlino. Quando si riceve una commissione, ci si può sempre aspettare qualcosa di speciale. Come potete vedere dalle foto, la clinica dentale KU64 è un open space, in parte con soffitti fluttuanti. Una specie di dunescape, e nel Kids Club i bambini possono persino arrampicarsi sulle pareti – non avete mai visto una clinica dentistica per bambini come questa. Inoltre, giardini verticali con una vegetazione lussureggiante. Cosa rende KU64 un progetto speciale per te?

Innesto: Ciò che è stato interessante del progetto KU64 è che un dentista ci ha chiamato. Non avevamo fatto molto nel settore sanitario prima e in realtà venivamo dal settore dell’ospitalità. Per noi, l’apertura del percorso “dall’ospedale all’ospitalità” è stato interessante. La parola radice contiene già la stessa parola: essere un ospite.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Non solo una pratica! Tre lavori in uno

Innesto: Abbiamo accettato la richiesta per lo studio dentistico solo perché il dentista Dr. Ziegler ha detto che aveva qualcosa di più grande in mente per questa clinica e che voleva uno studio che avrebbe rotto tutte le regole e capovolto le aspettative. Siamo stati felici di accettare e io personalmente (L. Krückeberg) credo che siamo riusciti a realizzare questo desiderio.

Fondamentalmente, il progetto è stato diviso in tre lavori: Abbiamo fatto la clinica KU64 al Kudamm al 5° e 6° piano, e l’abbiamo estesa in seguito per includere lo studio dei bambini nello stesso edificio. Nel frattempo, abbiamo costruito altri studi in questo stile per il Dr. Ziegler, più estensioni in altre località.

  • Suggerimento! Potete trovare più informazioni e immagini sul progetto qui: KU64 & KU65

Perché uno studio dentistico? Il medico è ospite, il paziente è re

Innesto: Perché eravamo così interessati al progetto di uno studio dentistico? Perché il dottor Ziegler ha capito che nella nostra società i servizi sanitari sono fondamentalmente un servizio alle persone, e che quindi si è un ospite. Che uno studio dentistico o un ospedale dovrebbe funzionare come un hotel dove l’ospite è il re. Se tieni conto di questo, avrai successo.

Il fatto che lavoriamo ancora oggi con il Dr. Ziegler e che il progetto ha continuato ad espandersi è dovuto al fatto che abbiamo trovato narrazioni che ruotano principalmente intorno al paziente: come si sente (trattato e incontrato). Da un lato, questo ha a che fare con le capacità di un medico, e dall’altro, ha anche a che fare con il “palcoscenico” su cui il medico agisce (per esempio, illuminazione, ascensori, ecc.).

Se si può fare qualcosa del genere come architetto, con l’utente e il cliente come regista, allora si può ottenere molto.

Architettura nel settore medico e sanitario

Innesto: Questo focus sul cliente/paziente ci interessava, e da allora abbiamo fatto una quantità estremamente grande sul campo – fino all’ospedale vero e proprio. Unità di terapia intensiva, per esempio, dove lavoriamo con esperti per rivedere in modo scientifico e basato sull’evidenza in quali condizioni il processo di guarigione dei pazienti in terapia intensiva può essere più veloce.

Abbiamo lavorato a questo progetto di ricerca con la Charité per diversi anni. Oggi è scientificamente provato che l’architettura può guarire. Abbiamo trovato la nostra strada nel settore medico attraverso il Dr. Ziegler perché ha avuto la lungimiranza di impostare diversamente come dentista.

“È ormai scientificamente provato che l’architettura può guarire”.

© Tobias Hein

BRLO: architettura di contenitori per il centro di Berlino

FIV: Costruire senza cemento – Ecco come si potrebbe riassumere il prossimo progetto. L’architettura a container nella costruzione modulare sarebbe ancora più accurata. Un altro progetto di punta del vostro ufficio è il BRLO Berlin a Gleisdreieck. Si rivolge a una scena culturale molto urbana.Il BRLO è progettato come un edificio indipendente fatto di container d’oltremare. Il tutto come base portatile per la giovane azienda. Che cosa l’ha attratta di questo progetto in particolare, e dell’architettura dei contenitori?Qual è stato per voi il punto cruciale che vi ha fatto dire ‘sì, ci piacerebbe farlo, ed è così che vorremmo realizzarlo’?

Innesto: “Costruire senza cemento” riassume sostanzialmente il tutto, stiamo costruendo lì con il concetto di energia grigia. In questo caso, non con un edificio trovato, ma con contenitori riutilizzati. Da quando siamo in giro, abbiamo avuto a che fare con il tessuto urbano – in tutto il mondo, che si tratti di Los Angeles, New York, Pechino, Shanghai o Berlino.

“Da quando esistiamo, ci siamo preoccupati del tessuto urbano”.

BRLO non è il primo progetto che abbiamo costruito con i container. Abbiamo usato per la prima volta i container in California quasi 20 anni fa. A quel tempo, non erano ancora considerati un materiale da costruzione e quindi non erano approvati per l’uso esterno, quindi abbiamo usato i contenitori per l’interno. Li abbiamo usati per costruire aule di lavoro, sale di conferenza che erano allineate come le tende dei pazzi.

Plotone & BRLO: “edificio temporaneo” con uso versatile

Graft: Abbiamo realizzato progetti con Platoon a Berlino, ma soprattutto a Seoul (Corea), dove gli artisti in residenza hanno potuto lavorare in container per un po’. C’erano grandi spazi per riunioni e sale disponibili per tutti i tipi di festeggiamenti. Successivamente abbiamo fatto lo stesso a Berlino in Schönhauser Allee.

Nel frattempo, però, la Berlin Platoon Kunsthalle è andata avanti. Si tratta di questo: costruire con principi capaci di realizzare temporaneamente qualcosa e produrre storia e valore aggiunto. Ma quando sarà il momento, questa architettura potrà muoversi. Questo è esattamente quello che siamo riusciti a fare alcune volte in collaborazione con Platoon, ed è possibile anche per BRLO.

Abbiamo iniziato il progetto BRLO con il dettame che l’edificio doveva rimanere a Berlino solo per 3-5 anni. Attualmente, però, stiamo chiedendo un permesso di costruzione affinché possa rimanere in piedi ancora per qualche anno, perché lo sviluppo finale del sito è un po’ in ritardo e perché ha molto successo e popolarità tra la gente. Ecco perché a volte il provvisorio ha una vita molto, molto lunga, come nel caso di BRLO.

Concetti temporanei: la tradizione incontra l’innovazione

Innesto: Ma se – per qualsiasi motivo – arriva la scure del tempo, allora il birrificio BRLO può muoversi, o essere smontato e diventare qualcos’altro nella catena del valore. Questo tipo di “altro sviluppo urbano” è qualcosa che interessa anche a noi: uno sviluppo urbano che è temporaneo, che può valorizzare intere aree con le idee giuste, ma che è “leggero sui piedi” perché può anche scomparire di nuovo senza dover far saltare le fondamenta.

L’uso temporaneo fa parte della città come molte cose destinate a durare per sempre, ed è sempre esistito: pensiamo ai mercati, luoghi di riti urbani che sono vecchi quanto l’uomo stesso.

“La città è veloce, il mondo è globale – e noi come architetti dobbiamo pensare altrettanto velocemente e globalmente”.

Gli “edifici temporanei” non sono una novità, bisogna solo ripensare a questa bella tradizione e implementarla con i mezzi di oggi. Così facendo, si può creare molto valore aggiunto per lo spazio urbano senza dover prendere decisioni a lungo termine – che sia un investimento di denaro o anche di tempo. Questo è un settore che ci interessa perché la città di oggi è veloce. Il mondo è globale, e noi come architetti dobbiamo pensare altrettanto velocemente e globalmente, sapendo che la nostra è una professione che spesso ha bisogno di periodi di tempo molto più lunghi per progettare, ma poi, ovviamente, dura anche molto di più come edificio.

© Done Studio, Ulf Saupe

Proprietà residenziale Berlino: Villa M a Grunewald

Qualcosa che in realtà è particolarmente eccitante per i nostri lettori è l’aspetto degli immobili residenziali o ad uso misto. Mi vengono in mente progetti come Villa M, il progetto Bricks o il Charlie Living Quartier a Berlino.

FIV: Prima a Villa M, che è rivestita tutto intorno con piastrelle di ceramica su misura basate su un prodotto modulare, ma alcune delle quali sono state anche fatte su misura. La sola ricerca dei partner giusti, per poter implementare praticamente il tutto, richiede molto tempo. La produzione richiede quindi ancora più tempo. L’intero oggetto ricorda un masso dell’era glaciale, se volete, ed è circondato da ville classiche a Berlino Grunewald. Prima di tutto, il design insolito: come si sviluppa un progetto del genere? L’idea nasce a caso in un secondo, o sono settimane di pianificazione con il cliente, o questo varia a seconda del progetto?

Innesto: Lo sviluppo di un progetto è un viaggio molto, molto lungo, e in realtà è stato solo alla fine che è nato questo soprannome ‘The ‘Foundling’, questa associazione che la casa sembra una grande pietra, quasi come una meteora. Era chiaro che il cliente ci ha dato una mano estremamente libera in questo caso, e voleva qualcosa di straordinario. Qualcosa di cui può essere orgoglioso e che innesca una nuova stimolazione di interpretazione che non ha una decifrazione classica di una ‘narrazione di casa’.

  • Suggerimento! Vuoi sapere di più su Villa M? Allora potete trovare maggiori informazioni qui: Villa M

Processo di pianificazione di una proprietà di lusso: pianificazione della costruzione, preparazione e concetto

Innesto: Naturalmente, bisognava anche portare la casa nel quartiere e inserirla in una legge edilizia, una legge di pianificazione e un piano B in loco. Questo presuppone effettivamente che la casa abbia tre piani con un tetto, con una porta d’ingresso chiaramente riconoscibile.

Cercare di creare un’immagine così scenica e naturale è stato fondamentalmente un processo iterativo, un brainstorming tra il cliente, noi partner e il nostro staff. È così che Villa M è nata in un periodo di tempo molto lungo.

“Il non abbastanza chiaro nell’identità di Villa M, che è intenzionale”.

Ciò che molti ora riconoscono nella villa, la metafora del masso, non era importante per noi al momento dell’invenzione all’inizio, è emerso solo retrospettivamente, è stato riconosciuto, leggi…. Mostriamo una nuova possibile interpretazione nella narrazione, ma: ciò che in realtà non è del tutto chiaro e univoco nell’identità, che la villa scatena cose diverse a seconda della luce del giorno, a seconda dell’osservatore, a seconda del decennio in cui la si guarda, questo è intenzionale.

La bozza finale ha bisogno di tempo

FIV: Quindi in quel caso è stato un processo più lungo per arrivare al progetto finale?

Innesto: Di solito il processo per arrivare alla bozza finale è lungo. I colpi di genio di solito si verificano solo nell’accorciamento del film, o quando ti chiamano Mozart. Non è affatto divertente se hai finito dopo un secondo. Vogliamo prolungare il momento dell’idea, farla maturare. Questo diventa presto realpolitik.

Andare in questo viaggio, capire cosa vogliono il luogo, le circostanze e la controparte, questa è la cosa eccitante. Quando il momento dell’ascolto in questo spazio ancora vuoto, il foglio ancora bianco dura più a lungo di un colpo di genio di 14 secondi, allora è davvero bello.

Particolarità di Villa M: Facciata moderna, condominio con appartamento

FIV: L’intero concetto della casa è interessante perché può essere usato sia come una casa multifamiliare che separatamente in singole unità. Vantaggioso per il proprietario, quindi le possibilità di utilizzo sono espandibili. Potrebbe dirci di più su queste e altre sottigliezze di questa villa?

Innesto: La casa è stata originariamente progettata per un utente che vuole vivere nella casa da solo (in futuro con la sua famiglia). L’architetto non ha più alcuna influenza sulla suddivisione che ne viene fatta in seguito. Non l’abbiamo progettata come una casa multifamiliare, ma può comunque essere utilizzata da diversi residenti in questo modo.

Il tema, tuttavia, era innanzitutto quello di reinterpretare una casa signorile e sociale in un insediamento forestale di ricchi berlinesi, costruita alla fine del XIX secolo. Creare un aspetto sociale, con la possibilità di intrattenere e ospitare il personale. Portare un programma molto classico in una forma davvero completamente innovativa e indecifrabile.

Innovazioni nel design immobiliare: casa e giardino

Innesto: In passato, si sarebbe costruito un portico classico, la servitù avrebbe vissuto sotto il tetto, si sarebbero fatti grandi spazi di intrattenimento al piano terra e la cucina non sarebbe stata così dominante e aperta al paesaggio abitativo. In questa casa è molto diverso: vuole comportarsi in modo paesaggistico. Questa qualità continua nel design del giardino. Insieme ai paesaggisti di Kre_Ta, abbiamo iniziato presto a immaginare la casa come qualcosa di olistico anche nella progettazione del giardino. Ecco perché la materialità e il linguaggio formale continuano nel giardino.

Naturalmente, una casa come questa preferirebbe ancora essere in un enorme parco, o sul pendio di una collina nella bassa catena montuosa della Germania, o, o, o. Il proprietario stesso è orgoglioso del fatto che la sua casa è un po’ fuori dall’ordinario, che è un eye-catcher, e che all’interno di queste ville wilhelminiane in realtà dice anche: “Ciao, io sono qualcosa di nuovo! Qui si tratta di nuovi inizi invece di restauri!”.

Un esempio di un “trucco” di questa villa è la seconda scala interna. Supponendo che la casa sia venduta e messa ad un altro uso, come un condominio con un appartamento per piano. Poi i singoli appartamenti potrebbero essere raggiunti separatamente. È per questo che abbiamo mantenuto l’interno a metà, tranne la scala, e abbiamo cercato di attrezzarlo in modo classico.

© Tobias Hein

Architettura moderna significa ripensare il vecchio

FIV: Come hai detto all’inizio, Graft è fondamentalmente sinonimo di innovazione come ufficio collaborativo. Si usano materiali stravaganti, come le piastrelle di ceramica per la facciata in questo caso, così come altri elementi moderni, e con questa rottura delle convenzioni si assicura anche l’innovazione, per così dire, anche nel campo degli immobili in generale. Quindi, la domanda relativamente generale, ma comunque molto eccitante, vi è stata posta in modo specifico: Cos’è o cosa significa per lei personalmente l’architettura moderna?

Innesto: Ci vediamo come rappresentanti dell’architettura moderna e, come ha detto Wolfram (Putz), siamo decisamente alla ricerca del nuovo. È la nostra immagine che abbiamo studiato architettura per pensare il nuovo, perché conosciamo già il familiare. Tutti possono fare il ripetitivo, ma non c’è bisogno di studiare architettura per questo. Se non si ha la sensazione di poter contribuire a risolvere il futuro – e spesso solo cose nuove / innovazioni abbinate a cose familiari possono farlo – allora non vediamo alcun senso reale nella professione di architetto.

“Rompere le convenzioni non è una qualità in sé”.

Ma rompere le convenzioni non è una qualità in sé. Amiamo anche la storia dell’architettura e le grandi qualità che sono state raggiunte dagli architetti prima di noi. Ci vediamo in questa tradizione di architetti.

Karl Friedrich Schinkel fu rivoluzionario nel suo tempo, anche se le sue opere ci sembrano oggi un po’ classicamente senza tempo. Questi sono tutti modi retroattivi di guardare le cose. Schinkel voleva pensare il meglio, il più innovativo e il più nuovo nel suo tempo – ed era molto versatile. Non era solo un classicista, era un ricercatore e un innovatore. È stato anche un pioniere della modernità, se si guarda la sua Bauakademie, per esempio, o i grandi magazzini che ha progettato. Quello che io (T. Willemei) vorrei dire è: noi amiamo la tradizione, ma le tradizioni devono – per noi – dimostrarsi ancora e ancora.

L’architettura moderna è una questione di atteggiamento: tradizioni e nuovi progetti di costruzione

Innesto: Una frase di Thomas More che ha già 500 anni e dimostra che il tempo e l’età non contano affatto è: “La tradizione non è conservare le ceneri, ma trasmettere la fiamma”. Ecco cos’è per noi la tradizione: se bruciano ancora, allora sono buone tradizioni. Le tradizioni che sono bruciate non servono più a noi come società. Possiamo inventarne di nuovi, e noi di Graft siamo molto ansiosi di farlo. Tutti sappiamo che reinventare non significa fare tutto nuovo, ma cambiare una piccola cosa in una struttura molto complessa.

Siamo tutti sulle spalle di giganti. Ma ci piace stare lassù, perché da lì si ha una visione lungimirante e a volte bisogna anche saltare dalla spalla perché qualcosa cambi. Ci piace farlo e quindi ispirarci a vicenda per il nuovo. Non perché sia nuovo, ma perché il nuovo può ottenere qualcosa. Se non lo fa, allora si può anche mettere da parte la novità molto rapidamente. Siamo ancora amici di provare e basta.

“Alla fine, ci deve essere un valore aggiunto!”

Se vuoi camminare, devi sollevare un piede e spostare l’equilibrio, altrimenti non puoi iniziare a camminare. In molti modi, non vediamo l’ora che ci venga data l’opportunità di imparare di nuovo a camminare – proprio come fanno i bambini – di perdere l’equilibrio ogni tanto e di entrare in un “terreno vago”. Perché lì, un’avventura speciale spesso si presenta, non solo per gli architetti, ma anche per il cliente. Alla fine, però, ci deve essere un valore aggiunto: per la società, per la fattibilità, per le vendite o semplicemente per il piacere di usare l’architettura. Se questa è la modernità, allora siamo felici di farne parte!

Bricks Berlin: materiale da costruzione tradizionale in un nuovo look

FIV: Nel corso di questo, la domanda sul progetto Bricks, che era anche a Berlino: non si tratta sempre e solo di nuove costruzioni. Brick Berlin Schöneberg era un progetto di rivitalizzazione. Come si approccia un progetto del genere, cosa si voleva o si doveva assolutamente conservare nell’edificio?

Graft: Bricks è uno dei più grandi progetti di Graft negli ultimi tempi, e comporta la narrazione di una qualità e una storia già esistenti. Bricks era l’insieme che permea un intero isolato di Berlino: un vecchio e grande edificio postale. Anche nella sua prima generazione di costruzione, era un pezzo di architettura veramente grande, ed è per questo che è stato classificato come monumento architettonico in una fase iniziale. Il nostro cliente, con il quale avevamo già realizzato diversi progetti, ha acquistato il vecchio ufficio postale per farne qualcosa di completamente diverso e per ridensificarlo.

“Qual è il domani per il quale stiamo ricostruendo la modernità?”.

Ecco perché è stato assolutamente fantastico fare un viaggio di ricerca nel passato per trovare tutti i fili che si vogliono raccogliere per capire un progetto del genere. Per onorare in qualche modo anche le intenzioni dei colleghi che hanno costruito questa casa in passato. E senza imitarli o copiarli.

Crediamo che nessun architetto – almeno nessuno con una mentalità simile alla nostra – vorrebbe che tra 100 anni la sua casa venisse aggiunta come avrebbe fatto lui stesso al momento della sua costruzione. Questi architetti erano anche quelli che vivevano, amavano ed esigevano il presente nel presente, e spingevano a capire: Qual è il domani per il quale stiamo ricostruendo la modernità?

Il mattone come materiale e collegamento all’estensione e alla trasformazione della proprietà

Innesto: A questo proposito, non avevamo affatto paura di dire: vogliamo continuare la storia lì, ma con un atteggiamento da oggi. Ciò che passa nel tempo come supporto è l’uso dello stesso materiale. Questo materiale molto tipico di Berlino, il mattone, che ha una grande storia in questa città.

Ci siamo chiesti: quali sono le forme di espressione del mattone oggi? Quali sono le possibilità costruttive che il mattone ha oggi che non aveva 100 anni fa? Nell’ingresso della facciata sulla strada principale, per esempio, è stato creato qualcosa che poteva essere prodotto solo dalla generazione assistita dal computer della forma e dal controllo di questa forma nel processo di fabbricazione dei mattoni, perché ogni linea, ogni strato di mattoni segue un contorno diverso o una linea topografica.

Così, i prestiti espressionisti dall’architettura in mattoni di fine secolo emersero improvvisamente, con un’espressione formale che non avrebbe potuto essere prodotta a mano – almeno non con tale precisione e solo in un modo molto complicato. Anche se è solo una piccola parte dell’insieme che è occupata da questa tecnica di progettazione parametrica e di costruzione, dimostra comunque che la casa non può essere stata costruita prima del 1999, anzi probabilmente non prima del 2010. In questo senso, stiamo esprimendo attraverso la casa una prossima, nuova generazione di architettura che è molto del suo tempo.

  • Suggerimento! Scopri di più su questo progetto di innesto qui: Bricks Berlin

Generazioni di architettura – il futuro attraverso l’origine

Innesto: Con il progetto Bricks, vogliamo uscire dalla dura architettura della “scatola”, che è molto caratterizzata da regole o da una mancanza di immaginazione, e introdurre una sensibilizzazione, una poetizzazione e anche una femminilizzazione dei linguaggi formali che possano innescare una diversa vibrazione di base nell’osservatore. Un linguaggio di forme che permette allo spazio di fluire diversamente nello spazio urbano.

Alcune di queste cose esistevano già nel ventesimo secolo, ma sono diventate più controllabili, pianificabili e fattibili solo nel corso degli ultimi 10-15 anni grazie all’architettura generata dal computer. Ecco perché è anche più visibile in molte zone. Il futuro ha bisogno di origini. Ci troviamo sulle spalle di altri innovatori.

È anche bello che ci sia un ottimo mix di gruppi sociali e usi all’interno dell’edificio. La gente ci vive, ci lavora e c’è un grande centro di cabala ebraica, quindi è un luogo spirituale.

Naturalmente, ci sono anche possibilità di ufficio e commerciali molto classiche, e un ufficio postale. Da questo punto di vista, è un bel “mix berlinese”. Continuare a sperimentare-narrare in quella che era una zona monofunzionale dell’ufficio postale. Questo può mostrare a tutti come i vecchi edifici storici possono rompere il loro corsetto ed essere ritrovati in questa città che tutti amiamo: Grande città, ma simile a un villaggio in scala e all’interno.

Immagini: Bricks Berlin Schöneberg, progetto di conversione e nuova costruzione

Qui potete trovare alcune impressioni del progetto di rivitalizzazione Bricks. Tra le altre cose, l’implementazione e la continuazione della facciata con il materiale da costruzione in mattoni è qui particolarmente emozionante. Diversi edifici hanno apparenze diverse, eppure sono collegati l’uno all’altro attraverso il materiale.

© BTTR GmbH

In questa foto potete dare un’occhiata più da vicino alla realizzazione unica della facciata. I mattoni posizionati singolarmente formano una struttura impressionante, specialmente in questo ingresso.

© BTTR GmbH

Un altro edificio del progetto Bricks è stato rivestito con lo stesso materiale da costruzione, ma in una realizzazione completamente diversa. Ne risulta la tensione già menzionata tra diversi disegni di facciata e la connessione simultanea attraverso il tema dei mattoni.

© Trockland

Architetti e progetti futuri – Intervista parte 1 e 3

Vuoi saperne di più su Graft, i suoi fondatori, la fondazione e i progetti futuri previsti? Nessun problema! Abbiamo diviso l’ampia intervista con lo studio di architettura in 3 sezioni tematiche, ognuna delle quali dà una visione più ravvicinata del lavoro e dei progetti di Graft. Quindi sentitevi liberi di leggere le altre parti dell’intervista e saperne di più su Graft come studio di architettura, sulla loro filosofia aziendale o anche su progetti emozionanti e innovativi del futuro. Innesto dappertutto!

Architetti e lavoro di successo (1/3)

Trova interessanti i progetti presentati finora e vorrebbe saperne di più sullo studio di architettura? Nessun problema! Oltre ai progetti per l’abitare/uso misto, abbiamo anche parlato con i fondatori delle origini e della filosofia della loro azienda, così come dei progetti futuri. Nella parte 1 dell’intervista, puoi scoprire di più sui fondatori e su come si sono riuniti come gruppo di imprenditori. Puoi anche scoprire cosa rende gli oggetti di Graft così unici e qual è l’atteggiamento degli architetti nei confronti del loro lavoro. Leggi di più qui!

© Pablo Castagnola (Da sinistra a destra: Thomas Willemeit, Wolfram Putz, Lars Krückeberg)

Progetti futuri – auto elettriche e taxi aerei (3/3)

Auto elettriche, stazioni di rifornimento per l’elettricità e taxi aerei – sogni del futuro? Niente affatto! L’azienda moderna vuole agire come un pioniere, creare opportunità e risolvere problemi! Con i suoi progetti futuri, Graft, come pioniere della rivoluzione dei trasporti, si sta imbarcando nella ricerca di soluzioni innovative ai problemi moderni con partner forti come e.on. Scoprite tutto sugli eccitanti progetti architettonici di domani qui!

© GRAFT Brandlab/Skyports/Volocopter/GRAFT , VoloPort design