Coco Chanel un’icona della moda – profumo, moda ed emancipazione

Gabrielle Coco Chanel, cresciuta come una bambina triste in un orfanotrofio, è morta come una leggenda. Nata a Saumur/Francia nel 1983, si è fatta un nome nell’industria della moda 30 anni dopo. La sua specialità: una moda femminile insolitamente funzionale, casual e tuttavia elegante e femminile. Chiunque volesse un corsetto e sembrare come tutti gli altri si sbagliava con Coco Chanel. Camicette leggere, top ariosi, pantaloni da donna dal taglio ampio o gonne al polpaccio in tessuti comodi come il tweed inglese, il weed screziato, il jersey di lana, il bouclé o la seta bourette. Per saperne di più sul marchio Chanel.

La moda è fugace, lo stile non lo è mai – Coco Chanel

Una delle creazioni più famose di Chanel è il costume Chanel. Si tratta di una giacca in costume aderente con una cucitura continua sulle maniche, con maniche strette tagliate in modo che la giacca non scivoli anche quando le braccia si muovono, e discrete spalline che garantiscono sempre una silhouette dritta. Lungo gli orli, sono state cucite catene color oro e pesi di piombo placcati in oro per assicurare la perfetta vestibilità.

La classica giacca Chanel aveva quattro tasche dritte all’altezza dei fianchi. La giacca si chiude o per niente, con un capo o una catena all’altezza del petto o della vita, un’abbottonatura solitamente monopetto o una semplice zip. La fodera della giacca è abbinata individualmente al tessuto esterno o alla camicetta abbinata. Una camicetta color pastello con un colletto ad anello in georgette di seta era solitamente indossata con un classico costume Chanel.

https://www.instagram.com/p/BkdBkJDAsj1/?hl=de&taken-by=chanelofficial

Ci sono molte buone citazioni di moda di Coco Chanel.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Le tappe più importanti di Coco Chanel riassunte per te:

  • 1909 Fonda il suo negozio di cappelli con il nome di Chanel.
  • 1914 Apertura della vostra boutique nella stazione balneare di Biarritz.
  • 1918 Disegna il primo pigiama per le donne, poiché i pigiami erano originariamente destinati solo agli uomini.
  • 1923 Successo internazionale con la sua fragranza “Chanel No.5”.
  • 1926 Chanel disegna il tubino nero e rifiuta i colori vivaci, preferendo le tinte unite come il beige, il bianco e il nero.
  • 1930 Chanel veste le star dello schermo della United Artists e di Hollywood per alcune settimane.
  • 1932 Presenta la sua collezione di gioielli con diamanti a Parigi sotto il nome di “Bijoux de Diamants”.
  • Nel 1936, il numero di dipendenti Chanel salì a più di 4000.
  • 1939 Chanel interrompe la moda haute couture e vende temporaneamente solo profumi e accessori.
  • 1954 Chanel si trasferisce in Svizzera dopo le accuse di aver collaborato con i nazisti.
  • 1954 Apre un negozio a Parigi dove realizza la sua “collezione di guerra”.
  • 1971 Morte di Coco Chanel all’hotel Ritz.
  • 1971 Gaston Berthelot, uno stilista di Dior, prende il suo posto.
  • 1974 Alain Wertheimer, insieme a suo fratello, ottiene il controllo di Chanel.
  • 1971-1983 Immagine della casa di moda dusty, considerata “moda mummia”.
  • Dal 1983 Karl Lagerfeld viene assunto come consulente per la haute couture.
  • 1984 Karl Lagerfeld diventa il capo designer dell’intera divisione moda della casa.
  • 1988 Lagerfeld ha ricevuto il premio internazionale dal Council of Fashion Designers of America per le sue collezioni Chanel.
  • 1990 Claudia Schiffer viene assunta da Lagerfeld.
  • 1996 Schiffer e Lagerfeld prendono strade diverse.
  • 2000 Schiffer e Lagerfeld lavorano di nuovo insieme, e star internazionali come Vanessa Paradis, Nicole Kidman Audrey Tautou, Keira Knightley e Blake Lively sono sempre più utilizzate come testimonial di Chanel.
  • Dal 1983 ad oggi Chanel è di nuovo considerato un “marchio di alta moda” e ha ritrovato il suo antico splendore grazie a Lagerfeld.

Il logo Chanel: semplicità nell’integrità del design

Chanel stessa ha disegnato il logo nel 1925, le due “C” intrecciate rappresentano le prime lettere del nome e del cognome della fondatrice. Il logo Chanel è tanto efficace quanto duraturo grazie alla semplicità nell’integrità del design.

Coco Chanel come pioniera dell’emancipazione

Un corsetto costrittivo solo perché è socialmente rispettabile? Non con Coco. Grazie alla moda di Coco Chanel, le donne non erano più oggetti di decorazione e prova di ricchezza per i loro mariti, ma erano sulla buona strada verso l’indipendenza. Ha esemplificato alle donne che una donna può essere indipendente in ogni modo – se è disposta a pagarne il prezzo. Indipendentemente da quello che dicevano gli altri, Chanel ha sempre difeso la sua moda e il suo modo di vedere le cose, che all’epoca era assolutamente scandaloso, ma ha dato i suoi frutti con una rivoluzione nell’industria dell’abbigliamento.

Soprattutto in questo momento, in cui il femminismo è un grande argomento, viene ricordata Coco, che si batte per l’emancipazione delle donne con la sua moda fino ad oggi.

Nel settembre 2014, Lagerfeld ci ha ricordato l’eredità di Coco facendo attraversare alle sue modelle una strada ricreata nel Grand Palais di Parigi come un’attraente orda di giovani donne che protestano per i diritti delle donne alla fine della sfilata Chanel. Il pubblico è diventato molto sentimentale e molti si sono sentiti ricordati della loro gioventù, i più giovani hanno apprezzato il revival e le battute sfacciate.

Karl Lagerfeld si batte per il femminismo.

Karl Lagerfeld è un degno successore?

Le cifre delle vendite parlano da sole! Da quando Lagerfeld è diventato capo designer, le cifre di vendita sono salite alle stelle. Ma Lagerfeld crede che Coco avrebbe odiato i suoi disegni. Lagerfeld aveva piena libertà di decidere cosa fare con il marchio “Se puoi fare qualcosa, va bene, altrimenti venderò il negozio”, disse il proprietario a Lagerfeld. Nonostante la convinzione che la dea della moda Coco Chanel non sarebbe felice del suo lavoro, il mondo la pensa diversamente. Lagerfeld ha portato le convinzioni e i valori di Coco nel presente, o meglio li ha modernizzati. Variò i colori, le silhouette, le lunghezze delle giacche e delle gonne, usò nuovi tessuti e accessori, sostituì le classiche trecce con le frange e presentò il costume Chanel sia nella collezione haute couture che in quella prêt-à-porter.

È il momento di essere belli quando il mondo diventa troppo brutto

Lagerfeld decide di fare una dichiarazione con la collezione primavera/estate 2018. I suoi disegni mostrano la volontà di rivolgersi alla bellezza invece di disperarsi per tutte le brutture del mondo. I colori a volte morbidi e a volte brillanti illustrano la leggerezza della collezione. Un gioco di tulle di seta trasparente e un tweed pesantemente ricamato e strutturato lo porta all’estremo.

Tuttavia, Lagerfeld non disegna solo “cose belle” con la sua collezione, piuttosto pensa a nuove forme. Gonne su abiti che partono improvvisamente a metà coscia, volant a volte solo sui lati. Al centro, i volant sono interrotti da un triangolo scintillante o gli abiti midi sono coperti da un velo trasparente. Nella collezione, Lagerfeld ridisegna Chanel senza perdere il vecchio, che è ancora una volta accolto con grande entusiasmo.

Coco Chanel ha cambiato il mondo della moda per sempre, la sua eredità è stata presa da Lagerfeld e trattata con rispetto fino ad oggi. E ancora una volta, con le sue nuove combinazioni di taglio e colore, Lagerfeld ha dimostrato di essere un degno successore rifiutando di piegarsi alla bruttezza. E come diceva Coco Chanel, “L’eleganza è rifiuto”.

Sfilata di moda 2018 – Looks primavera estate di Chanel

Sfilata di moda 2018 – Collezione Chanel autunno/inverno

Prêt-à-porter Chanel autunno/inverno 17/18