Helena Christensen: top model anni ’90, Versace & carriera

Claudia Schiffer, Naomi Campbell o Heidi Klum: sono note per i modelli degli anni ’90. Tra questi c’è anche Helena Christensen, alta 1,77 metri. Nella sua vita ha già potuto raccogliere molte esperienze nell’universo modellistico. La lista dei successi di Christensen è lunga e impressionante. Ma non ha solo dimostrato di essere una modella. La top model ha altri interessi. E ha dimostrato che un trasferimento a Parigi può essere abbastanza utile.

Supermodella Helena Christensen – dal passato fino al 2020

Helena Christensen è una bambina degli anni ’60. È nata nel dicembre 1968 e viene da Copenhagen. Ha radici in Perù e Danimarca.

Carriera “solo” come top model?

Il primo passo nel mondo di un modello che ha già fatto nella sua infanzia. Ma dopo c’è stata una lunga pausa. Solo nel 1968 si immerse veramente nel mondo della modellazione. A quel tempo non doveva più preoccuparsi di nulla, perché i suoi giorni di scuola erano finiti. Quest’anno un sogno, che molte ragazze hanno fatto, si è avverato. È stata incoronata Miss Danimarca.

Ora Helena Christensen ha deciso di costruire una vita sul polso della moda, cioè a Parigi. Era ormai chiaro: vuole iniziare come modella. Non appena detto e Christensen si è messo davanti alla telecamera per Vogue o anche per Elle. Un desiderio di molti modelli (prospettici): essere scoperti da qualcuno del settore. È allora che Friedemann Hauss, un fotografo, appare nella storia di Helen Christensen.

Nel 1990 le è stato permesso di posare come modella per il catalogo di Victoria’s Secret. E non solo una volta. A Christensen è stato permesso di apparire in un video musicale, dove si è mostrata molto liberale. Come se queste pietre miliari della vita non bastassero. Non ci vuole molto tempo prima che Karl Lagerfeld bussi e voglia assumerla per un lavoro. Jackpot!

FIV News >
Investimento di capitale immobiliare - denaro a lungo termine in immobili investire in proprietà immobiliari

Per il calendario Pirelli ha già fatto da modella nel 1994. Copertine, passerelle internazionali e volto pubblicitario – tutti tagliati fuori dalla lista. Fendi, Chanel o Versace: Il modello ha già lavorato con molte etichette. Inoltre: la modella ha fondato la propria etichetta “Butik Christensen & Sigersen” insieme a Leif Sigersen con sede nella bella New York.

Perché fare il modello per le riviste se non si riesce ad avviarne una? Nel 1999 ha lanciato, insieme ad altri, la rivista “Nylon”.

Ma anche nei suoi primi 50 anni, Helena Christensen dimostra ancora di essere una buona modella. L’hai vista sulla passerella di Balmain l’altro giorno. Questo è stato lo spettacolo autunno/inverno per il 2020/21 a Parigi.

  • Helena Christensen fu incoronata Miss Danimarca
  • Ha lavorato per etichette come Victoria´s Secret, Fendi o Chanel
  • Christensen, insieme ad altri, ha lanciato la rivista “Nylon” nel mondo.

Christensen x Versace Sfilata di moda Primavera/Estate 2018

Helena Christensen cammina sulla passerella con le top model degli anni ’90 e Donatella Versace. Chi ora pensa che questo non sia più niente di speciale, dopo tutti i grandi successi che Christensen ha già avuto nella sua carriera, si sbaglia. Donatella Versace non ha permesso a Cindy Crawford, Carla Bruni, Naomi Campbell, Claudia Schiffer e Helena Christensen di sfilare sulla sua pista nel 2017 senza motivo. Questo perché il fratello di Donatella, Gianni, non era più in vita. Lo spettacolo è stato una sorpresa, il pubblico non ha sospettato nulla. Così Donatella è riuscita a creare uno spettacolo con un significato importante.

Christensen & Famiglia

Insieme a Norman Reedus, l’attore, la modella ha un figlio. È nato nel 1999. Proprio come sua madre: anche suo figlio Mingus Lucien si immerge nel mondo delle modelle e ha già partecipato alla Fashion Week di New York. Norman Reedus, tuttavia, non è più al fianco della top model degli anni ’90.

FIV News >
Blawko22: Sex symbol digitale

Helena Christensen nel tempo libero

Christensen è probabilmente appassionato di musica rock. Tra i suoi amici ci sono modelle come Claudia Schiffer e Eva Herzigova. Molti vorrebbero avere una vita da jet set. Ha proprietà in città come Monaco, Copenhagen e New York.

Che Helena Christensen non solo sia in grado di posare sulle foto degli anni ’90 è dimostrato anche su Instagram. Con più di 700.000 follower su Instagram, è sempre presente e intrattiene i suoi fan con le foto o le storie che carica lì. Qui potete vedere il modello in natura, con stelle come The Weeknd o in acqua.

Come diventare una top model

I tempi stanno cambiando, soprattutto a causa della digitalità. In passato sono state scoperte modelle come Claudia Schiffer O Heidi Klum, che è diventata famosa vincendo un concorso. Oggi ci sono altri modi per farsi conoscere nel settore oltre a queste cose. Come attraverso i social media come Instagram. Ai marchi piace collaborare con gli influencer e girare video o servizi fotografici con loro.

C’è sicuramente un grande potenziale dietro a tutto questo, perché con i codici sconto per i prodotti, ad esempio, le aziende sperano che i seguaci degli influencer diventino clienti.

Influencer Marketing

Affinché tali collaborazioni tra un’etichetta e un influencer si realizzino, ci sono agenzie extra specializzate in questo. Uno di questi è ad esempio SocialMedia One. Le agenzie valutano poi quale sia l’incontro più sensato. Chi può fare pubblicità per quale prodotto. Anche in questo caso, non tutti sono adatti ad ogni azienda.

Nuovi modelli digitali

Anche il mondo dei modelli può cambiare. Non molto tempo fa erano disponibili modelli digitali o influenze digitali. Hanno anche una loro storia di fondo e possono fare pubblicità per i marchi. Non sono persone reali, ma vanno comunque alle sfilate di moda, postano le foto sul proprio account Instagram o addirittura pubblicano le proprie canzoni. Tra gli altri, sono noti gli influenti virtuali:

  • Lil Miquela
  • Zoe
  • Bella
  • Linda
  • Daisy Paige
FIV News >
Los Angeles: I 34 migliori hotel a Beverly Hills, Hollywood & Co.

Naturalmente, questi modelli virtuali portano ancora qualche vantaggio. Se un servizio fotografico si svolgesse all’estero, le modelle digitali non avrebbero bisogno di prenotare un alloggio o addirittura un volo. Anche durante l’epoca di Corona potrebbero essere in qualsiasi parte del mondo. Se questi modelli invecchiano ogni anno, proprio come noi umani, non è assolutamente necessario. Questi modelli conquisteranno presto il mondo della moda o si tratta solo di una breve pubblicità? In ogni caso, rimane emozionante. Si può rimanere curiosi e chiedersi se, in pochi anni, guardando indietro, queste erano le top model degli anni Venti.