Maison Martin Margiela

Maison Margiela: scarpe, borse, profumi – Mito della moda

Maison Martin Margiela è uno dei marchi di moda più noti e innovativi. La moda dello stilista belga Martin Margiela ha scritto e continua a scrivere la storia attraverso un design insolito e decostruttivo. Tuttavia, c’è una cosa di cui l’etichetta fa a meno: il culto della personalità. Il successo del marchio si basa sulla sua moderazione. Perché il designer non si mette in primo piano. La strategia No Logo dell’azienda è altrettanto impressionante. L’anonimato dello stilista si riflette nei suoi abiti. Leggi qui la storia di un marchio che ha rivoluzionato il mondo della moda e che ha dovuto affrontare alti e bassi.

Rivoluzione anonima della scena della moda parigina

Nel 1988 lo studioso stilista belga Martin Margiela ha fondato la sua prima etichetta a Parigi. Con il nome di “Maison Martin Margiela”, il newycomer mira a rivoluzionare l’industria della moda commerciale e a far riflettere. Nello stesso anno, il 23 ottobre, il marchio ha presentato al talentuoso belga la prima collezione di prêt-à-porter femminile. Il successo della sfilata ha rapidamente influenzato il valore del marchio e nel tempo Martin Margiela è riuscito a farsi un nome nel monopolio della moda parigina. Nell’anno in cui l’etichetta ha finalmente aperto il suo primo negozio a Tokyo. Negli anni successivi, la Maison si è distinta soprattutto per il suo comportamento non convenzionale e non tipico del settore della moda. Dipendenti, boutique, capi stilisti, tutto doveva essere diverso dalle grandi case di moda come Dior, Chanel o Prada. Il senso di esclusività di Margiela e il suo design rischioso sono stati premiati nel 2006 quando la rinomata associazione di moda Chambre Syndicale de la Haute Couture ha accettato il marchio tra le sue fila. Margiela potrebbe ora presentare Haute Couture alla sfilata di moda di Parigi. Un’ulteriore pietra miliare nella carriera della Maison è il riconoscimento di membro a pieno titolo della comunità delle case di moda Haute Couture nel 2012.

Acquisizione e conseguenze

Tragicamente, il fondatore Martin Margiela non era più a capo del design del suo marchio al momento del premio. La società è stata rilevata dal Gruppo Diesel all’inizio del millennio e ha subito diversi cambiamenti. Diesel si aspettava più collezioni commerciali e un approccio più orientato al profitto. A seguito dei conflitti che ne sono derivati, Martin Margiela ha finalmente lasciato l’azienda nel 2009 e, dopo l’annuncio della perdita, un team interno anonimo di designer ha assunto la gestione dell’etichetta. Sebbene Margiela abbia espresso il desiderio di affidare la gestione al designer di moda del Belize Raf Simons, un team di designer che aveva già lavorato con Martin Margiela ha creato le collezioni fino al 2014. Dopo l’abdicazione di quest’ultimo, il presidente del Diesel Group Renzo Rosse ha nominato il controverso ex designer John Galliano direttore creativo della Maison Martin Margiela.

Nuovo direttore, nuovo nome

Dove diavolo è andato Martin? Nel 2009 il fondatore Martin Margiela ha lasciato l’azienda e ha aperto la strada a nuovi stilisti per entrare nel mondo della moda. Il nome Maison Martin Margiela era storia. Ma senza che nessuno se ne accorgesse, improvvisamente era solo Maison Margiela. Il processo strisciante del cambio di nome era prevedibile, ma non è stato comunicato pubblicamente. Non c’è stato né un annuncio ufficiale, né e-mail a giornalisti o riviste di moda. Per molto tempo dopo il cambiamento, riviste importanti come Vogue hanno continuato a riportare sulla Maison Martin Margiela. Il marchio si è anche distratto dal cambiamento nominando contemporaneamente il famigerato John Galliano come chief designer. L’attenzione è stata completamente focalizzata sul cambio di set in corsa, meno sulla M mancante nel nome. Il cambio di nome ricorda molto quello di Yves Saint Laurent. Il marchio di moda aveva rimosso pubblicamente l'”Ives” dal nome durante Hedi Slimane nel 2012.

FIV News >
Tendenze moda: Stile e abbigliamento per le giornate fredde

Martin Margiela: Hermés, Jean-Paul Gaultier, Maison Margiela

Nel 1957 nasce l’uomo che ha rivoluzionato il mondo della moda, voltando le spalle al design commerciale e creando invece una nuova immagine della moda attraverso la decostruzione e l’anonimato. Anche se il marchio si chiama ora solo “Maison Margiela”, è stato il belga Martin Margiela a rendere famosa l’azienda. Dopo aver completato gli studi alla Royal Academy of Fine Arts di Anversa nel 1981, Margiela era già percepita come un talento eccezionale. Prima che l’etichetta tradizionale Hermès lo notasse nel 1998 e lo nominasse capo stilista della moda femminile, Martin lavorava come stilista. La sua eccezionale visione della moda gli ha aperto la strada nelle più grandi case di moda del mondo. Su sua richiesta, il designer ha lasciato l’azienda dopo cinque anni e Jean-Paul Gaultier ha preso il suo posto. È interessante notare che Margiela è stata assistente di Jean-Paul Gaultier prima di lavorare per Hermé (1984-1987). Si potrebbe dire che il belga era un passo avanti al suo stesso capo. Nel 1988 ha finalmente fatto il grande passo e ha creato il suo impero della moda insieme a Jenny Meirens.

Maison Margiela, Designer Martin Margiela,

Maison Margiela, Designer Martin Margiela

Mostre

Oltre alle collezioni di alta moda, prêt-à-porter e commerciali, i capi del marchio si possono trovare nei musei e nelle mostre di tutto il mondo. Nel 2018 i due maggiori musei della moda parigini “Museé Galliera” e il “Museé des Arts Décoratifs” hanno dedicato una mostra a Martin Margiela, offrendo una panoramica dei guardaroba femminili più interessanti dello stilista (1989-2009). Il “Museé des Arts Décoratifs”, in particolare, si concentra sulla particolare espressione e sulle richieste del designer. Le opere dell’etichetta della Maison Martin Margiela sono state giustapposte alle opere realizzate da Margiela per Hermés tra il 1997 e il 2003. Questa interessante cura offre uno sguardo sulla psiche del designer e sulla sua sfaccettata creatività. Nel corso della sua carriera di designer, Martin Margiela si mostra come artista ed espone in vari contesti. La sua prima mostra d’arte ha avuto luogo nel 1997 al Museo Boijmans van Beuningen di Rotterdam.

Mostre a colpo d’occhio:

  • 1996: Margiela ha installato un “museo nel museo” nell’ambito della Biennale d’arte e moda di Firenze.
  • 1997: Mostra d’arte al Museo Boijmans van Beuningen di Rotterdam
  • 2001: Mostre della “Radical Fashion”, che è stata esposta al V&A Museum in London
  • 2018: Mostra “Museé Galliera” e il “Museé des Arts Décoratifs”

John Galliano: Givenchy, Dior, Maison Margiela

La decisione di nominare John Galliano Direttore Creativo della Maison Margiela sembrava facile, visto il suo impressionante portfolio. Tuttavia, egli è considerato una personalità controversa e controversa a causa di vari titoli negativi. L’uso di droghe e un’auto-rappresentazione estroversa lo rendono un argomento popolare sulla stampa. Tuttavia, i critici descrivono il sessantenne come uno dei designer più talentuosi di tutti i tempi.

FIV News >
Chanel - Sfilata di moda Highlights & Backstage Footage

Galliano è nato nel 1960 a Gibralta e gode di una vita spensierata. Nel 1988 si è diplomato alla Central Saint Martins School di Londra, dove ha studiato anche Alexander McQueen, e successivamente ha fatto una buona impressione con la sua prima collezione di moda. Appena un anno dopo ha presentato i suoi abiti sulle passerelle parigine e nel 1995 ha assunto la direzione della casa di moda Givenchy. A questo sono seguiti 11 anni come direttore creativo di Dior. Più recentemente, la Maison margiela ha reclutato lo spagnolo.

Scarpe, borsa, camicia: decostruzione e sartoria

Il marchio di fabbrica della Maison Margiela: un’etichetta bianca monocromatica attaccata con soli quattro punti. Aspetta, niente logo artistico e accattivante? Per niente, perché questo non sarebbe in linea con la filosofia e l’espressione dell’azienda. Ma questa non è l’unica deviazione dal tipico mercato della moda. La moda di Maison Margiela è diversa. È, in un certo senso, un’anti-moda. Tagli voluminosi, mondi di colori monocromatici, body alienating, tagli decostruttivi e materiali riciclati caratterizzano la moda del marchio. In breve: la Maison Margiela fa moda non convenzionale con influenze avanguardiste e decostruttiviste. I tagli vengono smontati e riassemblati in modo insolito o vengono utilizzate combinazioni di materiali inusuali. La decostruzione della moda diventa visibile in ogni capo. Le cose che normalmente non sono visibili vengono portate alla ribalta. A volte accade (intenzionalmente) che la vicinanza o il rivestimento di un top sia rivolto verso l’esterno.

Lo slancio della decostruzione non si trova solo nell’abbigliamento dell’etichetta, ma anche nel modo in cui viene presentata. Le modelle di una sfilata della Maison Margiela hanno i volti velati o segnati per togliere l’attenzione ai manichini e metterla completamente sui vestiti che indossano. Anche i volti delle modelle nelle foto vengono censurati. L’abbigliamento della Maison Margiela non è più solo moda, ma arte.

Maison Margiela ‘Défilé’ Co-ed Collezione Autunno-Inverno 2020

“Replica”: il profumo

L’odore di sigari e cocktail vaga per la stanza e rapidamente è chiaro che qualcuno ne indossa una copia. Replica, che significa copia o inganno, è una serie di otto diverse fragranze per uomini e donne. Il profumo è un riferimento alla collezione “Replica” di Martin Margiela e, secondo un esperto, descrive la “riproduzione di profumi e momenti familiari di luoghi e tempi diversi”. Non è però il primo profumo dell’etichetta di lusso. Già nel 2010, sotto la direzione dello stesso Martin Margiela, l’etichetta ha collaborato con L’Oréal e ha pubblicato il profumo unisex “senza titolo”. La serie Replica è seguita nel 2015.

Maison Margiela, marchio di moda, replica, profumo,

Maison Margiela “Replica” profumo, edizione “Jazz Club”

  • Presente Maison Margiela. Trovate altri prodotti interessanti, proprio come piacciono a voi.

Cooperazione: H&M e Co.

  • HM (2012): Linea mode
  • Loreal (2015): gamma di profumi replica

Il logo unico della Maison Margiela dà già un’idea della filosofia che sta alla base del marchio, inusuale per il mondo della moda. L’etichetta è attaccata con quattro punti, che permettono a chi la indossa di toglierla senza troppa fatica e quindi di rendere il capo anonimo. La reputazione del marchio non si basa solo sulla sua insolita concezione del design, ma anche sulla sua presentazione. Parola chiave del marchio Heritage. La Maison Margiela non mette in primo piano il designer, ma il marchio e tutto ciò che c’è dietro. La politica di comunicazione del marchio prevede la totale riservatezza e l’anonimato del designer. Martin Margiela non conduce quasi mai interviste e quando lo fa, parla nella forma del “noi”. In questo modo evita di costruire l’immagine necessaria e dà il suo apprezzamento alla sua squadra. Le collezioni sono una performance complessiva del team e così tutti i dipendenti appaiono in passerella dopo una sfilata di moda, raccolti in cappotti da medico. Il codice di abbigliamento dei dipendenti è una “blusa blanche”, una camicetta bianca che allude agli studi di alta moda del passato. Il logo, l’etichetta, gli abiti da lavoro e persino gli edifici, gli showroom e le boutique, così come i mobili, sono tutti in bianco. La Maison Margiela ha le sue origini in un contro-movimento della cultura delle celebrità degli anni ’90 e mostra un nuovo tipo di cultura aziendale, che dovrebbe far riflettere i consumatori.

FIV News >
Fotografia in bianco e nero: l'impostazione giusta per gli effetti speciali

Film e documentari sulla Maison Martin Margiela

Martin Margiela non si è mai fatto fotografare, non ha mai rilasciato interviste e non ha mai rivelato nulla della sua moda. Un mistero che ha spesso suscitato incomprensione e ammirazione nel mondo della moda. I segreti dello stilista sono stati esplorati dal 2017 sotto forma di vari documentari e film. “Noi Margiela” e “Con le sue parole” mostrano allo spettatore un materiale di Behind the Scenes impressionante. Il mistero di Martin Margiela viene risolto passo dopo passo.

Martin Margiela: “In His Own Words”

Prima della fine dell’anno, un documentario molto speciale aprirà una nuova prospettiva sullo stilista Martin Margiela per gli amanti delle modelle e i fan. Nel documentario “In his own words” lo stilista parla apertamente della sua comprensione della moda e di come la moda sia cambiata.

“Noi Margiela”: Documentario & Biografia

Anche se ogni persona attenta alla moda ha sentito il nome di Martin Margiela, si sa poco della persona che sta dietro all’impero della moda. Le interviste al designer sono molto rare e anche la sua apparizione pubblica è quasi inesistente. Il documentario “We Margiela” del 2017 fa luce sulla vita del fondatore, sulle sue strategie di design e sui suoi processi creativi. Rivela, ad esempio, che Margiela è una persona molto spontanea e attenta al rischio e che molti dei suoi progetti e delle sue idee si basano sul caso e sull’intuizione. Margiela, invece, pone delle aspettative sul suo istinto e segue la sua filosofia della moda.