Lo stilista Dimitrios Panagiotopoulos di DIMITRI

DIMITRI – l’etichetta dietro cui si nasconde lo stilista Dimitrios Panagiotopoulos. Nato in mezza Grecia e mezzo italiano, Dimitrios ha riconosciuto la sua passione per la moda fin da bambino. Dopo aver completato il suo master in fashion design, Dimitrios ha lavorato per vari designer rinomati e alla fine ha fondato la sua etichetta. La sua moda è sinonimo di precisione, qualità e personalità. Nell’intervista, il simpatico creativo rivela di più sulla sua sfilata all’ultima Fashion Week di Berlino, la sua moda preferita e i suoi piani per il futuro.

Dimitri alla settimana della moda di Berlino

FIV: Dimitrios, ci hai stupito con la tua sfilata all’ultima Fashion Week di Berlino! Cosa è stato particolarmente importante per te nello spettacolo?

Era importante per me mostrare una moda indossabile, incoraggiare un pubblico più giovane o clienti più giovani e completare la collezione estiva con una collezione beachwear.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

FIV: Come si presenta la tua collezione attuale? Qual è la visione che c’è dietro?

La collezione DIMITRI primavera/estate 2016 è colorata e insolitamente rock – soprattutto per quanto riguarda le silhouette di gonne, abiti e pantaloni. Pieghe, frange e tessuti fatti a mano di alta qualità provenienti dall’India e dal Marocco danno agli stili estivi un sex appeal casual – i tagli anni ’70 trasudano feeling da festival. Materiali come la pelle, la seta e il ricamo creano ulteriori texture emozionanti. Accessori come borse, cinture e gioielli sono realizzati con grande attenzione ai dettagli, mettono accenti e completano i look individuali.

La capsule collection di costumi da bagno chiamata “Oriental Beach Dreams” DIMITRI X UHLALÁ incanta con tagli innovativi, influenze orientali e indiane e colori brillanti. Stampe ispirate alle piastrelle marocchine e dettagli giocosi come monete e frange fanno diventare realtà i sogni di 1001 notti sulla spiaggia.

FIV: Secondo lei, la settimana della moda di Berlino è una buona piattaforma per i giovani designer? Perché?

Penso che la Berlin Fashion Week non sia solo una buona piattaforma per i giovani designer, ma anche per i marchi già affermati. Io sono italiana, quindi tutti si chiedono perché sfilo alla settimana della moda a Berlino. La decisione di presentare lì le mie collezioni è molto semplice: purtroppo non c’è una simile opportunità a Milano e fare una mostra in questo ambiente significherebbe un investimento molto grande. Ma questo è ancora il mio obiettivo! Vorrei che le etichette, che siano tedesche o meno, avessero gli stessi vantaggi: Alcune grandi riviste di moda fanno una chiara differenza nella loro copertura. Si dovrebbe trattare allo stesso modo le etichette tedesche e quelle straniere e considerare anche la continuità della partecipazione alla Settimana della Moda, in tempi in cui le sfilate vengono sempre cancellate.

Credito: DIMITRI – Dimitrios Panagiotopoulos

Dimitri sullo stile e sui must della moda

FIV: Qual è il must-have assoluto della moda per te?

Per una donna, sicuramente il sexy little black dress, i tacchi alti e la borsa firmata – per me, gli elementi essenziali della moda perfetta.

FIV: Come descriveresti il tuo stile di moda?

Il mio stile personale è più casual: jeans, stivali Chelsea e una maglietta. Mi piace potermi muovere quando lavoro, quindi deve essere poco complicato. Quando sono invitato, mi piace anche indossare abiti firmati, preferibilmente slim-fit.

FIV: Come sei entrato personalmente nel mondo della moda? Ha fatto un’educazione classica?

Mi occupo di moda da quando ero bambino. Mia madre è una donna molto alla moda e le mie origini in Italia lo portano automaticamente con sé. La pittura, l’artigianato e il ricamo erano i suoi passatempi preferiti da bambino. Quando avevo 14 anni, ero affascinato dalle top model dell’epoca, soprattutto Linda Evangelista e Naomi Campbell. Nonostante diversi apprendistati in altri campi, il fascino della moda non mi ha mai lasciato fino a quando ho deciso di studiare alla scuola di moda Esmod. Mi sono laureata lì e subito dopo ho fatto un master in Fashion Design a Milano. Questo è stato seguito da 2-3 anni di esperienza lavorativa con varie etichette internazionali come Jil Sander, Vivienne Westwood e Hugo Boss, fino a quando ho iniziato la mia etichetta DIMITRI.

Credito: Dimitrios Panagiotopoulos di Andreas Panzenberger

Dimitrios: Gli piace il minimalismo a casa

FIV: Cosa le piace particolarmente del suo lavoro di designer?

In realtà, tutto ciò che comporta essere un designer: il lavoro creativo, i viaggi, i tessuti, i materiali, le fiere, l’incontro con nuove persone e, per essere onesti, il riconoscimento che ne deriva.

FIV: Qual è stata la sua migliore esperienza di lavoro finora?

Ce ne sono così tanti che difficilmente posso impegnarmi per uno solo. Prima di iniziare la mia attività, ho avuto l’opportunità di lavorare per Vivienne Westwood. Poi la mia prima presentazione davanti a un grande pubblico alla settimana della moda a Berlino.

FIV: Come designer alla moda, sei spesso in viaggio. Di tanto in tanto devi desiderare la tua casa e il tuo letto. Che aspetto ha per te una “casa perfetta”?

È difficile da dire. Mi sento a casa nel mio appartamento, che è molto pulito e minimalista: predominano i colori grigio, tortora, beige e nero, e molte cose sono state disegnate da me personalmente. In realtà è strano, perché le mie collezioni di moda sono sempre molto colorate e giocose. Ma a casa lo preferisco piuttosto pulito, tutti gli oggetti o elementi decorativi hanno il loro posto fisso.

Credito: Dimitrios Panagiotopoulos/ Andreas Panzenberger

Il grande amore di Dimitrios: Milano!

FIV: Qual è per te LA metropoli europea della moda? Perché?

Sicuramente Milano! È la capitale della moda numero 1 in Italia. Sono molto patriottico su questo, purtroppo, anche se vedo anche Parigi come un’importante metropoli della moda.

FIV: Cosa ti ispira personalmente?

Sono sempre ispirato dai paesi orientali come il Marocco, l’Oman, l’India e alcune parti dell’Africa. Le diverse culture, il loro abbigliamento, i gioielli e la varietà di colori.

FIV: Nel business della moda di oggi la concorrenza è piuttosto alta e in costante crescita, come la affrontano gli stilisti? Si sviluppano anche amicizie o la competizione è molto forte?

Essendo italiana e solo a Berlino durante la settimana della moda, non ho molto tempo per fare amicizia con altre persone creative nell’industria della moda. Lavoro molto in Italia e mi concentro sulle mie collezioni lì. Ma posso ben immaginare che ci sia concorrenza tra alcuni designer.

FIV: Quale stile di star trovi personalmente grandioso e perché?

Ammiro Olivia Palermo per il suo stile elegante, mentre Kate Moss è un’icona del rock chic.

FIV: Come si presenta il suo futuro professionale? Quali sono i suoi piani per il prossimo futuro?

Al momento siamo già nel mezzo dei preparativi per la prossima collezione, cioè l’autunno-inverno 2016. Il mio obiettivo a lungo termine sarebbe quello di essere una presenza fissa alla settimana della moda di Milano e di affermare il marchio DIMITRI a livello internazionale.

FIV: Caro Dimitrios, grazie mille per l’intervista!

Ulteriori informazioni su Designer Dimitri:

www.bydimitri.com

Credito: DIMITRI – Dimitrios Panagiotopoulos