Modello: Requisiti, applicazione, agenzia di modelli e consigli! 33 domande a Stephan Czaja

Diventare un modello – Stephan Czaja, proprietario di Cocaine Models ci dà risposte a tutte le domande importanti oggi! La nuova stagione della prossima Topmodel tedesca è in corso e centinaia di migliaia di giovani ragazze seguono lo show di Heidi Klum. Stephan ci porta oggi dietro le quinte dell’alta moda, della pubblicità e del casting. Di cosa hai bisogno per fare il modello? Quanto guadagni come modello? Quanto è importante Instagram per i modelli? Tutti parlano di nuovo dei candidati al GNTM, lo spettacolo dà alle ragazze una buona visione, ma com’è veramente? Vogliamo sapere come inizia una carriera da modella e cosa è importante.

Modello: Requisiti, dimensioni e stile di vita

Stephan Czaja è proprietario di Cocaine Models, autore di The Model Book, è broker di immobili di lusso e ha una delle principali agenzie di social media in Germania. Se c’è qualcuno che sa quello che fa, quello è lui! Oggi abbiamo potuto incontrarlo tra due appuntamenti per un colloquio. CM è una delle agenzie leader in Germania con posti di lavoro in tutta Europa ma anche negli USA e in Asia. Lavorano con aziende come Hermès, Prada, CK, Dior, Nike, Levis, e molte altre.

FIV – La mia prima domanda: secondo lei, cosa rende un buon modello?

Stephan Czaja – disciplina e ambizione! Sguardi bellissimi, talento per la passerella e le sfilate di moda, servizi fotografici, spot pubblicitari, che tutto può essere controllato solo in un secondo momento. Ecco perché la disciplina di un modello è all’inizio di tutto. Questo significa puntualità, affidabilità e resistenza.

A questo si aggiunge l’ambizione, cioè la volontà propria e indipendente di migliorare costantemente. La competizione è feroce, soprattutto quando una modella si reca poi nelle grandi capitali della moda, a Parigi, New York, Shanghai o Milano.

Modelli all’estero: Parigi, New York, Londra, Shanghai

FIV – Quindi Parigi, New York, Shanghai sono le grandi destinazioni per le modelle?

Stephan Czaja – Come modello che lavora professionalmente e vuole guadagnarsi da vivere, è molto vantaggioso aver lavorato in queste città per un certo periodo di tempo. Non si tratta solo di lavoro, ma anche di esperienze internazionali e, naturalmente, di servizi fotografici con i migliori fotografi. Più esperienza, più serie di foto diverse, meglio è per il modello. Il proprio portfolio di modelli diventa sempre più forte grazie ai nuovi servizi fotografici e quindi i modelli ottengono lavori più grandi.

In città come Shanghai, Londra ma anche New York ci sono le grandi campagne pubblicitarie, le sfilate di alta moda, i marchi – Per i modelli, città come New York, Los Angeles, Parigi, Milano, Londra ma anche Shanghai e Hong Kong sono il posto giusto.

FIV – Come fa una modella a trovare lavoro all’estero? Sono campagne individuali o passate più tempo sul posto?

Stephan Czaja – Dopo l’accumulo durante il periodo scolastico e dopo i primi lavori, i modelli che soddisfano i requisiti di dimensioni e proporzioni di solito vanno in città per 2 o 3 mesi. Questo si chiama “On Stay”. Le giovani modelle vivono poi in appartamenti condivisi, partecipano a molti casting ogni giorno e idealmente ottengono il loro primo lavoro. Qui è anche dove è possibile ottenere i marchi leader della moda come Hermes, Burberry, Dior, Dior, Prada, Givenchy e molti altri.

Noi come agenzia paghiamo e finanziamo questi viaggi, poi vengono fatturati. Quindi non ci sono rischi per i modelli. In cambio, ci aspettiamo esattamente le qualità che ho menzionato all’inizio del colloquio: disciplina e ambizione.

Foto: Dolce & Sfilata di moda Gabbana a Milano, Modella Linn Fausten @ Cocaine Models / Donna Milano

Model scouting: A che serve?

FIV – Se siete alla ricerca di nuovi volti per la vostra agenzia di modelle, avrete sicuramente alcuni fattori da considerare nella scelta e nella decisione. A cosa prestate attenzione quando esplorate giovani modelli, quando vedete e incontrate un potenziale modello nell’agenzia, o in altre parole, come riconoscete un buon modello come agente di modelli?

Stephan Czaja – Lo scoutismo è tutta una questione di dimensioni del corpo, contorni del viso e figura. Disciplina e ambizione non sono purtroppo evidenti a prima vista! In quei pochi momenti in cui si vede qualcuno che vuole diventare un modello, si tratta soprattutto di figura e proporzione.

.
Le dimensioni e le proporzioni minime sono sempre i primi requisiti. Dopo di che si tratta solo dei contorni del viso, ma anche di tutte le sottigliezze e le particolarità che ognuno ha. Dalle facce che colpiscono, ai volti straordinari, alle lentiggini, allo scherno della pelle, ai capelli lunghi e corti o anche alle fessure dei denti. Durante la rapida valutazione ci sono molti dettagli interessanti che rendono un modello unico, per noi Scout di modelli.

Di conseguenza, il processo decisionale nelle riunioni di agenzia è spesso lungo, ad esempio dopo un casting con 100 modelli. Alla fine, tutto ha un ruolo nel processo di selezione e selezione. Nel secondo turno ci conosciamo all’introduzione nell’agenzia di modelli. Qui si parla in dettaglio, le modelle conoscono l’agenzia, i booker ma anche la collaborazione. Allo stesso tempo si impara molto sul modello, sulla personalità, sulle proprie ambizioni e naturalmente sul proprio aspetto. Qui vuoi vedere il famoso “fuoco negli occhi” come agenzia, in modo che ti rendi conto che la persona davanti a te vuole davvero il lavoro.

FIV – Riguardo alle prestazioni nella vostra agenzia ho qualche altra domanda sui vostri consigli personali. Ma prima di questo vorrei sapere se come modello dovresti avere un “aspetto speciale” o “piuttosto mediocre” per avere successo?

Stephan Czaja – Per la maggior parte delle modelle si realizza il tipico ideale di bellezza. Estremamente straordinario è speciale, ma non viene quasi mai prenotato dai clienti in attività regolari intorno a spot, negozi online, campagne, showroom e sfilate di moda.

“Il “bell’aspetto” è meglio ricevuto che lo “stravagante”

Alla fine, come modella non si vive di stravaganti servizi fotografici e produzioni video come si vede nei telefilm. Non ci sono cartucce di vernice iniettate, non ci sono animali selvatici al tiro e no, non c’è mai un “tiro nudo” come in TV. Il vero modello di vita è diverso!

Si guadagna la maggior parte dei soldi come modella con foto “tipiche” per negozi online, campagne o anche spot pubblicitari. Di conseguenza, l’aspetto non deve essere troppo “estremo” o straordinario, né deviare dall’immagine ideale tipica che tutti noi portiamo dentro di noi. Se si prende il gusto di tutte le persone insieme, la maggior parte delle persone ha un’immagine “tipica” della bellezza in termini di aspetto e proporzioni.

A parte questo, nella vita reale, un aspetto naturale e simpatico, in combinazione con la giusta taglia del corpo, alla fine vince sempre.

90-60-90: Misure ideali o

.
FIV – A proposito di convincere, quando si pensa alle “misure perfette”, si ha subito in testa il tipico 90-60-90, che tutti conoscono. Sono davvero queste le misure perfette per i modelli femminili e questo è un malinteso generale?

Stephan Czaja – Mi viene posta questa domanda più spesso, misure dei sogni o no? In realtà, nessuno ha mai pensato a queste proporzioni e ha detto, in questo modo è perfetto! Queste proporzioni derivano dalla nostra immagine ideale generale, in breve: chi troviamo attraente?

Tuttavia, se si guarda al taglio delle persone, come detto prima, e si mettono tutti gli ideali di bellezza uno sopra l’altro, allora per la maggior parte di loro una proporzione di 90-60-90 per le donne è molto più avanti nella classifica dell’attrattività. Di conseguenza, consideriamo le donne, con proporzioni simili, come attraenti per i media.

Ma è interessante notare che le proporzioni non sono incastonate nella pietra, sono relativamente indipendenti dalle dimensioni del corpo.

Questo apre il mercato dei modelli più piccoli con possibilità di colate e lavori

Un esempio: i Bikini Shootings sono spesso prenotati per i modelli più piccoli, anche in questo caso le proporzioni o il rapporto tra corpo e viso gioca un ruolo importante. Con i modelli più piccoli, le curve femminili sono ancora più belle. Di conseguenza, il 90-60-90 è più un sinonimo della tipica “figura a clessidra”, che sia Cara Delevingne o Jennifer Lopez. Anche gli ideali di bellezza cambiano quando si lascia il continente.

Un altro esempio: In Asia e in città come Pechino, Shanghai e Seul, i modelli di maggior successo sono tra i 171-176 cm, il che li rende ben 4-5 centimetri più piccoli che in Europa o in America.

Applicazione, obiettivi e personalità

FIV – Quante domande di partecipazione al mese ricevete come agenzia di modelle?

Stephan Czaja – Molti, moltissimi. In un mese, permettetemi di fare una breve proiezione, ci sono circa 100-150 domande al giorno, che significa fino a 3.000, 4.500. Le domande provengono da tutto il mondo, da New York a Londra, da Amburgo a Shanghai. La nostra agenzia invita da 5 a 10 candidati per colloqui o videochiamate. Un contratto di modello nella nostra agenzia sarà poi dato a 2 a 4, il che significa “solo” 2 a 4 nuovi modelli al mese. Perché? Perché come management internazionale costruiamo piani di carriera, da dove si inizia e come si raggiunge il proprio obiettivo come modello in 2 o 3 anni. Migliore e più intensa è la gestione, più veloce è la gestione. Vogliamo il meglio del meglio, dopotutto, alla fine si tratta di spot pubblicitari in tutto il mondo, Fashion Week a Parigi, On Stay a New York, servizi fotografici ad Amburgo, showroom a Milano. Fin dall’inizio, molta responsabilità per le giovani modelle.

Per me, come agente di modelle e ancor più come proprietaria, è estremamente importante che le giovani modelle comprendano la serietà. Se inizi a fare la modella all’età di 15, 16 o 17 anni, hai ancora molta strada da fare. Molte persone non ne sono consapevoli, vogliono essere sulla copertina di Vogue entro poche settimane e se questo non funziona, si fermano di nuovo. È estremamente frustrante come agenzia di modelle, ecco perché siete così estremamente selettivi quando si tratta di casting e applicazioni.

Quindi, se si ottiene un contratto modello dopo la candidatura, l’introduzione e il casting, si sa che ha le giuste qualifiche. I passi successivi sono quindi: personalità e portafoglio modello per convincere i clienti.

FIV – Con così tante applicazioni, il mercato non è già saturo? Un’applicazione vale ancora la pena?

Stephan Czaja – È come in ogni altro posto, se vuoi arrivare a qualcosa, devi provarci molto! Se iniziate a fare i modelli con l’atteggiamento che la competizione è troppo grande, sicuramente non ce la farete. Non è così solo con la modellazione, è lo stesso con il calcio, come musicista e cantante o anche come attore. Alla fine servono ambizione, disciplina e una buona agenzia o un buon club che vi fornisca i giusti contatti, la formazione, le opportunità, i casting e i posti di lavoro.

FIV – A parte l’aspetto e le caratteristiche del modello, quando è l’età perfetta per iniziare a fare il modello?

Stephan Czaja – Per me personalmente, l’età perfetta per iniziare a fare il modello è tra i 15 e i 17 anni. Ma qui non inizia subito al 100%, la scuola ha la priorità. L’educazione scolastica è estremamente importante per le modelle, non importa se si tratta di testi da imparare per una pubblicità, l’inglese per chiacchierare con il team intorno a fotografi, direttori creativi e stilisti di moda, ma anche la matematica, dopotutto sei un imprenditore. Più intelligente è, meglio è! Ecco perché le buone agenzie di modelle si assicurano che tu prenda una buona laurea. Dopodiché il mondo è aperto a voi. Più si è intelligenti, più si va avanti. Perché come modello si vive anche di prenotazioni successive. Se piaci a un cliente, ottieni un altro lavoro e un altro ancora. Siate simpatici, convincenti sul set, questo vi farà andare oltre. Ma fino ad allora, passeranno 1 o 2 anni fino alla laurea finale con l’accumulo di esperienza e materiale visivo a piccoli passi. Per così dire, il set di base per realizzarlo in seguito nelle grandi città come New York.

FIV – Ecco perché così pochi modelli riescono ad ottenere un contratto alla fine, giusto?

Stephan Czaja – Giusto. Dopo tutto, vogliamo prenderci cura dei nostri modelli in modo che si sviluppino liberi da tutto il lavoro dietro le quinte. Per noi questo significa modelli che possono vivere bene il loro lavoro e sperimentare costantemente cose nuove. Infatti, il tempo come modello è così intenso e interessante che non si possono mai trasmettere tutte le sfaccettature in un’intervista! Se ci penso, a 17 anni sono andata per la prima volta a Parigi, poco dopo sono andata per la prima volta a Milano durante le vacanze, appena finita la scuola, inizia la vera vita da modella: Shanghai, la settimana della moda di Parigi, il servizio fotografico ad Amburgo, la passerella a Düsseldorf. All’età di 19, 20 anni, hai già vissuto tanto, tanto da raccontare – un lavoro da sogno.

FIV – Come funziona un tale setup, descritto rapidamente?

Stephan Czaja – Se vieni in una grande agenzia di modelle come la nostra all’età di 15 anni, la prima cosa che devi fare è ottenere buoni risultati a scuola. Allo stesso tempo, il tuo portfolio di modelle sarà costruito passo dopo passo, con l’obiettivo di avere servizi fotografici diversi e sfaccettati. Una volta che si dispone di un portafoglio di modelli insieme, che può resistere a modelli esperti nel casting, è un peccato. Non si diventa una top model da un giorno all’altro. Scuola, costruisci il tuo portafoglio, fai le prime esperienze di lavoro, piano di carriera, laurea, paesi stranieri. Il tuo grande obiettivo è quello di poter vivere bene da questo lavoro a 21 anni, 22 anni! Chi va con l’atteggiamento ha le migliori possibilità.

foto: nuovi modelli maschili / primavera @ Cocaine Models

Vantaggi dell’agenzia di modelli</h3
FIV – Se si riassume il supporto di un’agenzia di modelle, qual è la cosa più importante che un’agenzia di modelle dà a una modella?

Stephan Czaja – Rete. Come modello indipendente non si potrebbero mai costruire i contatti che un’agenzia modello ha con anni di lavoro e con i molti dipendenti. Si tratta di direttore creativo, stilista di moda, direttore marketing, amministratore delegato, agenzie pubblicitarie, tutta l’amministrazione che c’è dietro, riprese con i fotografi, la lista è molto lunga e non siamo ancora su questioni fiscali, fatturazione, dunning, pianificazione dei viaggi, calcolo dei diritti d’uso, agenzia partner all’estero, finanziamento dei viaggi, ecc.

Come modello, devi farcela in pochi anni, non hai tempo da perdere, quindi è possibile solo con una buona e forte agenzia di modelli alle spalle, che si occupa di tutto ciò che è importante come gestione. Il lavoro di una modella è quello di rimanere disciplinata, divertirsi al lavoro, avere carisma positivo e naturalmente professionalità, si tratta di viaggi stressanti, orari stretti e naturalmente la pressione alle spalle, quando alla fine un’intera campagna dipende dalle tue prestazioni come modella. Mentre l’agenzia pubblicitaria ha preparato tutto ciò che è importante sullo sfondo, tu sei al centro dell’intera produzione durante il servizio fotografico come modella. Alla fine, il successo complessivo di una campagna dipende in una certa misura dalle vostre prestazioni. Ecco perché è così importante costruire il team, acquisire esperienza, prendersi del tempo per se stessi, in modo da poter crescere un po’ alla volta per ottenere i lavori più importanti.

Se fate uno sforzo e vi atterrete ad esso, otterrete una grande forchetta, potrete scoprire il mondo, conoscere molte persone. Come ho detto, fare la modella è un lavoro da sogno.

Taglia minima: Pista (sfilata di moda) e Commerciale (pubblicità)

FIV – Quanto deve essere alta una modella per sfilare in una sfilata di moda?

Stephan Czaja – Per le passerelle e le sfilate di moda le misure tipiche e note dei modelli sono estremamente importanti. Più il marchio è di alto livello, più la posizione è internazionale, più uniformi sono le misure dei modelli. Il motivo è abbastanza semplice, le sfilate di moda sono destinate a un acquirente per vedere e ordinare o acquistare nuove collezioni. Anche se ci sono celebrità tra il pubblico e personaggi influenti, le persone più importanti per gli stilisti di moda sono i compratori, perché comprano le collezioni in grandi quantità. Naturalmente, anche gli influencer e le celebrità sono importanti come ambasciatori del marchio, ma prima che gli abiti siano in vendita, sono i compratori che portano il business ai designer. Solo se sono disponibili in seguito nel commercio possono essere acquistati da privati. Di conseguenza, si dice: Concentrati sulla collezione.

Quindi l’attenzione è sulla moda e non sulla modella. Una sfilata di moda richiede quindi le misure tipiche che sono note nel mondo della modellistica. In paesi come la Germania, un modello femminile di solito ha bisogno di un’altezza minima di 176 cm per la pista. Poiché le modelle indossano di solito scarpe alte, gli uomini devono essere alti almeno 186 cm di conseguenza, per un’immagine armoniosa del gruppo.

Se poi siamo in una sfilata di moda a New York, Milano o Parigi, le misure sono ancora più rigorose. Da un lato l’altezza, i modelli femminili devono essere alti 178 cm, massimo 180 cm. Gli uomini devono essere di conseguenza più alti di 2 cm, da 188 a 192 cm, max 194 cm. Inoltre, nelle grandi metropoli della moda di questo mondo, anche i fianchi delle donne giocano un ruolo importante. Per i modelli femminili dovrebbe essere al massimo di 90 cm. In città come Tokyo o New York e Parigi, anche 89 cm sono spesso richiesti come massimo.

Anche se c’è molto clamore sulla diversità, il 99% del mercato della moda a pagamento si muove esattamente intorno a queste misure.

FIV – Per le modelle ci sono due aree, l’alta moda ma naturalmente anche la grande area della pubblicità, quanto deve essere grande una modella quando si tratta di pubblicità (commerciale)?

Stephan Czaja – È bello che tu faccia questa domanda! Perché non c’è solo l’Alta Moda e l’Haute Couture, un’altra grande parte dell’industria è nella pubblicità. Qui la dimensione non è la cosa più importante, di solito si presta attenzione a un viso molto “bello”. Poi c’è la professionalità sul set, le espressioni del viso e le emozioni giuste al momento giusto.

Uno dei miei modelli migliori, per esempio, è alto solo 171 cm e ha già 57 anni. È fantastica! I clienti la amano! Lavora in tutto il mondo e ha una personalità fantastica, è una persona così positiva! Ma non voglio andare in estasi proprio ora.

Foto – Prendere le misure da soli (fianchi, vita, petto e altezza).

FIV – Quanto guadagna una modella in pubblicità, può fare un esempio?

Stephan Czaja – Se si vuole avere successo come modello nella pubblicità, allora l’espressione del viso, l’emozione e il linguaggio del corpo sono i fattori più importanti. Se la vostra agenzia di modelle sa che lavorate in modo costante e costante, potete ottenere un sacco di posti di lavoro! Soprattutto i lavori nel settore pubblicitario sono molto utili, perché qui si viene pagati per i diritti d’uso. È molto semplice: se viene prodotto un annuncio pubblicitario, i diritti d’uso vengono acquistati dal cliente per un anno, ad esempio. Se lo spot è ben accolto, si gioca per un secondo anno, forse anche un terzo, quarto e quinto anno. Ad ogni estensione dei diritti d’uso riceverete un costo aggiuntivo come modello. Possono essere facilmente poche migliaia di euro, in modo che in teoria si può pagare l’affitto per un anno con un solo lavoro. Se si guadagnano 5.000 euro il primo anno, poi 4 volte di più, si hanno 25.000 euro per un giorno di lavoro.

Per arrivarci, ci vogliono ambizione e disciplina come modello!

Applicazione e intervista

FIV – Se qualcuno decide di diventare una modella e invia una domanda, che tipo di foto devono inviare le modelle?

Stephan Czaja – In poche parole: scattate le foto con il vostro smartphone, mostrate il vostro look naturale senza trucco, senza styling alla luce naturale, cioè preferibilmente di giorno poco prima, dopo o durante l’ora di pranzo; non di notte. Tornando alla naturalezza, anche i vostri vestiti non devono distrarre, è meglio indossare un semplice top nero come donna o una camicia come modello maschile. Mostratevi naturali al 100%, perché è esattamente ciò che le agenzie di modelle e i loro clienti apprezzano di più. Solo la bellezza naturale è convincente.

Quindi non posso che consigliarvi, mostratevi esattamente come siete fin dall’inizio!

È anche importante dire che non è necessario un servizio fotografico a pagamento! Molti cercano un fotografo per inviare foto “creative”. Il mio consiglio per tutti coloro che vogliono diventare modelle, basta fare le foto con il cellulare! Chiedi a tua mamma, a tuo papà o solo a un buon amico o alla tua ragazza.

FIV – Molte persone passano ore ogni giorno nei social network. Pertanto sarei interessato se si ottiene un’applicazione modello, che ruolo hanno i seguaci al giorno d’oggi? Quanto è grande il ruolo dei social network nella selezione di nuovi modelli?

Stephan Czaja – Ancora una volta, la naturalezza è il fattore più importante! Il lavoro di un modello non riguarda la gamma, i clienti hanno bisogno e vogliono modelli, l’aspetto decide nel casting. Interessante diventa solo con i giovani, che hanno per esempio su Instagram già 200.000 o 300.000 follower hanno comunque “solo” il 95% di tutte le condizioni soddisfatte.

I giovani che hanno già 200.000 o 300.000 seguaci all’età di 15 o 16 anni sono estremamente, estremamente rari. Di conseguenza direi che il numero di seguaci non ha importanza, a meno che non siate uno dello 0,001% che avrà mezzo milione di seguaci in giovane età e, come ho detto, il 95% di tutti i requisiti deve essere comunque soddisfatto.

FIV – C’è un’età minima o massima per i modelli?

Stephan Czaja – Prima di tutto la cosa migliore della modellazione o del lavoro di un modello, non c’è un’età massima! Molto meglio, più si invecchia come modello, meno concorrenza c’è, perché molte persone decidono nel corso della loro vita di intraprendere un’altra carriera, ad esempio nel giornalismo, nel marketing, diventano medico o fanno qualcosa di completamente diverso.

foto – Spot VW con Milva Spina @ Cocaine Models

Campagna T-Cross con Cara Delevingne e altri

L’età minima è diversa, se si vuole lavorare come modello, si deve fare domanda con 15 anni, 16 anni, al più tardi 17 anni in un’agenzia di modelli Perché soprattutto negli anni più giovani si ha il tempo di viaggiare all’estero, di fare dei tiri di prova e molto altro ancora. Non si può recuperare il tempo dopo.

Età iniziale, misurazioni perfette e lavori di modellismo

FIV – Quanti anni ha la modella più giovane della vostra agenzia di modelle?

Stephan Czaja – Alla Cocaine Models partiamo da 15 anni, ecco quanti anni hanno i nostri più giovani. Prima di tutto dovreste assolutamente godervi la vostra infanzia: Amici, tempo libero! Ma i primi lavori non iniziano prima dei 16, 17 anni, poi arrivano i paesi stranieri.

FIV – Ogni lavoro è diverso, dallo showroom alla sfilata di moda, al servizio fotografico e al video: Quanto sono diversi i requisiti nelle diverse aree? Dove si differenziano qualità e competenze?

Stephan Czaja – Ogni lavoro è diverso! Sequenze di breve durata per il nuovo spot Nike, sfilata per Calvin Klein, riprese di e-commerce con 25 abiti, riprese di gruppo in centro città per una campagna pubblicitaria, ogni lavoro ha le sue sfide speciali.

I primi passi di un modello

FIV – Se trovate un New Face interessante nella vostra agenzia di modelle, per voi e per i vostri clienti e si presenta con successo nella vostra agenzia di modelle, come funziona il tipico inizio di una modella, quali sono i primi passi per le giovani modelle?

Stephan Czaja – Dopo l’intervista, prima di tutto c’è il contratto di modella, poi il primo servizio fotografico e poi inizia la costruzione del portfolio di modelle. A seconda dell’età, questo può richiedere un tempo relativamente lungo, perché se si è ancora a scuola, questo ha la priorità assoluta, naturalmente. È importante che tutto sia pronto per quando si lascia la scuola, diciamo 6-8 buoni scatti con buoni fotografi, più 3-5 foto di lavori.

Questo è un buon inizio se si vuole lavorare un po’ di più nell’ultimo anno scolastico. Dopo la laurea hai già fatto qualche piccolo lavoro in Germania, poi con le giuste qualifiche puoi entrare nel grande mondo della moda, dei media e della pubblicità! Le grandi città, soprattutto città come Los Angeles, New York, Parigi, Milano, Londra, Shanghai, Hong Kong, Pechino e Londra. Poi ci sono molti altri luoghi interessanti come Città del Capo, Barcellona o anche Seul. Le modelle devono prendersi il loro tempo dopo la scuola, circa 2 anni per tutta la costruzione internazionale. Dopo aver maturato un’esperienza internazionale, lo staff e i manager delle agenzie partner della vostra agenzia madre (nel nostro caso Cocaine Models) vi conoscono. Il tuo libro contiene anche foto forti di lavori e di fotografi di tutto il mondo.

Tutto inizia con il portfolio di modelli

Avete bisogno di foto buone e significative. Come suggerimento per le giovani modelle emergenti, la quantità di foto non è importante, ma la qualità! Sono necessarie diverse ambientazioni, bianco e nero, bianco e nero, sportive, foto divertenti, moda, sfondi colorati, risate, serietà e molto altro ancora. In modo che il cliente possa vedere se stesso in tutte le possibili sfaccettature. Ad esempio, se è prevista una campagna pubblicitaria in cui si dovrebbe sorridere, è necessaria una foto in cui ci si diverte e si ride. A un certo punto arriva un produttore internazionale di moda sportiva e il direttore del casting vede una foto sportiva direttamente nel tuo libro. Il vantaggio: da un lato si può immaginare il modello più velocemente nel ruolo di casting da lanciare, dall’altro si sa che si è già acquisita esperienza in questo campo. Di conseguenza, non importa quanti servizi fotografici avete, la vostra agenzia di modelle farà in modo che i servizi fotografici siano variegati in modo da mostrare il maggior numero possibile di pagine di voi stessi. Pertanto, come modello è anche importante inoltrare tutte le richieste alla direzione. Una volta che siete in un’agenzia di modelle, la gente vi presterà attenzione. Così si ricevono sempre più richieste, ad esempio su Instagram. Il segreto non è “fare tutto”, più si è esclusivi, meglio è e più si guadagna come modello.

Altrettanto importante: più alta è la qualità del cliente, più naturali sono le foto. Dovreste assicurarvi fin dall’inizio di non avere foto troppo sperimentali nel vostro libro. Il tuo viso deve essere sempre ben visibile, non deve essere coperto. I modelli dovrebbero anche fare in modo che i fotografi non facciano troppi ritocchi, la naturalezza ti fa crescere come modello.

Showroom e sfilata di moda

FIV – Se il portfolio di modelli è abbastanza forte, quali sono i prossimi passi per i giovani modelli, da dove inizia la loro carriera?

Stephan Czaja – I giovani modelli iniziano di solito come modelli di allestimento o nello showroom. Negli showroom qui gli stilisti presentano le nuove collezioni. Nello showroom ci sono acquirenti di grandi catene di moda e anche di grandi magazzini, non molti di loro solo circa 1-5 persone. Come modello si presentano i singoli pezzi della nuova collezione in una sorta di piccola sfilata di moda. I clienti possono farsi un’idea diretta dei materiali, del tessuto, della lavorazione e della qualità dei nuovi capi. Un lavoro relativamente semplice.

La prima vera sfida è poi la prima sfilata di moda. Lo spettacolo vero e proprio è relativamente breve, ma i preparativi sono molto intensi. Qui si deve lavorare con un massimo di 20 modelli diversi, si è sotto pressione per il tempo ma si ha anche un pubblico. Ma come modella in realtà stai lavorando, fuori Parigi, Milano, Londra, New York, ecc. raramente alle sfilate di moda. Molto più importanti sono i servizi fotografici.
<Foto, e-commerce e spot pubblicitari
Il passo successivo del claim sono quindi anche i primi servizi fotografici, ad esempio per Instagram o per i negozi online o l’e-commerce. Da qui in poi, di solito non si tratta più solo di “essere belli”, ora si tratta anche di eseguire e fornire prestazioni costanti. Questo significa carisma positivo e sorrisi anche con il 18° capo e 7 ore di produzione. Come modello, uno dei grandi obiettivi è quello di ottenere prenotazioni successive da parte di clienti estremamente soddisfatti del lavoro del modello. Se fai un buon lavoro come modello, il cliente ti prenoterà di nuovo per lavori simili o anche più grandi.

A un certo punto non si tratta più solo di te nel negozio online. Nella fase successiva si scatta, ad esempio, la prima campagna insieme ad altre modelle. Dovreste essere tutti insieme nelle foto della campagna, sorridenti, in perfetto movimento e armonia. Ora non si tratta più solo di esibirsi, bisogna esibirsi in combinazione con gli altri. Ciò significa che, ogni volta che il fotografo scatta una foto, i movimenti di tutte le modelle devono adattarsi e, naturalmente, le espressioni facciali, di tutte le modelle. Coordinare queste emozioni insieme è davvero difficile! Come modello, ci vuole molta pratica ed esperienza.

Ad un certo punto non solo otterrete dei servizi fotografici dalla vostra agenzia, ma anche questa campagna e come prossimo spot pubblicitario. In tali produzioni commerciali, i team sono già molto più grandi, così come i costi di una tale produzione commerciale. Quindi molto dipende da te come modello. Per questo ne vale la pena, abbiamo discusso di quanto si può guadagnare come giovane modello con spot pubblicitari con tutti i diritti d’uso in cima.

Video – Spot Nike Factory Store (internazionale) con Lisa e Louisa @ Cocaine Models

Video – Giornali commerciali (internazionali) Johanna, Hannes e Marie @ Cocaine Models

FIV – Un’ultima domanda, cosa ne pensa del prossimo Topmodel tedesco? Puoi diventare una modella famosa con lo spettacolo?

Stephan Czaja – Attraverso formati come il prossimo Topmodel della Germania si può diventare una persona famosa, questo è vero. Ma di solito ci sono solo tre o quattro persone per ogni stagione che creano un successo duraturo. Gli altri hanno il timbro GNTM per sempre, il che non è necessariamente vantaggioso, in quanto distrae dalla campagna vera e propria. GNTM è una grande spinta per Instagram. Ciò che è importante per i candidati è che rimangano sulla palla dopo lo show e non si affidino all’hype del tempo di trasmissione. Solo poche settimane dopo lo spettacolo, quasi tutti sono tranquilli nella cassetta della posta. Chiunque poi voglia passare a una normale agenzia di modelle rimane di solito intrappolato nell’universo GNTM.

Molti dei candidati vengono anche lanciati al di fuori delle dimensioni che sono finalmente necessarie come modelli per i clienti dell’alta moda. Quando un anno dopo vogliono trasferirsi in una buona agenzia di modelle, spesso non capiscono il rifiuto, perché alla GNTM tutto andava bene. Nella vita reale, però, spesso non hanno la possibilità di fare il casting con modelli reali. Spesso i loro fianchi sono troppo larghi, i loro fianchi troppo piccoli o troppo sporgenti. Come candidato GNTM, quindi, devi assicurarti di portare con te il maggior numero possibile di seguaci. Dopo GNTM, Instagram è la base per altri lavori, come la pubblicità anche Instagram.

I partecipanti sono di solito anche leggermente più anziani delle modelle, che possono decidere di intraprendere una carriera professionale come modelle e candidarsi all’età di 15 o 16 anni. Ma è un ottimo formato per farsi pubblicità! Soprattutto in tempi di Instagram, si può costruire una buona base di fan e guadagnarsi da vivere bene. Per chi vuole essere presente agli eventi, promuovere i prodotti, la fiera è una grande opportunità.

Quanto guadagnano i candidati GNTM su Instagram?

FIV – Al termine dell’intervista voglio davvero stuzzicarvi con un po’ di curiosità! Oltre alla vostra agenzia di modelle avete anche una delle principali agenzie di social media in Germania. I candidati di maggior successo di GNTM hanno molti seguaci dopo lo show, il che mi interessa. Quando si inizia a guadagnare soldi come influencer su Instagram?

Stephan Czaja – Quanto denaro si guadagna su Instagram dipende estremamente dalla singola persona che si trova dietro il canale. Uno è più imprenditore, l’altro meno. Alcuni riescono a fare soldi con 100.000 seguaci, altri non sanno come fare soldi e pubblicano costantemente codici promozionali in cui guadagnano il 5% o il 10% per ogni vendita. Se nessuno compra, non guadagna niente. Ma se ti vendi bene, puoi far pagare fino a 1.000 € per un post con 100.000 follower e oltre. Se il rispettivo cliente partecipi o meno è un’altra questione, è qui che entrano in gioco le capacità di negoziazione individuali. Soprattutto se non si dispone di un’agenzia e si negozia in privato, cosa che la maggior parte degli ex candidati deve fare. Ma qui, come ho detto, dipende estremamente da come la persona in questione è orientata agli affari. Ci sono anche molti esempi positivi come Stefanie Giesinger e Lena Gercke.

FIV – Come la vostra agenzia di social media calcola i prezzi per Instagram?

Stephan Czaja – La valutazione non riguarda solo il numero di seguaci, ma anche l’interazione e la propria comunità. Chiunque può acquistare seguaci su internet per pochi dollari. Anche oltre ai seguaci comprati ci sono molte persone che per esempio postano “solo” foto sexy, ma non hanno quasi nessuna interazione con la propria comunità. Coloro che hanno poca interazione, poca discussione e partecipazione, diminuiscono rapidamente il rating. Tuttavia, coloro che interagiscono molto con la propria comunità, sono attivi su base giornaliera e si sforzano di creare contenuti forti in modo che la propria comunità sia intrattenuta, saranno valutati bene.

Alla fine è l’interazione a decidere chi ottiene il lavoro e, soprattutto, quanto guadagna per il lavoro!

Getti di modelli

FIV – Per la vostra agenzia di social media, l’agenzia di modelle ma anche le sfilate di moda che organizzate spesso, come funziona un casting di modelle? E tutti possono partecipare a questo casting o solo su invito?

Stephan Czaja – Un casting classico, così come per la mia ultima sfilata di moda alla settimana della moda di Berlino, di solito si svolge in una finestra temporale di 3 o 4 ore. La data del casting viene poi inviata alle agenzie di modelle o ai booker selezionati con circa 2 settimane di anticipo, che a loro volta inviano le modelle adatte alla loro agenzia per il casting. Di conseguenza, date di casting così buone non sono disponibili al pubblico, come i cosiddetti casting aperti. I casting per le sfilate di moda, ma anche per i posti di lavoro, di solito non sono mai pubblici. I casting pubblici sono per lo più fatti per due motivi: o per risparmiare sui costi (modelli di persone) o come effetto PR (molti partecipanti, bei video). I casting per lavori sono quasi sempre esclusivi e solo su invito dell’agenzia pubblicitaria o delle agenzie di modelle. La rete e la reputazione (la reputazione dell’agenzia di modelle) è estremamente preziosa per le modelle, perché è così che ottengono i lavori migliori.

Il casting di solito si svolge una settimana prima della sfilata di moda, quindi c’è ancora tempo per regolare i vestiti, i problemi logistici devono essere risolti, la location deve essere preparata, poi c’è una prova generale e una prova in anticipo. Tutto questo fa parte dell’organizzazione di una sfilata di moda. Durante la prova, i vestiti vengono provati, in modo che tutto sia garantito per il giorno dello spettacolo. Alle prove la coreografia viene mostrata in musica, direttamente sul luogo, a seconda della complessità della passerella, da una semplice sala a un grande spettacolo a Parigi. Pertanto il casting avrà luogo 1 settimana prima dello spettacolo.

Al casting tutto avviene molto velocemente! Tra i 40 e i 200 modelli aspettano davanti all’ingresso, a seconda di quanti sono infine prenotati alla fiera. La maggior parte degli spettacoli prenota 12 – 24 modelli. Al casting, modello dopo modello viene ora chiamato modello dopo modello. Lei o lui si presenta brevemente, fa una breve passerella davanti al direttore artistico creativo e al designer. Dopo il casting tutte le agenzie di modelle vengono informate sulle modelle prenotate, quindi organizzano tutto nel programma delle modelle.

Un altro piccolo consiglio! Quindi il casting vero e proprio dura di solito un minuto, forse due. A volte il montaggio viene fatto direttamente al casting, quindi se vi viene chiesto di provare un capo d’abbigliamento, siete un po’ più vicini al lavoro.

Confezioni per i modelli di getti

FIV – Cosa potete consigliare ai modelli per il loro prossimo casting? Avete consigli per le giovani modelle e il loro primo casting in un’agenzia di marketing, social media o pubblicità?

Stephan Czaja – Sì, ne ho due molto semplici. Primo: Sorridi! Secondo: Siate naturali! Quando il direttore artistico creativo come me ha una lunga giornata, è bello avere un sorriso. Dopo tutto, volete vendere il vostro prodotto con piacere, soprattutto se avete passato settimane e mesi a lavorare su un progetto, il concetto, la strategia e l’implementazione! Di conseguenza, si è felici quando le modelle entrano nella stanza con un’atmosfera positiva. Un sorriso porta direttamente qualche punto in più nel casting.

Dovresti essere assolutamente naturale, niente trucco, niente acconciature, solo tu! Anche il vostro abbigliamento non deve distrarre, meglio se indossate jeans neri e un top nero. Si dovrebbero anche indossare scarpe bianche o nere. Le modelle dovrebbero anche avere un paio di tacchi alti e un bikini nero. In questo modo sei perfettamente preparata per un’audizione come modella!

Portafoglio di modelli al casting

FIV – E se sei assolutamente nuovo e non hai foto?

Stephan Czaja – Se non avete ancora un vostro portfolio di modelle, con molti servizi fotografici, dovreste dire onestamente: “Faccio la modella da circa 3 settimane e sono felice di essere qui”! Portate con voi le vostre prime foto su un tablet, proprio come i professionisti! I volti nuovi dovrebbero essere sempre onesti! Dopotutto, hai la possibilità di convincere personalmente al casting. Usalo! E non dimenticate un sorriso amichevole ogni tanto!

FIV – Come si presenta il portafoglio di modelli perfetto?

Stephan Czaja – In un perfetto portfolio di modelli si dovrebbero avere circa 30-40 foto diverse. 1 foto ciascuno da test con buoni fotografi e lavori dei clienti.

FIV – Dopo un casting di solito si va direttamente alle riprese. Per quanto tempo lavorate effettivamente su una campagna di social media, dal primo concept fino alle riprese e alla pubblicazione?

Stephan Czaja – Questo è estremamente diverso, ma di solito una campagna è pianificata in un periodo di 2-6 mesi, poi pubblicata. A seconda di quante agenzie e attori sono coinvolti, quanto il progetto diventa ampio, ad esempio nell’area di diversi paesi e lingue, diversi media, da 2 a 6 mesi sono poi realistici. Di conseguenza, tutto deve funzionare il giorno del servizio fotografico!

Esattamente questo un giorno, quando il modello è prenotato, è l’intersezione: la produzione mediatica. Prima di questo è arrivata l’intera concezione, la strategia, la pianificazione. Dopo la produzione mediatica arriva tutto il marketing, la promozione, l’analisi e la reportistica. Il giorno del servizio fotografico è quindi cruciale, per la data di uscita, per tutto il periodo di preparazione di una campagna pubblicitaria e per tutto ciò che viene dopo nell’ambito delle pubbliche relazioni. Ecco perché non si diventa top model da un giorno all’altro. Quando le agenzie inviano modelli su tali lavori, li suggeriscono o addirittura li inviano ai casting, allora solo se hanno una fiducia assoluta nel modello, attraverso molti anni di collaborazione.

Show di moda: Come si pianifica uno spettacolo?

FIV – Alla fine volevo proporre un argomento speciale, si organizzano sfilate di moda! Parlando di GNTM, il vincitore della scorsa stagione Simone è stato al vostro ultimo show a Berlino, così come altre celebrità e personaggi influenti, ma anche media come Sat1 Prominent, Hapers Bazaar, il programma completo. Per tutti quelli che non c’erano, la sfilata di moda di Stephan è stata un vero e proprio momento clou di questa estate, con la Swimming Pool Runway, proprio nel centro di Berlino, a Crested Grebe. Dopo Karl Lagerfeld non c’era nessuno in Germania che facesse grandi spettacoli di alta moda, tranne Philipp Plein che vive negli Stati Uniti. La vostra ultima sfilata di moda ha stabilito nuovi standard alla settimana della moda di Berlino. Può parlarci un po’ del suo ultimo spettacolo come Direttore Creativo?

Stephan Czaja – Per me, come direttore creativo o organizzatore di una sfilata di moda, come per tutti coloro che fanno questo tipo di lavoro, significa lavoro, ovviamente! Insomma, mentre tutti si godono la festa dopo lo spettacolo, di solito accompagno le modelle e il personale all’hotel, per esempio se un autista si ritira, organizzo lo smontaggio per il giorno dopo e butto KO a letto! Tanti saluti alla vita reale! Faccio attenzione a tutti i dettagli, di conseguenza sono con i miei collaboratori e le mie modelle, non sul palco.

Ma l’ultimo spettacolo è stato assolutamente pazzesco per Berlino! Magari potete aggiungere il video di YouTube più tardi. Abbiamo fatto lo spettacolo in modo estremamente spontaneo, credo che in due o tre settimane tutto sia stato organizzato, dagli elementi della passerella al musicista, alla gestione degli ospiti, al casting dei modelli, al coreografo, agli snack e alle bevande, tutto. Era importante per il lavoro! Ed è stato estremamente spontaneo, ma alla fine ce l’abbiamo fatta davvero e abbiamo creato un vero e proprio highlight il sabato sera, per il gran finale della settimana della moda di Berlino.

[ la nostra versione video è in fase di montaggio e sarà presto online ]

Nuovo highlight a Berlino – luglio

FIV – Infine, può dirci qualcosa sulla sua prossima sfilata di moda? Quale punto culminante possiamo aspettarci come visitatori e otterremo un posto in prima fila?

Stephan Czaja – Possiamo rovinare un po’, abbiamo sicuramente preso la stessa posizione che aveva l’anno scorso Guido Maria Kretschmer. Uno dei miei hotel preferiti in assoluto a Berlino, direttamente sulla Sprea! Cosa rende questo hotel così speciale? Qui potete ordinare la vostra chitarra elettrica in camera, per esempio, un vero Rockstar Hotel! In cima al Rooftop c’è uno studio separato da 7 milioni di euro per la registrazione delle canzoni. Tutto al top della modernità e dello chic. Si trova direttamente sulla Sprea, nel cuore di Berlino, e stiamo pianificando. Nulla è ancora scolpito nella pietra, ma se tutto va bene, sarà di nuovo un punto culminante nel mese di luglio. Non posso promettervi Front Row, chissà chi verrà, ma riceverete sicuramente gli inviti, volentieri.

FIV – Grazie mille per il colloquio dettagliato e per averci dedicato del tempo per tutte le nostre domande. Questa è stata la nostra XXL intervista con Stephan Czaja, proprietario di Cocaine Models. Se volete saperne di più sull’agenzia di modelle, potete trovare il sito web di Cocaine Models e dell’agenzia Social Media One qui.

Agenzie e consigli

Diventa una modella, consigli gratuiti sul blog e sul libro “The Model Book” di Stephan.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *