Cathy Hummels vince il processo a Monaco di Baviera: Pubblicità su Instagram – Giudizio

La pubblicità su Instagram deve essere contrassegnata. Questo è quanto previsto dalla legislazione vigente. Ma molti si pongono la domanda: quando deve essere segnato un messaggio? Oggi, presso il tribunale distrettuale di Monaco di Baviera è stata pronunciata una sentenza fondamentale per molti “influencer”. Il caso riguarda Cathy Hummels, moglie del famoso calciatore Mats Hummels, imprenditrice e celebrità. Nel corso della sua vita pubblica ha raccolto molti seguaci su Instagram. Se raccomanda e pubblica marchi su Instagram, dovrebbe contrassegnarli come “pubblicità” secondo le norme di legge vigenti. In 15 casi (foto), tuttavia, non si dice che non l’abbia fatto, che è esattamente ciò di cui si lamenta una “associazione di avvertimento” (secondo il taz). Ora c’era la decisione della corte e fa tendenza!

Associazione Allarme lamenta e perde

Il caso di Cathy Hummel è così interessante perché per la prima volta una nuova definizione è stata approvata dal tribunale.

Di cosa si tratta? Tutti sanno cosa fanno gli influencer

Chiunque abbia molti seguaci su Instagram è oggi “niente di speciale”, ma è considerato dalla legge, così come le celebrità in altri media: argomento pubblicità surrettizia. Questo include piccoli influenzatori con 10.000 ventilatori e Cathy Hummels con quasi 500.000 ventilatori. E’ proprio qui che la differenza sta nel ragionamento del giudice.

View this post on Instagram

Für euch ❤️🌸💕🐷

A post shared by Cathy Hummels (@catherinyyy) on

Le persone con un numero minore di tifosi non sono automaticamente considerate pagate per qualcosa. E ‘abbastanza diverso con persone di spicco, cioè, persone su Instagram con una gamma molto alta. Il termine “influencer” è diventato oggi una descrizione del lavoro. Quindi, se si presume che ci sia un consenso generale che le persone con un alto raggio d’azione su Instagram guadagnano i loro soldi con esso, allora tutti sanno anche che gli inserimenti di prodotti possono essere pagati pubblicità.

Corto: Tutti sanno cosa fa un influencer!
La soglia deve essere tracciata tra la definizione se un conto è ancora “privato” o se è percepito come privato dai seguaci o se un conto è chiaramente “prominente”. Importante qui non ha nulla a che fare con il posizionamento in altri media (es. TV, riviste, ecc.) ma con il semplice numero di fan, cioè persone che li conoscono.

Ergo, prima che ci fosse Instagram e YouTube, il termine influencer era poco conosciuto (circa prima del 2012). Oggi tutti sanno che le persone su YouTube e Instagram guadagnano i loro soldi. Quindi è chiaro e ovvio che Cathy Hummels è anche una di quelle “influencer”. I seguaci e i tifosi sono quindi consapevoli in anticipo che collocheranno anche partnership a pagamento.

Tutti sanno cosa fa un influenzatore

La cosa notevole di questo giudizio è che prende Instagram e le persone qui, per la prima volta, seriamente e non considera come una rapida idea della società più giovane.

La corte si fida della responsabilità personale delle persone, cioè dei tifosi e dei seguaci. In precedenza, i giudizi venivano sempre interpretati in modo tale che i fan e i seguaci non sarebbero stati maturi, cioè non avrebbero capito quando era pubblicità e quando non lo era. Con questa sentenza, il tribunale ammette per la prima volta che la persona su Instagram ha un acuto senso di chi sta seguendo, cosa sta facendo quella persona, qual è il suo lavoro, e, naturalmente, che occasionalmente fanno pubblicità.

L’influenzatore è un lavoro come tutti gli altri.

Tutte le sentenze precedenti erano chiaramente contro l’influencer. Ciò si è tradotto in punizioni, ad esempio nel verdetto contro Pamela Reif. Poi Cathy Hummels e il suo aspetto sovrano di fronte alla corte ha cambiato qualcosa per tutti gli influenti in Germania.

Ben fatto, signora Hummels!

Domande e risposte su: Pubblicità ed etichettatura

>.
Oggi il nostro Social Media Expert Stephan M. Czaja dei Social Media One, noto da evento a 250 ospiti e interviste TV con formati come RTL Explosiv e Sat1 Frühstücksfernsehn, risponde alle domande e risposte più importanti sulla pubblicità e l’etichettatura. La nostra prima domanda:

Perché la pubblicità deve essere etichettata?

>
La regola di base è che ogni post su Instagram, anche su altri social network come Facebook, Youtube e Tik Tok, siano essi foto o video, deve essere chiaramente e inequivocabilmente etichettato come “pubblicità” o “annuncio” nella descrizione. L’utente deve quindi riconoscere immediatamente che si tratta di pubblicità. L’etichettatura deve essere sempre all’inizio della descrizione, in modo che possiate vedere immediatamente che il prodotto qui raffigurato è stato inserito tramite pubblicità a pagamento.

  • Posizione per contenuti a pagamento
  • All’inizio della descrizione con una chiara etichettatura “Pubblicità”

Che differenza c’è tra la pubblicazione a pagamento e la pubblicazione sponsorizzata?

I messaggi sponsorizzati e pagati sono ora standard in Instagram Marketing. Se me lo chiedete ora, quando iniziate a fare soldi su Instagram? Chiunque su Instagram con una portata di oltre 50.000 persone prima o poi entrerà in contatto con domande sulla pubblicità a pagamento. Le persone su Instagram tra i 50.000 fan di solito ricevono prodotti campione, il che significa che possono conservare i prodotti in seguito. Chi raccoglie sempre più fan prima o poi riceverà anche offerte in cui non solo i prodotti sono possibili, ma anche flussi di denaro, cioè il pagamento per la pubblicazione. Queste sono le due differenze fondamentali tra la pubblicazione a pagamento e quella sponsorizzata.

In entrambi i casi si tratta di pubblicità.

Dopo il giudizio, si dovrebbe contrassegnare ulteriormente i messaggi con la pubblicità?

La cautela è meglio dell’indulgenza, quindi i messaggi a pagamento, soprattutto da parte di giovani influencer senza agenzia, direzione o consulenza legale, dovrebbero sempre contrassegnare i messaggi con l’abbreviazione “pubblicità” o “annuncio” all’inizio, come descritto. Finché non esiste una chiara regolamentazione giuridica in materia, vi è sempre il rischio residuo di ricevere un reclamo.

Di norma, tuttavia, tali casi si concentrano su influenti di primo piano. Di norma, la querelante si preoccupa di garantire che i casi siano il più spettacolari possibile, vale a dire che ricevano la massima attenzione possibile da parte dei media attraverso riviste cartacee, TV ma anche portali online – Fame! Ciò è dimostrato dall’udienza con Pamela Reif, ma anche dal caso in corso con Cathy Hummels.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento