Designer di gioielli Pegah di privatesuite.eu

La designer di gioielli Pegah Ghaemi ha fondato il suo negozio online SUITE PRIVATA per passione e interesse per i gioielli. Lavora e vive con la sua famiglia a Monaco. Ho parlato con la designer di gioielli di successo delle sue ispirazioni e della città della moda di Monaco.

La designer di gioielli Pegah sulla città della moda di Monaco

FIV: Pegah, sei una designer di gioielli a Monaco, com’è la scena della moda a Monaco? Cosa fa di Monaco una città di moda per te?

Monaco è una città elegante ed eccitante – arriverei a dire che è la più bella città della Germania, insieme ad Amburgo. Così la sua moda è anche diversa e colorata.

Se si potesse paragonare a una metropoli americana, direi che ha il fascino di Los Angeles. Posso anche spiegarlo. Per esempio: Io vengo da Magonza, ma anche le persone meglio vestite di Magonza hanno ancora un tale chic da villaggio. A Monaco, la gente si veste in modo chic, sportivo (tedesco), cool, o elegantemente freeky ecc. Tutto è permesso e la maggior parte delle persone può farlo. Naturalmente, Monaco ha anche un fascino speciale per la moda grazie a tutte le case editrici (di riviste di moda) che hanno sede qui.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

FIV: C’è una forte concorrenza nella zona? C’è molta competizione tra i designer o in alcuni casi si sviluppano anche nuove amicizie?

Non ho concorrenza con nessuno, perché faccio qualcosa di completamente diverso da tutti gli altri colleghi. Siamo amici e non nemici. Non c’è nemmeno motivo di una concorrenza “cattiva”, perché c’è molto spazio per tutti sul mercato.

Al giorno d’oggi, solo chi ha la forza di restare sopravvive comunque. Purtroppo l’industria della moda è cambiata molto. Le fiere sono sempre più vuote e il budget per l’individualità è sempre più piccolo. Posso anche spiegarlo. Guardate i negozi; siamo in piena estate, e da due mesi la merce invernale è già appesa nei negozi. Le stagioni sono cambiate, ma le catene e i grandi acquirenti non reagiscono. Quindi i produttori e gli acquirenti sono entrambi in una situazione difficile. Quando c’è già una vendita del 30% a maggio e ci sono 12 gradi, come dovrebbe funzionare? E in estate come adesso, si è alla disperata ricerca di beni. Le cantine dei negozi non sono vuote nemmeno al 50%, e la nuova merce sta già arrivando nei negozi.

Anche internet gioca un ruolo molto importante. Oggi, è possibile ordinare quasi tutto online in modo più economico e senza spese di spedizione e, se necessario, restituirlo gratuitamente.

Pegah: Suo marito le copre le spalle

FIV: Come bilancia la sua vita privata e la progettazione?

È stato molto difficile all’inizio, ma mio marito mi ha sempre preso sul serio ed è stato uno dei pochi a credere in me! Quando le cose si sono fatte difficili, mi ha coperto le spalle, anche se in realtà porta i soldi a casa. In realtà, devo dire che devo a mio marito e a mia madre il fatto di poter lavorare così liberamente.

FIV: Quando e come ha deciso di diventare designer di gioielli?

È una storia molto lunga. Sei anni fa, mio marito era molto impegnato nelle Filippine e io volavo sempre con lui. A quel tempo, avevo comprato la merce Sarayo fuori dalla massa fallimentare e avevo un piccolo negozio carino in Gabelsberger Strasse. Andavo a questi grandi mercati lì e a un certo punto ho comprato un bellissimo cerchio per la mia figliastra, che aveva 13 anni all’epoca, ma era decorato con pietre di plastica. Ho pensato che fosse così bello che ho chiesto alla signora se forse me ne avrebbe fatto un paio per il mio negozio, ma con pietre semi-preziose. Quelli erano i primi cerchi, ma sono totalmente cambiati nel corso degli anni.

Quando sono rimasta incinta ho dovuto rinunciare al mio negozio e dopo la mia seconda figlia ho pensato di aprire un negozio online in modo che a Natale non dovessi sentirmi dire da mio marito, con un sorriso impertinente, “Beh, quel regalo di Natale l’ho comprato io…”, perché ovviamente era con i soldi risparmiati per la casa. All’epoca ho venduto forse 20 pezzi in 3 mesi e ora circa 1500 ogni mese!

FIV: Come sono fatte le sue collezioni e dove si possono acquistare gli interessati?

Tutto ciò che disegno è 100% fatto a mano, colorato e non conforme alla norma. Abbiamo più di 400 clienti in tutto il mondo che vendono i nostri prodotti e naturalmente nel nostro negozio online.

Pegah sul suo lavoro di designer a Monaco

FIV: Ha fatto un apprendistato classico o come è entrato nella professione?

Non ho fatto nessuna formazione classica, ma, stranamente, il talento in qualche modo scorre nel sangue dei designer di successo. Guadagno anche tra 1000€ e a volte 5000€ al giorno come consulente di stile. La gente si fida della mia parola e cerco anche di spiegare alle persone perché dovrebbero comprare qualcosa prima di vendergliela. Il più delle volte ricevono così tanti complimenti che mi chiamano e mi danno più clienti. Dopo tutto, ho iniziato senza pubblicità. Ha preso il proprio slancio, come i gioielli. Dal soggiorno in un ufficio del complesso di uffici di mio marito e da lì nella Residenzstraße. A proposito di Chloé.

Al giorno d’oggi è estremamente difficile farcela perché bisogna avere il fiato, i soldi e la forza di sopravvivere abbastanza a lungo sul mercato per farcela o trovare un posto nel paradiso della moda.

FIV: Pensi che sia difficile affermarsi come designer a Monaco di Baviera di questi tempi?

È molto difficile affermarsi come designer a Monaco. Avete bisogno di qualcosa di speciale senza reinventare la ruota. Devi avere una tua firma che si distingua chiaramente da tutte le altre senza un’etichetta o un marchio. Per questo, hai bisogno di una buona connessione con la stampa, di soldi e di un sacco di forza!

FIV: Quale pensi sia la qualità più importante per diventare un designer di successo?

Solo chi appare autentico al mondo esterno ha successo. Quello che appare forte e che ispira fiducia. A proposito di nuovi designer. Le persone vogliono essere seguite, essere chiamate per nome e non essere solo un numero. Faccio acquisti dove sono servito e curato decentemente. Come cliente, voglio sentirmi una persona speciale! Solo quando vengo trattata così, indosso quei vestiti o quei gioielli in modo un po’ più sicuro ed eccitante, perché mi fa sentire speciale.

FIV: Cara Pegah, grazie mille per l’intervista!

Maggiori informazioni su Pegah & Privatesuite:

Altri articoli nel blog: Lusso.