La stilista Anne Marie Morscheck

Carta unica fatta a mano, tagli moderni, nuove interpretazioni di vecchi tagli – le collezioni di moda di Anne-Marie Morscheck sono diverse. La stilista, che ha sede a Düsseldorf con le sue due etichette Atelier DSIGNS e Fräulein Valentine by Altelier DSIGNS, ha un debole per la moda dei tempi passati. Crea una moda ispirata agli anni 50 e confeziona anche abiti da sposa su misura. Abbiamo parlato con Anne-Marie della felicità, della moda e del suo percorso per diventare una designer.

Anne-Marie Morscheck – “Sono una spietata ottimista”.

FIV: Prima di tutto, vorremmo parlare di te come personalità. Come ti descriveresti? Qual è la sua qualità migliore e peggiore?

Sono, credo, una persona che può essere molto dedicata a una causa. Quando credo in qualcosa, mi attengo ad essa – anche se sembra senza speranza. Apparentemente sono un ottimista spietato… Credo che sia una delle mie migliori qualità. Cosa non è così bello: Sono in guerra con l’orologio, cioè non ho un buon senso del tempo. Per me, un’ora è un’eternità in cui posso fare centinaia di cose. Naturalmente, questo non funziona ed è il motivo per cui spesso mi impantano o pianifico cose che non si realizzano mai perché il tempo semplicemente non c’è.

FIV: Cosa ti rende felice o cosa può darti piacere?

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Essere nella natura, sdraiato su un prato verde e rigoglioso e guardare solo il cielo o seduto tra le dune a guardare il mare mi rende felice. Mi piace anche cucinare e mangiare. L’odore di una cheesecake nel forno – sì, anche questo mi rende felice.

FIV: Di cosa non potresti mai fare a meno nella vita quotidiana?

A mio marito e al mio cane. E al caffè con latte al mattino…

Stile semplice: ad Anne-Marie piace senza complicazioni

FIV: Ora veniamo al tema dello styling. Quali sono i tuoi “preferiti della moda” che non vogliono mai mancare nel tuo guardaroba?

Ancora e ancora, come designer di moda, mi confronto con il modo in cui mi vesto. Devo essere onesta, non seguo uno stile o un look particolare. Penso di essere solo troppo informato come designer che ha a che fare con la moda giorno dopo giorno, ed è per questo che non seguo tutte le mode. Amo la moda semplice con un effetto speciale ‘aha’. Mi piace indossare abiti corti perché sono abbastanza alta. Ho alcuni pezzi del marchio COS nel mio guardaroba che mi piace indossare ancora e ancora. Ma anche i miei pantaloni da jogging sono indispensabili e mi piace indossarli nel tempo libero.

FIV: Chi o cosa ti ispira nel tuo look?

Amo i motivi – preferibilmente piccoli motivi tie-dye, pois, stampe floreali, per esempio da Marimekko. Prendo ispirazione da tutte le cose, dai film, dalla strada, dalle riviste ma anche da internet. Adoro Pinterest, per esempio, e posso passarci ore. Mi vesto secondo il mio umore, a volte dovrebbe essere un po’ più casual con jeans e maglietta, altre volte un po’ più chic.

FIV: La moda era già un problema nella sua infanzia? In che modo?

Sono nata nel 1970 e ho conosciuto i pantaloni a campana e i gilet di pelliccia molto presto. Non ricordo con tanto affetto i collant graffianti e le calze al ginocchio che scivolavano sempre verso il basso.

Già da bambino disegnavo, costruivo cose e facevo lavori manuali. Ho cucito vestiti per le mie bambole e le Barbie con stoffe e ritagli di lana. Mia nonna e la mia prozia erano entrambe sarte. Mi sedevo spesso nello studio di mia zia e guardavo i libri di tessuti e le figure di moda.

FIV: Qual è la sua epoca di moda preferita e perché?

Amo lo stile degli anni ’50. Mi piacciono i colori, le tonalità pastello – giallo vaniglia, pistacchio, lampone… Penso che i mobili di quel periodo siano belli. Era tutto molto delicato ma ancora molto chiaro e disadorno. Trovo anche la grafica e i modelli interessanti. La moda era molto femminile e sottolineava perfettamente la figura della donna con la silhouette a X. Era un periodo molto positivo – naturalmente ancora fortemente influenzato dalle convenzioni sociali, specialmente per le donne – ma la guerra era finita, la prosperità cresceva e la gente era felice di essere sopravvissuta.

Voce classica: Anne-Marie sulla sua carriera di stilista

FIV: Ora veniamo al suo lavoro di designer:
L’industria della moda è cambiata ai suoi occhi negli ultimi anni? In che modo?

Sì, certo che riconosco i cambiamenti – anche se non produco industrialmente.
Vedo due correnti diverse. Da un lato, il fast fashion H&M, Primark, Zara, ecc. L’industria getta sul mercato merci illimitate. Non si tratta più di moda, ma solo di massa. Sono molto critico nei confronti di questo sviluppo, poiché non solo crea condizioni di lavoro da schiavi, ma spreca anche enormi risorse e causa danni duraturi all’ambiente.

Per fortuna, oggi siamo più illuminati di 20 anni fa. I molti titoli negativi stanno facendo ripensare i consumatori e per me questa è una seconda corrente. La gente non vuole più la velocità e l’economicità, ma i valori e la coerenza. Quindi c’è un’enorme tendenza all’usato e al riciclaggio/upcycling. La moda eco è anche una risposta a questo e infine anche le onde di nostalgia, di cui rappresento la moda.

FIV: Lei ha già esperienza nel settore: che consiglio darebbe agli aspiranti designer per il loro inizio di carriera?

La perseveranza, il capitale, la famiglia e gli amici che ti sostengono, la volontà di lavorare molto molto duramente, la capacità di sopportare l’incertezza di non sapere mai quale sarà il saldo del tuo conto alla fine del mese, la disponibilità a correre rischi e le capacità organizzative.

FIV: Quando e come ha iniziato la sua carriera di designer? Ha avuto un’educazione classica o come è entrato nel mondo della moda?

Ho imparato tutto “da zero”. Dopo il diploma di scuola superiore, ho fatto l’apprendistato e ho completato il mio apprendistato in un’azienda artigianale molto buona. Ho studiato alla AMD di Düsseldorf e poi mi sono messo in proprio.

FIV: Cosa le piace di più del suo lavoro di designer?

Oh cielo, da dove comincio? La sensazione di mettere su carta qualcosa che hai in testa e alla fine è di fronte a te e puoi toccarla, persino indossarla. Questo processo creativo è molto soddisfacente e tutto ciò che lo accompagna, i tessuti, i colori, le tecniche. Faccio questa professione da così tanto tempo che imparo e vedo sempre cose nuove. È così eccitante attraversare la vita e prendere tutto ciò che ti circonda, essere ispirati. Mi occupo di cose belle e posso anche rendere felici altre persone con esse – cosa ci si può aspettare di più da una professione?

FIV: Come descriveresti la moda delle tue diverse etichette “Atelier DSigns” e “Fräulein Valentine by Atelier DSigns”?

Con l’etichetta Atelier DSigns disegno e creo moda contemporanea e femminile ispirata da materiali e texture particolari e tagli insoliti. Tra le altre cose, creo anche pezzi unici, ad esempio abiti da sposa.

Fräulein Valentine di Atelier DSigns rappresenta il mio amore per gli anni 50. Qui troverete abiti sottoveste in un’ampia varietà di stili, camicette con pizzo, gonne a ruota, pantaloni, cappotti e costumi aderenti alla figura che ho adattato al corpo del cliente. Spesso questi due stili sono mescolati insieme e il risultato è un look individuale e nostalgico con elementi contemporanei.

FIV: La tua etichetta “Fräulein Valentine” è molto interessante e speciale. Come sei arrivata a disegnare moda anni ’50 e ’60 con il marchio “Fräulein Valentine”? Cosa ti ha ispirato a farlo?

Come detto sopra, sono affascinato e commosso dallo spirito degli anni ’50. Stavo cercando un prodotto che potesse essere facilmente offerto su internet senza che il cliente dovesse venire nel mio studio, e poi ho sviluppato un taglio che è fattibile, semplicemente usando le misure che i clienti mi mandano. Gli abiti sottoveste sono davvero un sogno per ogni donna e quasi ogni figura. Anche le donne che normalmente non indosserebbero mai un vestito amano i miei abiti.

FIV: Lei disegna anche abiti da sposa. Come possiamo immaginarlo? Qual è il processo quando una futura sposa viene nel tuo studio e vuole ordinare un abito da te? Quanto tempo ci vuole per disegnare un abito da sposa?

La maggior parte delle future spose ha già un’idea specifica del loro abito da sogno. Hanno già fatto un’odissea attraverso i vari negozi di moda nuziale e non vi hanno trovato nulla. Poi vengono da me e lavoriamo insieme al loro vestito individuale. Io disegno il disegno e cerchiamo i tessuti e i pizzi appropriati. Non importa cosa facciamo, la consultazione e le esigenze individuali della sposa sono immensamente importanti per me e danno informazioni preziose su come il design sarà poi. Forse la cliente vuole sposarsi all’aperto, forse ha dei figli o sta ancora allattando, forse ha un tema di colore particolare per il suo matrimonio o un amore speciale per un paese, forse non le piace mostrare le braccia ma sogna ancora un abito a corsetto ecc.

Dopo una consultazione dettagliata, vengono prese le misure e io creo il modello, poi il vestito viene tagliato e cucito in un tessuto di cotone economico. Questo vestito serve solo per visualizzare il design e controllare la vestibilità. L’abito viene provato e appuntato. Qualsiasi alterazione viene poi trasferita di nuovo sul modello e solo allora viene tagliato il tessuto originale. Anche per la prossima prova, il vestito non è ancora completo; si possono ancora fare dei cambiamenti. Passo dopo passo, si crea così l’abito da sogno per il giorno unico nella vita di una sposa.

Forse potete immaginare quanto lavoro ci vuole, a seconda del disegno ci vogliono diverse settimane per finire il vestito.

FIV: Dove presenti la tua moda e dove si possono acquistare le tue collezioni?

Espongo la mia moda nel mio negozio a Düsseldorf. Ho anche un negozio online, che potete raggiungere tramite la mia homepage.

FIV: Qual è stata la migliore esperienza nel suo lavoro finora?

Lavoro in proprio da così tanti anni e ho avuto così tante esperienze meravigliose che non posso nemmeno dire che ci sia “l’esperienza” più bella. Dal mio periodo alla scuola di moda, le tante sfilate che ti fanno salire le endorfine, all’apertura del mio studio e i tanti, tanti clienti i cui volti raggianti posso guardare ancora e ancora, non vedo l’ora di vivere i bei momenti che devono ancora arrivare.

FIV: Quali sono i suoi progetti per il suo futuro professionale? C’è qualcosa di speciale in arrivo?

Vorrei essere in grado di continuare il mio lavoro, a condizione di rimanere in salute. Ho intenzione di espandere ancora di più il settore della sposa e di essere più presente alle fiere e agli eventi anni ’50. Presto potrei essere in TV e su una bella piattaforma come Fashion Interview….

Grazie mille per l’intervista cara Anne-Marie!

Ulteriori informazioni sulla stilista Anne-Marie Morschek di Düsseldorf

Anne-Marie Morscheck Stilista di moda
DSigns& Miss Valentine
Friedenstrasse 66
40219 Düsseldorf

www.lookatdsigns.de