La grande guida al divorzio – regolamento delle conseguenze, diritto alla pensione e processo di divorzio

Un divorzio consiste in molti passi importanti. Dall’anno di separazione all’istanza di divorzio e la perequazione delle pensioni alla data finale del divorzio. In tutti questi passi, ci sono cose importanti da considerare, come il giusto consulente legale, la forma corretta di domande e moduli, per permettere un divorzio liscio e veloce.

Procedura, costi e anno di separazione – tutti i fatti sul divorzio

Per molti, il divorzio è l’ultima risorsa. Tuttavia, ci sono molti fatti da sapere per rendere un divorzio il meno complicato e piacevole possibile per tutte le persone coinvolte. Noi, gli esperti di IHV, chiariamo quindi tutte le domande importanti affinché possiate affrontare il tema del divorzio con la necessaria competenza.

Il processo di divorzio – passo dopo passo verso il divorzio

Il tribunale della famiglia generalmente decide se un divorzio è amichevole o contenzioso. Se il divorzio è amichevole tra i due coniugi, la procedura di divorzio è molto semplice. Se l’anno di separazione è terminato, si deve decidere solo il divorzio e la perequazione della pensione, che di solito viene effettuata d’ufficio. In questo caso, un solo avvocato è sufficiente per entrambi i coniugi, il che fa risparmiare enormi costi di divorzio. Spesso un divorzio online è possibile anche per i coniugi, il che minimizza il tempo necessario e mantiene bassi i costi. Un divorzio amichevole può essere molto facilitato da un accordo di divorzio, che viene redatto dai coniugi già durante l’anno di separazione.

Se c’è un divorzio contestato, entrambi i coniugi sono obbligati a farsi rappresentare dai propri avvocati. Questo aumenta enormemente i costi del divorzio per entrambe le parti. I procedimenti nei divorzi contestati di solito richiedono più tempo di quelli nei divorzi amichevoli e comportano costi più elevati.

Scopri di più sul processo di divorzio!

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Se la data del divorzio è determinata dal diritto di famiglia, i coniugi devono presentarsi in tribunale con i loro rappresentanti legali nel caso di divorzi contestati o con un avvocato comune nel caso di divorzi amichevoli.

L’udienza di divorzio inizia con la cosiddetta chiamata al merito, durante la quale le parti e gli avvocati sono invitati in aula e il pubblico è escluso dal procedimento. Prima si controllano i dati personali e si dà un’occhiata al certificato di matrimonio. Il tribunale chiarisce poi la scadenza dell’anno di separazione e chiede se entrambi i coniugi considerano fallita l’unione civile e la vita coniugale. Se una delle parti non è convinta che il matrimonio sia finito, il tribunale chiede perché ed esamina il merito del caso. Tuttavia, se nessun tentativo di riconciliazione riuscito o un comportamento contraddittorio da parte del richiedente può essere provato, il divorzio può diventare definitivo. Infine, si discute la perequazione delle pensioni e le conseguenti questioni nei divorzi contestati. Una volta chiariti tutti i punti rilevanti, viene emessa la sentenza di divorzio. A tal fine, il pubblico viene ristabilito e il tribunale pronuncia la sentenza sia sul divorzio che su eventuali questioni consequenziali. Con questo passo, il divorzio è legalmente vincolante.

  • Il tribunale della famiglia decide se si tratta di un divorzio amichevole o contestato
  • Questo fatto influenza il processo e i costi del divorzio

Divorzio con un anno di separazione – i fatti più importanti

Il matrimonio e la famiglia sono considerati una delle istituzioni sociali più importanti nel sistema giuridico. L’anno di separazione ha quindi lo scopo di avere un effetto preventivo contro decisioni eventualmente sbagliate, puramente emotive e solo temporanee che potrebbero essere rimpiante a posteriori. Anche se l’anno di separazione è visto da molte coppie sposate come una molestia o un puro peso, l’intenzione dietro il regolamento è chiara: rivedere ed eventualmente rivedere la decisione nel tempo dato. Inoltre, il tempo è utile per occuparsi di alcune questioni importanti per l’ulteriore corso del divorzio. Anche se c’è l’obbligo di provare che l’anno di separazione è stato completato, non è possibile chiedere al tribunale l’inizio dell’anno o farlo autenticare. Ha quindi senso registrare l’inizio dell’anno per iscritto.

Un accorciamento o addirittura un’omissione completa dell’anno di separazione può essere portato solo da una decisione di rigore del tribunale secondo il § 1565 paragrafo 2. Un esempio di tale decisione può essere l’estrema violenza domestica, che il tribunale classifica come undue hardship.

I tentativi di riconciliazione durante l’anno di separazione sono certamente permessi. Tuttavia, questi sono soggetti ad alcune linee guida. I tentativi di riconciliazione che non durano più di tre mesi non portano all’interruzione dell’anno di separazione. Il tempo durante il quale la separazione è stata interrotta conta quindi per i 12 mesi dell’anno di separazione. Per tutti i tentativi che vanno oltre i tre mesi, il tribunale della famiglia presume che i coniugi si siano riavvicinati. La coppia ha anche la possibilità di ritirare la richiesta di divorzio entro quest’anno. Se il divorzio deve ancora essere effettuato dopo questo, deve essere presentata una nuova istanza di divorzio e l’anno di separazione ricomincia da capo.

  • Per divorziare, una coppia deve passare attraverso un anno di separazione
  • L’anno di separazione è soggetto ad alcune regole che sono stabilite dalla legge

L’accordo di divorzio – custodia, mantenimento e divorzio amichevole

Tutte le questioni riguardanti il matrimonio e il divorzio possono essere regolate in un accordo di divorzio. In generale, questo accordo regola come i beni comuni, i figli comuni o cose simili devono essere trattati dopo il divorzio. Si cerca di chiarire in anticipo tutti i punti che vengono normalmente risolti durante il divorzio per rendere il divorzio il più semplice possibile. Un accordo post-divorzio include quindi cose come il mantenimento. Qui, sia il mantenimento della separazione per il periodo dalla separazione al divorzio che il mantenimento coniugale post-matrimoniale per il periodo dopo il divorzio può essere regolato.

L’accordo di divorzio regola anche la custodia dei figli comuni, il loro mantenimento e, se necessario, il diritto di visita per il genitore non affidatario. Inoltre, l’accordo di divorzio specifica come devono essere trattati i beni comuni, come la casa comune o gli effetti domestici. Altri punti possibili di un accordo di divorzio sono gli accordi sulla perequazione dei guadagni, l’esclusione del regime patrimoniale legale della comunità dei guadagni e l’accordo sulla separazione dei beni, la rinuncia al diritto all’eredità e il diritto a una parte obbligatoria e la continuazione del nome comune della famiglia.

  • L’accordo di divorzio aiuta a chiarire un divorzio consensuale in modo rapido e senza complicazioni.
  • Nell’accordo, varie questioni possono essere risolte tra i coniugi prima della data del tribunale

L’adeguamento dei diritti pensionistici – procedura dopo il divorzio

I diritti alla pensione sono diversi per la maggior parte delle coppie sposate. Questo fatto è dovuto al fatto che uno dei coniugi non ha lavorato per un certo periodo di tempo a causa della crescita dei figli, era disoccupato o era impiegato nel settore pubblico. Per compensare questa differenza, c’è la perequazione delle pensioni, che ha lo scopo di assicurare ad entrambi i coniugi una buona sicurezza per la vecchiaia. Tuttavia, viene presa in considerazione solo la pensione guadagnata durante il periodo del matrimonio. La pensione guadagnata viene divisa nel divorzio in modo che entrambi i coniugi lascino il matrimonio con lo stesso importo.

Poiché solo i diritti alla pensione acquisiti durante il matrimonio sono inclusi nella perequazione delle pensioni, il periodo del matrimonio è decisivo per l’importo della perequazione. Il periodo di matrimonio è valido dall’inizio del mese in cui il matrimonio è stato concluso fino alla fine del mese che precede la notifica della richiesta di divorzio. Se la durata del matrimonio è inferiore a tre anni, nel divorzio non si deve procedere alla perequazione delle pensioni, a meno che uno dei coniugi non insista.

Anche i diritti pensionistici acquisiti durante il periodo di separazione sono inclusi nella perequazione delle pensioni. Tuttavia, se il periodo di separazione è insolitamente lungo, può essere giustificato in certe circostanze calcolare la perequazione delle pensioni solo per il periodo dal matrimonio fino alla separazione. Nessuna perequazione delle pensioni può essere approvata dal tribunale solo nei divorzi con cattiva condotta speciale. Questo caso si verifica quando un coniuge ha minacciato o ferito l’altro in modo massiccio.

  • L’adeguamento dei diritti pensionistici regola i diritti pensionistici dei coniugi.
  • Il periodo di matrimonio è decisivo per l’ammontare della perequazione delle pensioni

Diritto alla pensione – dividere la pensione dopo il divorzio

A prima vista, la perequazione delle pensioni è giusta per entrambe le parti, ma in pratica rivela solo problemi che i coniugi devono affrontare. Diventa particolarmente problematico per le coppie sposate che divorziano solo in età avanzata. Dove entrambi i partner insieme erano ben assicurati per la vecchiaia, dopo il divorzio si ritrovano spesso con solo due famiglie povere. Se un divorzio viene finalizzato in giovane età, entrambe le parti hanno ancora la possibilità di integrare le loro pensioni continuando a lavorare, mentre le coppie più anziane spesso affrontano la rovina finanziaria. Invece di una divisione schematica, può quindi essere spesso più favorevole per le coppie anziane se una parte mantiene i diritti pensionistici e li scambia con altri beni, come una proprietà. Quindi la legislazione qui non è del tutto ottimale, poiché non offre a tutti le stesse opportunità e può essere inevitabilmente difficile, soprattutto per le coppie più anziane.

  • Il diritto alla pensione può anche essere regolato separatamente dall’adeguamento dei diritti alla pensione.
  • In certi casi, i diritti sono divisi più equamente che nel caso della perequazione delle pensioni.

Beni immobili nel divorzio – come gestire i beni comuni

Se due persone contraggono matrimonio senza un contratto di matrimonio, vivono in una comunità di guadagno secondo la legge. Un guadagno è definito come l’importo di cui il patrimonio finale di un coniuge supera il patrimonio iniziale. Durante il matrimonio, i due beni rimangono quindi separati, e al momento del divorzio c’è una perequazione dei guadagni maturati dei beni. Ogni coniuge dovrebbe quindi uscire dal matrimonio con la stessa quantità di guadagni maturati.

Se solo uno dei coniugi è registrato nel registro fondiario come proprietario della proprietà, la proprietà appartiene solo a questo coniuge anche dopo il divorzio. Durante il periodo di separazione, il tribunale può anche assegnare la proprietà al non proprietario per l’uso, ma solo se questo coniuge non può trovare un appartamento accessibile per se stesso e i figli comuni. Tuttavia, questo non cambia la proprietà della proprietà. Tuttavia, una proprietà ha anche conseguenze finanziarie nella perequazione dei guadagni.

Un immobile acquistato, costruito o ampliato o modernizzato durante il matrimonio rappresenta un aumento di valore ed è quindi rilevante per la perequazione degli utili. Una proprietà ereditata o che faceva già parte della proprietà prima del matrimonio conta per la perequazione dei guadagni solo se è stata modernizzata o ampliata durante il matrimonio. Durante il divorzio, però, il proprietario non può semplicemente fare ciò che vuole con la proprietà. Se il divorzio o la procedura di perequazione del treno separato non sono ancora terminati, quest’ultimo ha bisogno del consenso dell’ex-partner per la vendita, per esempio.

Se la proprietà appartiene ai coniugi in modo uguale o anche proporzionale, diventa difficile in caso di divorzio, perché la questione di come procedere con la proprietà comune dopo il divorzio non è sempre facile da rispondere. Chi potrà vivere nella proprietà, sarà venduta o continuerà ad essere finanziata? Questo problema deriva dal fatto che con il divorzio, la comproprietà non finisce allo stesso tempo. I coniugi divorziati sono quindi ancora congiuntamente responsabili della proprietà dopo il divorzio.

  • Il modo in cui i beni immobili sono trattati dopo il divorzio dipende dall’iscrizione nel registro fondiario
  • A seconda della voce, si seguono diverse procedure con i beni

Mantenimento dopo il divorzio – le norme più importanti

La manutenzione viene pagata solo a chi ne ha bisogno. Questo significa non essere in grado di mantenersi con il proprio reddito e i propri beni. Tuttavia, il coniuge bisognoso deve cercare attivamente di trovare un’occupazione remunerativa adeguata per richiedere il mantenimento. È considerato appropriato se corrisponde all’educazione, all’età, alle capacità e alle condizioni di salute. Se il coniuge che riceve gli alimenti si trasferisce con un nuovo partner, il diritto agli alimenti può decadere secondo la sezione 1579 n. 2 BGB.

La manutenzione è pagata solo da coloro che sono in grado di pagare. Questo significa essere in grado di pagare gli alimenti senza mettere in pericolo il proprio adeguato sostentamento. Il coniuge che paga gli alimenti deve quindi mantenere sempre una franchigia. Secondo la Düsseldorfer Tabelle, i bisogni personali mensili senza necessità personali ammontano a 1.200 euro.

L’ammontare del mantenimento post-matrimoniale è sempre determinato equamente da entrambi i coniugi. In primo luogo, viene calcolato il reddito rilevante per il mantenimento. Le tasse, i contributi di sicurezza sociale, le applicazioni professionali ragionevoli di un tasso forfettario del 5% e le spese effettive per la previdenza di vecchiaia fino al 23% del reddito lordo sono dedotte dal reddito lordo. Se il coniuge paga il mantenimento dei figli, anche questo deve essere dedotto. Di questo importo, un tasso forfettario di tre settimi, cioè poco meno del 43%, è dedotto come mantenimento post-matrimoniale se l’altra persona non esercita un’attività lucrativa. Tuttavia, la persona obbligata a pagare gli alimenti deve poter conservare un importo minimo di 1.200 euro come franchigia.

Più sul tema del mantenimento del divorzio!

  • Ci sono diverse forme di mantenimento in caso di divorzio
  • L’importo è calcolato sulla base di vari fattori

Il cambio di nome dopo il divorzio – le opzioni per i coniugi e i figli comuni

Per cambiare il cognome dopo un divorzio, il matrimonio deve essere legalmente divorziato. Un divorzio definitivo è quando non è possibile un ulteriore appello contro la sentenza di divorzio. Per garantire questo, entrambi i coniugi devono rinunciare al loro diritto di appello all’udienza di divorzio o nessuno dei due coniugi deve opporsi alla sentenza di divorzio attraverso un avvocato entro un mese. Sulla sentenza di divorzio, la validità giuridica del divorzio è documentata dal tribunale per mezzo di una notazione di effetto giuridico. Per ottenerlo, la sentenza di divorzio notificata dopo il divorzio deve essere inviata di nuovo al tribunale con la richiesta della nota di res judicata. Solo allora il documento sarà considerato un divorzio legalmente valido e utilizzabile per il cambio di nome.

Il cambio di nome può essere effettuato dopo il divorzio presso l’ufficio anagrafe competente, dato che qui si tiene il registro di famiglia. Alcuni documenti sono necessari per questo. Da un lato, la sentenza di divorzio con il decreto finale, una carta d’identità o un passaporto e, se del caso, una copia autenticata del registro del matrimonio se la persona interessata si è trasferita dopo il matrimonio. Se tutti questi documenti sono disponibili, il cambio di nome può essere effettuato direttamente sul posto. L’ufficio del registro richiede un importo di circa 25 euro per la tassa di certificazione e autenticazione. Inoltre, ci sono costi per emettere o cambiare documenti importanti, come la carta d’identità, il passaporto, le carte di credito o la patente di guida.

  • Il cambio di nome è possibile per i coniugi dopo l’arbitrato senza problemi
  • Il cambio di cognome può essere fatto all’ufficio del registro