Eredità: testamento, quota obbligatoria, tasse e coniuge – tutti i fatti e suggerimenti

Corretto e vantaggioso per gli eredi, ma soprattutto per lasciare in eredità può essere difficile in certe circostanze. Ci sono molte cose che devono essere rispettate, molte formalità che devono essere rispettate per assicurarsi l’eredità. Il testamento è sempre la soluzione più semplice per garantire che i propri interessi siano salvaguardati anche dopo il decesso e che non ci siano controversie sull’eredità in famiglia.

Eredità ereditaria nel corso della vita

Senza testamento, l’eredità sarà distribuita secondo le regole della successione legale. Tuttavia, ciò non è sempre nell’interesse del testatore. Se esiste un testamento, l’eredità può essere distribuita in modo diverso da quanto previsto dalla legge e anche le persone che non sono parenti di sangue possono ereditare. La stesura di un testamento è quindi importante non solo per regolare esattamente l’ultimo testamento e l’ultimo testamento, ma anche per evitare controversie in famiglia.

Le domande più frequenti sono soprattutto:

  • Quale è la parte obbligatoria dell’erede?
  • Quale è la parte obbligatoria dell’erede?
  • Che cosa eredita il coniuge?
  • Che cos’è la successione legale?

Il testamento regola tutto

Un testamento prevale sulla successione legale e può quindi determinare una nuova successione. Il testatore determina chi deve ereditare. Se si nominano più persone, i beni sono di solito divisi in base a quote. La scrittura di un testamento consente inoltre al testatore di lasciare le cose individuali a determinate persone, come un’automobile, gioielli o beni immobili. Tuttavia, questi non sono giuridicamente considerati come eredi, ma come lasciti. Al fine di evitare controversie sul patrimonio, l’eredità può essere distribuita in testamento in modo tale che non possano sorgere punti di contestazione.

I testamenti possono essere redatti con o senza notaio. Se si redige un testamento senza notaio, occorre tenere conto di alcuni elementi. L’autore deve avere almeno 16 anni e deve essere “testabile”, cioè in pieno possesso dei suoi poteri intellettuali. Il testamento deve essere scritto a mano, perché le stampe al computer non sono sufficienti come testamento valido. Se il testamento è lungo più pagine, ogni pagina deve essere numerata, pinzata insieme e ogni pagina uniformemente datata e firmata. Un titolo chiaro, come “Testamento” o “La mia ultima volontà” è consigliato per rendere chiaro lo scopo della scrittura..

Tuttavia, se un testamento viene redatto con l’aiuto di un notaio, ciò significa che il testatore ha dato verbalmente l’ultimo testamento ad un notaio per la registrazione. Ciò è particolarmente importante se l’immobile fa parte del patrimonio, poiché per il trasferimento al catasto è necessario un certificato ereditario o un testamento notarile. Se esiste un testamento notarile, agli eredi viene risparmiata la costosa e lunga procedura del certificato ereditario.

Salvataggio senza testamento – la successione legale ha effetto

La successione legale regola sia l’ordine degli eredi che i singoli quantitativi ereditati. Prima i parenti successivi ereditano, come figli e nipoti e poi i parenti più lontani, come nipoti e nipoti. I parenti più stretti generalmente escludono i parenti più lontani dalla successione. Il tasso al quale i singoli eredi ereditano è documentato nel certificato di eredità.La successione legale dipende dal sistema di ordine o Parantel. Divide i parenti in ordini diversi. Secondo questo, i figli e nipoti del testatore appartengono al primo ordine. Genitori, fratelli, sorelle, nipoti e nipoti del testatore sono assegnati al secondo ordine. Il terzo ordine comprende nonni, zii e zie e cugini del testatore. I coniugi e i partner civili registrati non sono considerati parenti, ma hanno diritto all’eredità del coniuge. Ciò conferisce loro una posizione speciale e limita il diritto di successione dei parenti. I parenti dell’ordine precedente escludono sempre dalla successione i parenti di un ordine successivo.

Il coniuge

Il coniuge o il partner registrato non è considerato un parente nella successione legale, ma ha una posizione speciale. Se il defunto lascia sia il coniuge che i figli, il coniuge eredita la metà dell’eredità e i figli l’altra metà. Tuttavia, se ci sono più di tre figli, il coniuge ne riceve solo un quarto e i figli si dividono il resto tra di loro. Se ci sono solo parenti di secondo ordine o nonni, il coniuge riceve la metà dell’eredità e i parenti di secondo e terzo ordine condividono l’altra metà. Se non ci sono parenti di primo, secondo o terzo ordine, il coniuge eredita tutto.

Gli eredi del primo ordine

I figli e i nipoti del testatore sono contati al primo ordine. Hanno diritto all’eredità anche i figli non coniugali nati dopo il 1° luglio 1949. Se un figlio del testatore e del coniuge vive al momento del decesso, entrambi ereditano la metà. Se vivono più figli, l’eredità è divisa tra loro e il coniuge. Se i figli del defunto sono già morti, i nipoti ereditano.

Gli eredi del secondo ordine

Se non ci sono figli o nipoti, gli eredi sono di secondo grado. Il secondo ordine comprende genitori, fratelli e sorelle, nipoti e nipoti. Se entrambi i genitori del defunto vivono al momento del decesso, l’eredità è divisa in parti uguali. Tuttavia, se un genitore è già morto, i discendenti di quel genitore, cioè fratelli o nipoti e nipoti del defunto, prendono questo posto.

Terzo ordine eredi

Se il defunto lascia solo gli eredi del terzo ordine, l’eredità è suddivisa come segue. I nonni e i loro discendenti erediteranno il patrimonio del defunto. Se un nonno è già deceduto, l’eredità ricade anche sulle zie, gli zii, i cugini e i cugini del testatore.

Bambini adottati

Un’adozione dà a un bambino il rapporto giuridico. Se il figlio è minorenne al momento dell’adozione, acquisisce lo status giuridico di figlio comune di entrambi i coniugi e appartiene quindi agli eredi di primo grado. Così non solo il bambino adottivo eredita dai genitori, ma anche viceversa. Con l’adozione, tuttavia, il bambino perde ogni pretesa, tutti i diritti e doveri verso i parenti del sangue e quindi non ha più il diritto di ereditare dai genitori naturali. Questo non è il caso dei bambini adottati che sono maggiorenni. Il rapporto con i genitori biologici non scade e quindi un bambino adottato in piena età può avere il diritto di ereditare fino a quattro parti dell’eredità, i genitori biologici e gli adottanti. Tuttavia, non vi è alcun diritto legale di eredità contro i parenti dei genitori adottivi.

Debiti ereditari – rifiutare l’eredità o meno?

Un’eredità non significa principalmente ricchezza e nuovi beni. Un’eredità è spesso gravata da debiti e comporta una grande responsabilità per gli eredi. Dopo il decesso, gli eredi non solo rilevano i beni, ma anche i diritti e gli obblighi del defunto. Se questo include i debiti, gli eredi sono responsabili anche con il loro patrimonio privato. Se è chiaro fin dall’inizio che il debito viene ereditato, l’eredità può essere rifiutata entro il periodo di sei settimane. Se solo in un secondo momento risulta che l’eredità è gravata da debiti, può essere presentata una domanda d’insolvenza. Il patrimonio privato dell’erede è così protetto e i debiti devono essere rimborsati dall’eredità. Se esiste un caso di successione, l’eredità dovrebbe essere attentamente esaminata ed esaminata per individuare eventuali debiti. L’eredità può essere rifiutata da qualsiasi erede. Ciò è particolarmente utile se i debiti o gli immobili da ristrutturare fanno parte dell’immobile.

Rinviare l’eredità – a seconda della situazione, sensibile

L’eredità non sempre fornisce solo cose buone per i discendenti. Anche se molti sognano ricchezze e gioielli costosi, anche i debiti o gli immobili fatiscenti possono appartenere all’eredità. In tali casi è possibile rifiutare l’eredità entro un certo periodo di tempo e tenendo conto di alcuni criteri.

Nessun erede è obbligato ad accettare l’eredità. Questo è possibile soprattutto per la protezione degli eredi, perché questo non solo ottiene la fortuna, ma anche i debiti del defunto, di cui è responsabile con la propria fortuna privata. Quindi, prima che un erede venga iniziato o colpito, ogni erede dovrebbe prima di tutto avere una panoramica precisa della situazione finanziaria e dei debiti del defunto. Comprendono i saldi bancari, i titoli, i valori, i terreni e gli immobili, nonché le spese funerarie, i prestiti, gli arretrati di manutenzione e i crediti per la parte obbligatoria. Possono essere aggiunti anche i costi di amministrazione di un’eredità o di apertura di un testamento. Se da questo esame emerge che c’è più debito che credito, ha senso rifiutare l’eredità. Se l’immobile comprende immobili da ristrutturare, è necessario anche un esame dettagliato. Se l’eredità viene assorbita, è necessario investire molto denaro nei lavori di ristrutturazione, che possono essere molto costosi a seconda dei casi. Quindi, in tal caso, valutare attentamente se si vuole o meno accettare l’eredità.

Una volta che un’eredità è stata accettata o il termine è stato superato, di solito non c’è più possibilità di tornare indietro. Tuttavia, anche in questo caso le eccezioni confermano la regola. In alcuni casi è possibile recedere successivamente dall’eredità. Se, ad esempio, dopo l’accettazione dell’eredità viene alla luce che il patrimonio contiene un elevato credito del defunto, di cui non si sapeva nulla fino ad allora, l’accettazione dell’eredità può essere contestata. Come prerequisito, tuttavia, è necessario avere una conoscenza completa del patrimonio e dei debiti della proprietà. Tuttavia, se l’erede vuole contestare i presupposti perché il periodo di sei settimane non era noto o non era chiaro quando sarebbe iniziato, un buon avvocato può fare lo stesso.

Rimpianto rifiutato per sovraindebitamento

Nel caso opposto, ci sono anche alcune possibilità. Se l’eredità è stata rifiutata per sovraindebitamento e risulta in seguito che l’eredità non contiene tutti i debiti inizialmente assunti, il rifiuto non può essere contestato. Tuttavia, se in seguito si scopre che i titoli o gli immobili appartengono al patrimonio di cui non si era a conoscenza al momento dell’esborso, una sfida è effettivamente possibile. La contestazione deve essere presentata per iscritto e motivata al tribunale dei successori entro sei settimane dalla scoperta dell’errore.

Indennità erede libero

Per proteggere gli eredi da un pesante onere finanziario, si applicano aliquote d’imposta e indennità diverse a seconda del grado di parentela. Queste indennità comprendono varie cose che non devono essere tassate in modo che gli eredi non debbano pagare la maggior parte dell’imposta, soprattutto nel caso di un grande patrimonio.

Sostegno finanziario per gli eredi

Sono comprese le indennità da pagare se il partner o i figli dipendevano dal sostegno finanziario della persona deceduta. Per i coniugi, l’assegno di pensione ammonta a 256.000 euro, a condizione che il coniuge superstite non abbia una pensione vedovile o una pensione aziendale per la quale non è dovuta alcuna imposta di successione. Se è disponibile una tale rendita, il valore della rendita viene determinato in base alla durata prevista delle prestazioni e l’assegno previdenziale viene ridotto di questo valore. Per i figli si applicano gli assegni previdenziali graduati in base all’età del figlio al momento del decesso. I neonati fino all’età di 5 anni hanno diritto a un assegno di pensione di 52.000 euro. A partire da questo punto, l’indennità diminuisce di circa 10.000 euro ogni cinque anni. I figli dai 20 ai 27 anni possono quindi richiedere un assegno di pensione di 10.300 euro, ma questi assegni sono rilevanti solo se i figli non hanno una pensione propria, come ad esempio una pensione di orfano.

Gli altri assegni, oltre agli assegni di pensione, sono regolati in base al grado di parentela e sono indipendenti dalla pensione di reversibilità o dal patrimonio proprio. Di conseguenza, i coniugi e i partner civili registrati ereditano un assegno di 500.000 euro. I figli del defunto o i nipoti del defunto, se i loro genitori muoiono prima dell’eredità, possono richiedere un assegno di 400.000 euro. I nipoti i cui genitori sono ancora in vita possono richiedere un assegno di 200.000 euro. I pronipoti o i genitori del defunto hanno diritto a un’indennità di 100.000 euro. Tutti gli altri eredi possono richiedere un’indennità di 20.000 euro. Affinché, in caso di successione, il testatore può prendere decisioni importanti molto prima del decesso e determinarle nel testamento. Solo ciò che rimane dopo la deduzione degli importi esenti da imposta dalla proprietà è imponibile. Ogni acquisizione imponibile viene arrotondata per difetto a 100 €. Le aliquote d’imposta individuale per le imposte di successione dipendono dalle diverse classi d’imposta degli eredi e sono anch’esse graduate progressivamente.

Regali e imposta di successione – le indennità

L’imposta di successione e l’imposta sulle donazioni sono strettamente collegate. Si applicano quasi le stesse indennità, ma, come nel caso della successione, le indennità esenti da imposte possono essere trasferite solo una volta ogni dieci anni. I testatori che desiderano ridurre l’imposta di successione per i loro eredi devono pertanto iniziare a cedere i loro beni patrimoniali dieci anni prima del decesso. Nel caso di famiglie eterogenee, da questo regolamento consegue che può essere ragionevole adottare i figli del coniuge per equiparare gli sgravi fiscali a quelli dei figli naturali. L’adozione non influenza la successione all’altro genitore biologico..

Una donazione permette quindi di risparmiare sull’imposta di successione. Il testatore deve essere consapevole di queste possibilità e utilizzarle in modo mirato per poter pagare meno imposte di successione. I partner non coniugali devono tenere presente che anche le unioni civili di lunga durata consentono l’esenzione fiscale solo se riconosciute ufficialmente, sia per matrimonio che per registrazione dell’unione domestica.

Dovere parte nonostante la diseredazione – hai questi diritti

Fondamentalmente ogni persona può decidere liberamente chi nominare come suo erede e chi diseredare. Il testatore non deve giustificare nel testamento perché esclude un parente dalla successione. Tuttavia, un’esclusione non significa che l’erede non riceve nulla, perché ogni erede ha diritto ad una parte obbligatoria. Questa rivendicazione deve essere richiesta dall’erede stesso, poiché queste rivendicazioni della parte obbligatoria non sono annotate nel certificato ereditario. Se un testatore determina una persona come unico erede, ciò significa, da un lato, che egli eredita da solo l’intero patrimonio, ma anche che nessun altro dovrebbe ereditare chi avrebbe effettivamente diritto di ereditare.

Le coppie sposate possono diseredare i parenti stretti insieme in un contratto successorio o in un testamento di Berlino. In una forma classica del testamento berlinese, i coniugi stabiliscono che il partner che vive più a lungo è l’unico erede e i figli ereditano solo quando entrambi i coniugi sono morti. I genitori diseredano i loro figli fino alla morte di entrambi. Se qualcuno è diseredato, la parte dell’eredità che sarebbe stata dovuta a questo erede ricade sulla persona che sarebbe diventata erede se la persona diseredata fosse già morta al momento dell’eredità.

Nonostante la diseredazione, i parenti stretti hanno diritto a una parte della proprietà. Questo fatto si basa di diritto sull’obbligo di assistenza che il defunto ha per i suoi parenti stretti anche dopo la sua morte. Tuttavia, questo vale solo per i parenti più prossimi, che sono determinati come segue secondo la legge: Per parenti stretti si intendono sia i figli legittimi, non coniugali e adottivi, il coniuge, purché il matrimonio sia ancora in vigore al momento dell’eredità, i partner di un’unione registrata tra persone dello stesso sesso e i genitori del testatore, purché non vi siano figli. I nipoti hanno diritto solo se sono stati esclusi dall’eredità e i loro genitori non sono più in vita. I fratelli e i nonni del defunto non hanno diritto alla partecipazione obbligatoria e quindi non sono da intendersi per legge come parenti stretti. Chiunque sia diseredato deve far valere egli stesso il diritto alla parte obbligatoria contro gli altri eredi. In circostanze particolari, i genitori hanno la possibilità di diseredare completamente i propri figli e di ritirare loro anche la parte obbligatoria. Questo desiderio deve essere espressamente ordinato e giustificato nel testamento.

Ereditarietà preliminare e successiva ereditarietà – determinata nella volontà

Il testatore è libero di determinare gli eredi e può quindi trasferire il suo patrimonio a più persone in un trasferimento di tempo. L’erede riceve l’eredità solo dopo che un’altra persona, in questo caso l’erede precedente, l’ha ereditata. Il testatore può, ad esempio, scegliere un’occasione o un momento per il verificarsi della successione successiva, ad esempio l’età della maggioranza o il superamento dell’esame del maestro artigiano.Il precedente erede e il successivo erede sono entrambi successori legali del testatore, ma non formano una comunità di eredi in cui avrebbero ereditato allo stesso tempo, ma ereditano in un momento diverso a causa della causa del testatore. L’erede ha diritto all’eredità successiva e quindi l’erede dell’erede precedente decade in caso di successione successiva, quest’ultimo cessa di essere l’erede e l’eredità spetta all’erede successivo. Nel caso in cui l’erede successivo sia già deceduto al momento della successione successiva, il testatore dovrebbe fare accantonamenti e nominare altri eredi successivi.

I coniugi fanno spesso ricorso alla pre e post erede per garantire che tutti i beni comuni rimangano nella famiglia. I coniugi nominano l’altro come erede precedente e i figli comuni come eredi successivi. Anche in caso di nuovo matrimonio dopo la morte di un coniuge, i beni non possono essere lasciati in eredità al nuovo coniuge.

Le comunità di eredi – comunicazione aperta e accordo

.
Una comunità di eredi descrive tutti gli eredi di un testatore. Ciò entra in vigore quando vi è più di un erede e si forma automaticamente una comunità di eredi. La comunità di eredi, tuttavia, perde il suo effetto all’inizio di un contenzioso successorio. Tuttavia, una controversia non deve necessariamente verificarsi in una comunità di eredi. Dal momento che ci sono spesso controversie sugli oggetti ereditari nelle comunità di eredi, molte comunità di eredi esistono ancora molti anni dopo la morte..

Discussione di una comunità di eredi

Nel caso ideale, gli eredi di una comunità di eredi pagano rapidamente i debiti dell’eredità e poi sciolgono la comunità di eredi distribuendo l’eccedenza in base alle azioni. Tuttavia, spesso non è questa la realtà. Le controversie all’interno della comunità di eredi spesso assicurano che queste rimangano irrisolte per anni dopo l’eredità. Ogni membro di tale comunità di eredi ha il diritto di chiedere lo scioglimento in qualsiasi momento, anche senza una buona ragione.

Pagare i debiti e distribuire l’eredità

Affinché una comunità di eredi possa essere sciolta senza controversie, è consigliabile seguire alcuni passi. Dalla corretta valutazione del patrimonio alle imposte di successione, ci sono importanti formalità da osservare.

Pagare i debiti dell’immobile

I debiti dell’eredità possono essere pagati dall’eredità dagli eredi della comunità di eredi. Non è raro che vengano venduti oggetti appartenenti alla proprietà, come immobili o terreni.

Gli oggetti indivisibili vendono

Se una divisione reale non è possibile per alcuni oggetti, come ad esempio una proprietà nella comunità di eredi, gli eredi possono essere costretti a vendere o forzare l’oggetto da mettere all’asta. A tal fine, occorre innanzitutto determinare un prezzo di vendita realistico. In mancanza di un accordo, un erede può avviare un’asta di divisione. Distribuisce gli oggetti divisibiliL’erede deve essere principalmente diviso in natura dagli eredi. Ogni erede può quindi, d’accordo con gli altri eredi, prendere per sé gli oggetti dell’eredità. Il denaro e i titoli possono essere suddivisi dalla comunità di eredi in base alle rispettive azioni.

Le donazioni e le donazioni tengono conto

Se un erede ha ricevuto benefici o doni dal testatore nel corso della sua vita, questi possono essere soggetti a compensazione. Le donazioni soggette a estinzione aumentano matematicamente l’eredità e sono dedotte dalla quota ereditaria del beneficiario. Ogni erede può chiedere agli altri informazioni su tali prestazioni in modo che possano essere prese in considerazione correttamente.

Considerare l’ufficio delle imposte

Una successione è sempre soggetta all’imposta di successione. Tuttavia, alcune cose dall’eredità possono essere dedotte dall’imposta, come il costo della sepoltura o gli onorari per l’apertura del testamento.

Calcolare lo sconto

Una comunità di eredi non può essere divisa fino a quando l’eredità non è stata determinata. Gli eredi ricevono la maggior parte delle informazioni dalla banca dove il defunto aveva i conti o i depositi. Per potervi accedere è necessario un certificato ereditario o un testamento con gli atti di apertura del tribunale. Tuttavia, anche i debiti fanno parte del patrimonio. Al fine di determinare l’intero patrimonio, i debiti e le attività devono essere confrontati e bilanciati.

Il notaio aiuta

Se non è possibile raggiungere un accordo, un notaio può essere chiamato dalla comunità degli eredi. Il notaio fa da mediatore tra gli eredi al fine di raggiungere un accordo il più rapidamente possibile. Tuttavia, va tenuto presente che tale assistenza è associata ad alcuni costi.

Considerare i servizi infermieristici

Se un figlio si è preso cura del genitore deceduto durante la sua vita senza alcun compenso, può essere richiesto un risarcimento per questo. Ciò deve essere commisurato alla durata, all’estensione e al valore dell’eredità.

L’asta parziale – l’ultima risorsa per le comunità di eredi

Gli oggetti, come i beni immobili o i terreni, spesso danno luogo a controversie nelle comunità di eredi. Le idee su come trattare la proprietà comune sono troppo diverse e le parti non possono essere d’accordo. Ogni erede ha il diritto di esigere in qualsiasi momento una contestazione della comunità di eredi e quindi di costringerne lo scioglimento. In tal caso, un’asta di compartimentazione può essere l’ultima possibilità di risolvere le controversie e la comunità di eredi.

L’asta di compartimentazione comporta alcuni rischi che dovrebbero essere ben congegnati in anticipo. L’immobile potrebbe essere venduto al di sotto del valore e portare a bassi profitti per gli eredi. Ci sono alcune alternative che escludono questi rischi. L’immobile può essere venduto privatamente, risparmiando su richiesta, spese legali e legali. Inoltre, gli eredi possono scegliere l’acquirente stesso e garantire così che l’immobile non venga venduto al di sotto del valore.  Un’altra alternativa è l’asta volontaria. La comunità di eredi può rivolgersi ad una casa d’aste pubblica che organizza e conduce un’asta. Il vantaggio per gli eredi è che l’offerta minima può essere determinata dagli stessi eredi e quindi non vi è il rischio di un’asta al di sotto del valore. In entrambi i casi, tuttavia, la comunità di eredi deve approvare all’unanimità la vendita dell’immobile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *