rebekka ruétz – FASHION WEEK BERLIN 2019

Rebekka Ruetz è conosciuta in tutta Europa come una designer appassionata. È nata in Austria nel 1984. Ha iniziato la sua carriera alla Innsbrucker Mode Ferrarischule. Dopo aver studiato moda e design a Monaco di Baviera, si è laureata con il Best Graduate e il vincitore del Cognos Relevance Award. Dopo le esperienze di moda in India e Londra con Peter Pilotto, “rebekka ruétz” è diventato un marchio pubblico nel 2009. Nel 2013 ha vinto anche il Best Newcomer Award presentato da STEFFL.

+ NEW: ZAMIRAA new selection w/ Armani, Dior, Cartier & Co.

+ AD: Do you know?

Moda Rebekka Ruétz

Rebekka Ruétz è presente a molti eventi di moda. Alcuni campioni sono unici, mentre il 50% della loro collezione va in serie. Lei pimps sua collezione con modi di dire cool e rende dichiarazioni. Fa dichiarazioni diverse con tagli e modelli insoliti.

Sostenibilità e moda

I prodotti Rebekka Ruétz hanno uno sfondo pulito. Le vostre camicie e felpe con cappuccio sono per lo più realizzate al 100% in cotone organico, bambù cellulosa o Tencel.

abbigliamento da fiera

Fair Wear Foundation (FWF) – collabora con aziende e fabbriche per migliorare le condizioni di lavoro dei lavoratori tessili nell’industria dell’abbigliamento. FWF segue i progressi dell’azienda e condivide conoscenze e dialoghi sociali per rafforzare le relazioni industriali.

Lo Standard Tessile Oranico Globale

GOTS è conosciuta in tutto il mondo per la lavorazione di tessuti in ´von Biofibre. Sono necessarie una limitazione delle sostanze chimiche e l’adesione a criteri favorevoli a livello mondiale. OCS acquista cotone BIo certificato al 100% in filati, tessuti o prodotti finiti.

Raggiungere Compliant

Reach mira a migliorare la protezione della salute e dell’ambiente migliorando le proprietà intrinseche delle sostanze chimiche.

Mercedes Benz Settimana della Moda 2019

Anche quest’anno Rebekka Ruétz presenta la sua collezione alla settimana della moda di gennaio. FIV Magazine è lì e riferirà!

+

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento