Calcolatrice gratuita del prezzo degli influencer: quanto vale il tuo canale Instagram?

Oggi, le star di Instagram di maggior successo guadagnano molte migliaia di euro con i loro post. Che si tratti di una storia o di una singola foto, le star di Instagram guadagnano più con ogni singolo post che in un mese. Ma non sono solo le stelle assolute, ma anche i canali minori. Con poche migliaia di fan, puoi fare un sacco di soldi sul tuo canale Instagram con un po’ di abilità.

Influencer Price Calculator: calcola i prezzi dei post su Instagram

Oggi abbiamo scoperto un nuovo strumento online gratuito che chiunque può utilizzare per calcolare il valore del proprio canale Instagram! Gratuitamente e in pochi secondi. L’influencer price calculator non guarda più i fan, ma anche i like, i commenti sotto i singoli post e il tasso di coinvolgimento complessivo. Soprattutto il tasso di coinvolgimento è molto importante per molti dei vostri clienti, mostra quanto sono attive le interazioni dei vostri fan.

Perché il tasso di coinvolgimento è importante?

Nella sua forma più semplice, il tasso di coinvolgimento è calcolato così (per un post): seguaci / (mi piace + commenti).

  • Se un Instagrammer con 100.000 fan ha un tasso di coinvolgimento del 5%, allora 5.000 persone hanno un like o un commento attivo.
  • Se un Instagrammer con 10.000 fan ha un tasso di coinvolgimento del 12%, raggiunge 1.200 persone.

Anche se il primo influencer ha considerevolmente più fan in generale, l’influencer più piccolo ottiene più persone che si impegnano con l’immagine (e il marchio) in termini reali. Alla fine, si può dire che lui o lei “ispirano” più persone in termini puramente percentuali. Se un’azienda prenota un influencer per una prossima campagna pubblicitaria, costruirà il suo portfolio di conseguenza per raggiungere efficacemente il maggior numero di persone possibile. In questo modo, la portata si diffonde agli influencer “più piccoli”. Invece di una grande lista di distribuzione, ci si affiderà a molte piccole liste per una maggiore interazione dei fan e dei seguaci. In questo modo, un’azienda ha guadagnato efficacia per il suo marchio o prodotto.

La pubblicità ha scoperto da tempo l’influencer marketing per se stessa

Molte aziende grandi e internazionali hanno scoperto l’influencer marketing per se stesse. Naturalmente, l’influencer marketing non è solo su Instagram, ci sono anche molti influencer su YouTube e Facebook. Gli youtuber prendono i premi più grandi o guadagnano di più. Per un singolo video di YouTube, i prezzi sono rapidamente da cinque a dieci volte più alti che su Instagram.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Influencer Marketing su YouTube

Con l’influencer marketing su YouTube, le aziende non solo hanno il vantaggio di raggiungere molte persone che a loro volta interagiscono con il video e quindi anche con il prodotto. YouTube “dura” molto più a lungo dei post di Instagram o delle Insta Stories. Ecco perché gli youtuber valgono molto di più e molti prenotano un solo video di YouTube invece di raggiungerlo su Instagram, perché è accessibile per un tempo molto lungo. Se il blogger non lo cancella lui stesso, anche per sempre. Molti lo sanno quando cercano un video su YouTube. I video che sono su YouTube da cinque o sei anni vengono ancora visualizzati nei risultati di ricerca. Anche prima dei nuovi video. Perché questi sono video su cui la gente clicca volentieri e il loro contenuto piace alla gente, ecco perché YouTube li considera ancora oggi rilevanti. Se un marchio ha posizionamenti intelligenti in un tale video, ottiene un effetto a lungo termine estremamente elevato. Anche da un punto di vista SEO (ottimizzazione dei motori di ricerca). Questo è esattamente il modo in cui gli youtuber ottengono punti nelle trattative con i clienti. Con Instagram, il tempo di attesa è di sole 48 ore e con le Storie solo 24 ore. È lo stesso con Snapchat, le informazioni sono disponibili solo per un breve periodo e ciò rende questi canali di social media relativamente meno interessanti per i potenziali clienti per le campagne a lungo termine. Per le campagne d’impatto o altri concetti, invece, i criteri di Instagram e Snapchat sono più appropriati.

Pacchetti di libri: Vantaggiosi per i clienti e gli influencer

Per i clienti, ma anche per i blogger stessi, vale la pena concordare dei pacchetti. Nei pacchetti, si ha una situazione assolutamente win-win, l’influencer ottiene più soldi per un lavoro e il cliente ottiene di più dal suo posizionamento, perché il nome o il posizionamento del prodotto è più frequente. Proprio come nella pubblicità classica, allora in TV o anche oggi su YouTube, si tratta di menzionare o sentire il nome il più spesso possibile. Conoscete tutti un esempio classico! Cosa chiedi quando ti cola il naso quando arriva di nuovo l’autunno? La risposta è molto probabilmente un “tempo”. Più spesso un nome viene menzionato, più è probabile che si ancori nella mente della gente. Questo è esattamente il motivo per cui siete preziosi per le aziende come influencer. Devi anche calcolare di conseguenza i tuoi prezzi per Instagram.

Instagram ha ancora molto da offrire!

Anche su Instagram puoi guadagnare bene come influencer e blogger con il tuo canale se sei intelligente e mostri anche qualche capacità di negoziazione. Da un lato, se vuoi diventare un blogger, dovresti ovviamente goderti l’argomento e postare prima per te stesso – non necessariamente “per gli altri”. Chiunque voglia diventare un influencer solo per essere un influencer avrà un tempo molto difficile e potrebbe non farcela affatto. I blogger amano quello che fanno, amano condividere, amano produrre video e preferiscono essere attivi nel mondo dei media. Forse in passato sarebbero diventati produttori cinematografici o scrittori, redattori o avrebbero lavorato in un’agenzia pubblicitaria. Oggi sono blogger e con una portata sufficiente salgono fino a diventare influencer.

Classificazione e categorizzazione degli influencer: fattore PAM

Gli influenzatori possono essere categorizzati usando il fattore PAM, per esempio. Classifica gli influencer in base alla loro portata totale e dà anche agli studenti e alle università la possibilità di fare una categorizzazione esatta, per esempio per i corsi di laurea. In questa infografica puoi vedere la suddivisione degli influencer in gruppi:

Infografica da socialmediaone.de

Il mercato degli influencer è molto conteso!

Più un social network diventa vecchio, più è difficile salire di livello. Le reti sociali diventano naturalmente più “affollate” con il passare delle settimane, dei mesi e degli anni. Sempre più persone si iscrivono. Gli amici seguono gli amici e a loro volta gli amici seguono gli amici e i loro amici. Ad un certo punto, una rete sociale è invasa da persone e, naturalmente, da blogger. Diventa sempre più difficile costruire una grande portata. Mentre all’inizio hai ancora una possibilità relativamente buona, diventa sempre più difficile. Se guardate una delle reti più antiche come Facebook, non ci sono solo persone normali, ma anche centinaia di migliaia di aziende, più vari gruppi, pagine di progetti, pagine fan e molto altro.

Su reti più giovani come Snapchat, d’altra parte, le persone tendono ad essere privati, mentre su Instagram ci sono già molte aziende. Questi a loro volta creano nuove pagine e i blogger creano anche altre pagine per i loro cani, come coppie, per i loro marchi e così via. Vengono create sempre più pagine e ognuna diventa meno rilevante.

Se guardate i nuovi progetti come musical.ly, potete ancora raggiungere cifre milionarie assolute, anche se siete ancora un nuovo blogger e magari avete solo 13 o 14 anni. Questo rende musical.ly, per esempio, molto interessante per i prossimi anni e per le tendenze e il social media marketing. Non solo per gli influencer, ma anche per le agenzie che fanno pubblicità per i clienti. I nuovi mercati promettono sempre rischi ma anche buoni profitti.

Le abilità di negoziazione ti fanno ottenere prezzi più alti per i tuoi annunci

Meglio si può stimare il proprio valore di mercato, meglio ci si può vendere. Ecco perché l’Influencer Calculator ti aiuta, perché riassume le varie statistiche e ti dà una stima realistica del prezzo del tuo canale Instagram – gratuitamente, ogni volta. Naturalmente, puoi anche stampare le varie statistiche e valutazioni, ad esempio direttamente in un PDF. Questo ti dà una base diretta per un’offerta al tuo cliente e i tuoi prezzi proposti non sembrano così “fuori dal mondo”. I clienti vogliono sempre vedere perché devono pagare qualcosa, quindi puoi dimostrarlo direttamente e dire: guarda, uno solo dei miei post sta ottenendo una media di x like! Il mio tasso di coinvolgimento è del 10%, quindi con ogni probabilità otterrò X like e X commenti sul pacchetto. Così si può convincere un cliente e anche aumentare le proprie tariffe un po’ alla volta. In modo che tu possa vivere sempre meglio dal tuo canale Instagram!

Con questi consigli e il pratico calcolatore di prezzi, hai tutto il necessario per lavorare in modo ancora più professionale!

Un articolo di Stephan M. Czaja, Social Media Agency.