Designer Julia Starp – A proposito del suo stile di moda e della sostenibilità

FIV: Julia, hai fondato il tuo marchio nel 2009 e sei di casa come designer alla Fashion Week di Berlino. Come hai fatto a diventare così di successo così in fretta?

Ero nel posto giusto al momento giusto. A quel tempo, la moda sostenibile era difficile da trovare nel segmento del lusso e io avevo un punto di vendita unico, per così dire. Sponsor e clienti, ma soprattutto i miei amici, hanno creduto in me. Questo mi ha incoraggiato a essere sulla strada giusta.

FIV: Come descriveresti il tuo stile di moda e le tue collezioni?

Il mio stile è elegante e attento ai dettagli. Mi piace giocare con la silhouette e creare forme completamente nuove. Questo si traduce in insolite costruzioni di colletti, forme di maniche e funzioni che possono cambiare completamente un indumento con pochi movimenti.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

FIV: Lei dà molta importanza alla sostenibilità. Cosa significa questo per le sue creazioni e perché è particolarmente importante per lei?

Secondo il motto: fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te. Soprattutto nell’industria della moda e del tessile, l’equità è purtroppo piuttosto rara. La produzione di massa e le cattive condizioni di lavoro rendono i vestiti economici, ma il loro valore non è più apprezzato. Ho piccole serie, conosco personalmente i siti di produzione e i loro dipendenti, perché sono anche sul posto (ad Amburgo, nell’officina per disabili Stiftung Mensch o in Polonia) e seleziono i tessuti secondo criteri simili. La maggior parte di loro sono certificati secondo il GOTS (Global Organic Textile Standard) o BLUESIGN.

designerin-julia-starp-mode-stil-nachhaltigkeit-berlin-interview-models
Screenshot, sito web Lookbook / 2016

FIV: Cosa ti ha ispirato a diventare una designer di moda?

Sarà stato perché sono cresciuto negli anni ’80. Da bambino, trovavo la moda inquietante. All’epoca mi cucivo da sola i miei costumi (che in retrospettiva non sono probabilmente meno inquietanti ora). Pensavo che come stilista avrei potuto fare qualcosa e disegnare cose che mi piacevano di più. Nel frattempo, non credo che la moda anni ’80 sia più così male, alcuni dicono anche che la mia moda va in quella direzione.

FIV: Da dove prende le sue idee e motivazioni?

Sono un designer di bambole. Ciò significa che cerco un tessuto che mi piace, lo butto sul manichino del sarto e inizio a drappeggiare. È da lì che viene la maggior parte delle mie idee, che poi sviluppo direttamente nel mio programma di taglio al computer. Ma penso anche che molte cose fluiscono nel subconscio, ciò che mi circonda, dove mi trovo.

FIV: Cosa le piace di più del suo lavoro?

Che sono libero. Mi divido. Non faccio solo moda, vengo in contatto con molte persone interessanti e grandiose. Ho appena passato un anno a lavorare su un libro di storie per beneficenza per dare alla mia collezione un significato più ampio di “solo un bell’aspetto”. È così vario e creativo.

Una foto postata da Julia Starp (@juliastarp) il .

FIV: Come funziona una sfilata dietro le quinte, dal punto di vista di uno stilista?

I 20 minuti prima della partenza sono terribilmente frenetici. È tutto pronto? Non è stato dimenticato nulla? E se è così, come può essere ancora salvato? Quando finalmente inizia, tutto è in uno stato di flusso. Mi posiziono sempre poco prima dell’ingresso in passerella, do l’ultimo sguardo alle modelle e cerco di togliere l’ultima peluria e raddrizzare le rughe. Dopo 20 minuti è tutto finito e mi chiedo come 4 mesi di lavoro possano essere volati sulla passerella così velocemente.

FIV: Come ti senti prima e dopo un grande spettacolo?

È ancora eccitante. Il primo degli otto spettacoli finora è stato certamente il più schiacciante. Non si può negare una certa routine, ma è sempre nuova e diversa. Ecco perché sono molto interessato a creare una certa tensione negli spettacoli. Io stesso ho guardato molte sfilate di moda, e spesso vedo le modelle “camminare su e giù” con emozioni congelate. Attraverso la musica e certe coreografie, la moda può raccontare una storia. Dopo lo spettacolo, quando tutto è andato bene (per fortuna sempre finora), le pietre cadono e io sono solo felice e contento.

FIV: Hai dei “piccoli aiutanti” alla settimana della moda o ad altre passerelle che si assicurano che la tua moda sia presentata nella “luce migliore”?

Una vera piccola aiutante è la mia cara Aleksa, che mi accompagna alle sfilate da anni e porta grandi impulsi come stilista. Così come la mia cerchia di amici, che sono felici di dare una mano quando si tratta di viaggiare con i rimorchi a Berlino. Non funzionerebbe senza di loro!

FIV: Cosa è particolarmente importante per te quando scegli un modello?

A seconda della collezione e del tema, il look giusto e ancora di più, un’andatura giusta. La modella può essere bella e aggraziata come è, ma se non riesce a posizionare bene i piedi, è una palese violazione. Ma è anche importante per me che la modella si senta a suo agio e sicura di sé con l’abito. L’abito è indossato dalla modella, ma spesso vedo che la modella è portata oltre dall’abito. Questo rende l’aspetto perfetto.

FIV: Cosa vuoi trasmettere con la tua moda?

Individualità, femminilità ed esclusività. La moda è lo zeitgeist, che può esprimere tante cose. Può passare di moda, può diventare di nuovo moderno o è senza tempo. Sono più a favore della moda senza tempo, che naturalmente si adatta meglio al tema della sostenibilità.

FIV: Che ruolo ha la moda nella sua vita privata?

Passo sempre attraverso diverse fasi. A volte voglio essere più elegante e poi di nuovo più casual. Quando sto lavorando a nuove collezioni, preparando progetti e sono solo nel mio studio, sono felice di poter mettere insieme qualcosa dal mio guardaroba. Sulla strada, negli appuntamenti e nelle riunioni, tuttavia, mi piace assicurarmi che si accompagni ad un buon aspetto.

FIV: Presto sarà di nuovo il momento di festeggiare il nuovo anno. Preferibilmente in un highlight alla moda. Qual è l’outfit perfetto per te a Capodanno?

Mentre festeggio in modo molto ordinario con i miei migliori amici, vado rilassato e ben vestito. I punti salienti della moda dei miei abiti da cocktail sono poi utilizzati per i ricevimenti e i balli di Capodanno 😉

FIV: Quali sono i designer e le etichette che ammiri privatamente?

Sono sempre stato un fan di Issey Miyake e Yamamoto. Moda scultorea, di solito piuttosto meno indossabile ma così grande intesa come arte.

FIV: Quali sono i tuoi must-have della moda per l’inverno/primavera 2015/2016?

Un abito di maglia, accogliente ma chic abbinato a collant e top o stivaletti. Aggiungi una giacca corta stile motociclista e una sciarpa accogliente.

FIV: Come possiamo immaginare la tua nuova collezione che presenterai alla prossima Fashion Week di Berlino?

Dato che sono impegnata con il mio progetto di libro di favole per tutto l’anno, non mostrerò un’altra collezione fino alla settimana della moda estiva. Ho già molte impressioni e idee che mi passano per la testa, che consoliderò a gennaio. Tuttavia, è certo che farò di più nel settore dell’abbigliamento maschile e amplierò la collezione di giacche e felpe con cappuccio nel settore casual.

FIV: Grazie per l’intervista Julia!