La grande guida all’eredità – Sussidi, tasse di successione e le informazioni più importanti

L’eredità è un argomento complesso con il quale molti si confrontano completamente impreparati. Al fine di fare piena luce sull’argomento, noi, gli esperti di IHV, spieghiamo tutte le questioni importanti che circondano l’eredità.

L’eredità – il testamento, l’imposta di successione e la parte obbligatoria

Senza un testamento, il patrimonio viene distribuito secondo le regole della successione intestata. Tuttavia, questo non è sempre nell’interesse del testatore. Se esiste un testamento, i beni possono essere distribuiti diversamente da quanto previsto dalla legge e possono ereditare anche persone non legate da vincoli di sangue. La stesura di un testamento è quindi importante non solo per regolare con precisione le ultime volontà, ma anche per evitare controversie all’interno della famiglia. Scoprite tutto su testamenti ed eredità dagli esperti di IHV.

Lasciare in eredità correttamente durante la vita – i testamenti e le conseguenze legali

Senza un testamento, il patrimonio viene distribuito secondo le regole della successione intestata. Tuttavia, questo non è sempre nell’interesse del testatore. Se esiste un testamento, i beni possono essere distribuiti diversamente da quanto previsto dalla legge e possono ereditare anche persone non legate da vincoli di sangue. La stesura di un testamento è quindi importante non solo per regolare con precisione le ultime volontà, ma anche per evitare controversie all’interno della famiglia.

Un testamento annulla la successione legale e può quindi stabilire una nuova successione. Chi deve ereditare è determinato dal testatore. Se sono nominate più persone, i beni sono di solito divisi secondo le quote. Scrivere un testamento dà anche al testatore la possibilità di lasciare cose individuali a persone specifiche, come un’auto, gioielli o beni immobili. Tuttavia, questi non sono legalmente considerati come un’eredità, ma come un’eredità. Per evitare controversie sull’eredità, l’eredità può essere distribuita in un testamento in modo tale che non possano sorgere controversie.

Se non c’è un testamento e una proprietà fa parte del patrimonio, diventa proprietà degli eredi. Nella maggior parte dei casi, si forma una comunità di eredi in cui nessuno può disporre da solo dell’eredità. Quando una tale proprietà viene venduta, tutti gli eredi devono essere d’accordo. Questo fatto può spesso portare a controversie all’interno della comunità degli eredi. Inoltre, i costi di un testamento autenticato sono di solito solo la metà dei costi della procedura di successione che gli eredi affrontano se non esiste alcun testamento. In un testamento, l’ultima volontà sulla proprietà può essere regolata con precisione e si risparmiano dispute e costi superflui per tutte le parti coinvolte.

FIV | Magazine

New Issue! #26 with San Diego Pooth - Newcomer now in Tampa / USA FIV Magazine: All Covers

Pre-erede e post-erede – compiti, doveri e diritti

Il testatore è libero di determinare gli eredi e può quindi trasferire i suoi beni a più persone in modo scaglionato nel tempo. Di conseguenza, l’erede successivo riceve la sua eredità solo dopo che un’altra persona, in questo caso l’erede precedente, ha ereditato. Il testatore può, per esempio, scegliere un’occasione o un momento in cui la successione avrà luogo, come il raggiungimento della maggiore età o il superamento dell’esame di maestro.
Gli eredi precedenti e successivi sono entrambi successori legali del testatore, ma non formano una comunità di eredi in cui erediterebbero allo stesso tempo, ma piuttosto ereditano in tempi scaglionati a causa dell’istigazione del testatore. L’erede successivo ha un diritto di aspettativa alla successione e quindi, quando avviene la successione, l’eredità dell’erede precedente si estingue, quest’ultimo cessa di essere erede e l’eredità va all’erede successivo. Nel caso in cui l’erede successivo sia già deceduto al momento della successione, il testatore dovrebbe prendere precauzioni e nominare altri eredi successivi.

I pre-eredi sono anche chiamati “eredi temporanei”. A seconda dell’interpretazione del testamento, i pre-eredi hanno solo certi poteri di disposizione sul patrimonio e sono quindi abbastanza limitati in quello che possono fare. Inoltre, l’imposta di successione ricade sempre sui pre-eredi all’inizio, poiché solo loro sono legalmente nominati come eredi e quindi sopportano le conseguenze fiscali.

Indennità di successione – Imposte di successione e donazioni

Al fine di proteggere gli eredi da un grande onere finanziario, si applicano diverse aliquote fiscali e indennità a seconda del grado di parentela. Queste indennità includono varie cose che non devono essere tassate in modo che gli eredi non debbano pagare la maggior parte come tasse, specialmente nel caso di un grande patrimonio.
Gli assegni pensionistici sono dovuti se il partner o i figli dipendevano dal sostegno finanziario del defunto. Per i coniugi, l’indennità di pensione è di 256.000 euro a condizione che il coniuge superstite non abbia una pensione vedovile o professionale non soggetta all’imposta di successione. Per i bambini, si applicano degli assegni pensionistici che sono graduati secondo l’età del bambino al momento del decesso. I bambini fino a 5 anni hanno diritto a un assegno pensionistico di 52.000 euro. A partire da questo punto, l’assegno pensionistico diminuisce di circa 10.000 euro ogni cinque anni. I figli tra i 20 e i 27 anni possono quindi richiedere un assegno pensionistico di 10.300 euro, ma questi assegni sono rilevanti solo se i figli non hanno una pensione propria, come una pensione per orfani.

Le altre indennità, oltre alle indennità di rendita, sono regolate secondo il grado di parentela e sono indipendenti dalle rendite per i superstiti esistenti o dal patrimonio proprio. Di conseguenza, i coniugi e i partner registrati ereditano una franchigia di 500.000 euro. I figli del defunto o i nipoti del defunto, se i loro genitori muoiono prima dell’eredità, possono richiedere un’indennità di 400.000 euro. I nipoti i cui genitori sono ancora in vita possono richiedere sgravi fiscali per 200.000 euro. Per i pronipoti o gli stessi genitori del defunto, si applicano indennità di 100.000 euro. Tutti gli altri eredi possono richiedere indennità esentasse di 20.000 euro. Per assicurarsi di dover pagare meno tasse possibili al momento dell’eredità, il testatore può prendere decisioni importanti molto prima della morte e determinarle nel testamento.

Imposta di successione e doni – tutte le informazioni importanti

L’imposta di successione e l’imposta sulle donazioni sono strettamente legate. Quasi le stesse agevolazioni si applicano come nel caso della successione, tuttavia, le agevolazioni date in dono possono essere lasciate esenti da imposte solo una volta in dieci anni. I testatori che desiderano ridurre l’imposta di successione per i loro eredi devono quindi iniziare a donare i loro beni dieci anni prima della loro morte. Nel caso di famiglie patchwork, questo regolamento significa che può avere senso adottare i figli del coniuge per rendere gli importi esentasse uguali a quelli dei figli biologici. L’adozione non influisce sulla successione all’altro genitore biologico.

Oltre agli sgravi fiscali, ci sono anche beni che sono esenti da imposte. Per i parenti stretti nella classe fiscale I, i beni mobili come gli effetti domestici o simili oggetti di uso quotidiano sono considerati esenti da imposte se non superano un valore di 42.000 euro. Per tutti gli altri eredi si applica un valore di 12.000 euro. Se le opere d’arte, gli archivi o le biblioteche fanno parte dell’eredità, sono generalmente esenti da tasse al 60%. Se l’eredità include un edificio in cui vive uno degli eredi, anche questo può essere esentato dalle tasse.

La parte obbligatoria dell’eredità – diseredazione, testamento e contratto di eredità

In linea di principio, ognuno è libero di decidere chi nominare come erede e chi diseredare. Il testatore non deve giustificare nel suo testamento perché esclude un parente dalla successione. Tuttavia, un’esclusione non significa che l’erede non riceve nulla, perché ogni erede ha diritto a una parte obbligatoria. Questa richiesta deve essere richiesta dall’erede stesso, perché queste richieste di porzioni obbligatorie non sono annotate nel certificato di eredità. Se un testatore designa una persona come unico erede, questo significa da un lato che questa persona da sola eredita l’intero patrimonio, ma anche che non deve ereditare nessun altro che avrebbe effettivamente diritto all’eredità.

Le coppie sposate possono diseredare congiuntamente i parenti stretti in un contratto di eredità o in un testamento di Berlino. In una forma classica del testamento di Berlino, i coniugi stabiliscono che il partner più longevo sarà l’unico erede e che i figli erediteranno solo quando entrambi i coniugi saranno morti. I genitori diseredano così i loro figli fino alla morte di entrambi. Se qualcuno viene diseredato, la parte dell’eredità che sarebbe andata a questo erede va alla persona che sarebbe diventata l’erede se la persona diseredata fosse già morta al momento dell’eredità.

Sistemare l’eredità – comunità di eredi e successione intestata

Idealmente, gli eredi di una comunità di eredi pagherebbero rapidamente qualsiasi debito dal patrimonio e poi scioglierebbero la comunità di eredi distribuendo il surplus secondo le quote. Tuttavia, questa spesso non è la realtà. Le controversie all’interno della comunità degli eredi spesso fanno sì che rimangano irrisolte per anni dopo l’eredità. Ogni membro di tale comunità di eredi ha il diritto di chiedere lo scioglimento in qualsiasi momento, anche senza una buona causa.
Per far sì che una comunità di eredi possa essere sciolta senza controversie, è consigliabile seguire alcuni passi. Dalla corretta valutazione dell’eredità alle tasse di successione, ci sono importanti formalità da osservare.

  • Determinare il patrimonio

    Una comunità di eredi non può essere divisa fino a quando l’eredità non è stata determinata. Gli eredi ricevono la maggior parte delle informazioni dalla banca dove il defunto aveva i conti o i depositi. Per accedervi, è necessario un certificato di eredità o un testamento con un protocollo di apertura ordinato dal tribunale. Tuttavia, anche i debiti fanno parte del patrimonio. Per determinare completamente il patrimonio, i debiti e i beni devono essere confrontati e riconciliati.

  • Pagare i debiti dell’eredità

    I debiti dell’eredità possono essere pagati dagli eredi della comunità degli eredi dall’eredità. Non è raro che gli oggetti che appartengono all’eredità siano venduti a questo scopo, come i beni immobili o i terreni.

  • Le donazioni e i doni tengono conto di

    Se un erede ha ricevuto regali o donazioni dal defunto durante la sua vita, questi possono essere soggetti a perequazione. Le donazioni soggette a perequazione aumentano l’eredità in modo aritmetico e sono detratte dalla quota ereditaria del donatario. Ogni erede può chiedere informazioni agli altri su tali doni in modo che siano presi in considerazione correttamente.

  • Vendere gli oggetti indivisibili

    Se una vera divisione non è possibile per certi oggetti, come una proprietà nella comunità degli eredi, gli eredi potrebbero dover vendere questo oggetto o farlo pignorare. Per fare questo, bisogna prima determinare un prezzo di vendita realistico. Se non si raggiunge un accordo in questo caso, un’asta di divisione può essere avviata da uno degli eredi.

  • Distribuire gli oggetti divisibili

    L’eredità deve essere principalmente divisa in natura dagli eredi. Ogni erede può quindi prendere per sé i beni dell’eredità in accordo con gli altri eredi. Il denaro e i titoli possono essere divisi dalla comunità degli eredi secondo le loro rispettive quote.

  • I servizi di assistenza prendono in considerazione

    Se un figlio si è preso cura del genitore deceduto senza compenso durante la sua vita, si può chiedere un risarcimento per questo. Questo deve essere adeguato alla durata, alla portata e al valore dell’eredità.

  • Il notaio aiuta

    Se un accordo non può essere raggiunto, un notaio può essere chiamato dalla comunità degli eredi. Il notaio fa da mediatore tra gli eredi per raggiungere un accordo il più rapidamente possibile. Tuttavia, bisogna tener presente che tale assistenza è associata ad alcuni costi.

  • Considera l’ufficio delle imposte

    L’imposta di successione è sempre dovuta su un’eredità. Tuttavia, alcune cose dell’eredità possono essere dedotte dall’imposta, come i costi del funerale o le tasse per l’apertura del testamento.

Successione legale – questo è il modo in cui si eredita secondo la legge

La successione legale regola sia l’ordine degli eredi che i singoli importi che vengono ereditati. Prima i parenti più vicini, come figli e nipoti, ereditano e poi i parenti più lontani, come i nipoti. I parenti più stretti generalmente escludono i parenti più lontani dalla successione. La proporzione in cui i singoli eredi ereditano è documentata nel certificato di eredità. La successione legale si basa sul sistema del parantel o dell’ordine. Divide i parenti in diversi ordini. Di conseguenza, i figli e i nipoti del defunto appartengono al primo ordine. I genitori, i fratelli e le sorelle, i nipoti del defunto appartengono al secondo ordine. Il terzo ordine comprende i nonni, gli zii e le zie e i cugini del defunto. I coniugi e i partner registrati non sono considerati parenti, ma hanno il diritto di eredità come i coniugi. Questo dà loro uno status speciale e limita il diritto dei parenti ad ereditare. I parenti dell’ordine precedente escludono sempre i parenti di un ordine successivo dalla successione.

Per saperne di più sulla successione legale!

L’asta di divisione in comunità di eredi – i costi e la procedura

Oggetti come beni immobili o terreni danno spesso luogo a controversie nelle comunità di eredi. Le idee su come procedere con la proprietà comune sono troppo diverse e i partecipanti non riescono a mettersi d’accordo. Ogni erede ha il diritto di esigere in qualsiasi momento la divisione della comunità degli eredi e quindi forzare il suo scioglimento. In tal caso, un’asta di divisione può essere l’ultima risorsa per risolvere le controversie e sciogliere la comunità degli eredi.

Eredi senza testamento – a seconda del grado di parentela

Anche se il coniuge o il partner registrato non è considerato un parente nella successione legale, ha una posizione speciale. Se il defunto lascia sia un coniuge che dei figli, il coniuge eredita la metà del patrimonio e i figli l’altra metà. Se ci sono più di tre figli, però, il coniuge riceve solo un quarto e i figli dividono il resto tra di loro. Se ci sono solo parenti di secondo ordine o nonni, il coniuge riceve la metà del patrimonio e i parenti di secondo e terzo ordine si dividono l’altra metà. Se non ci sono parenti del primo, secondo o terzo ordine, il coniuge eredita tutto.

Eredi di primo ordine – figli e nipoti

I figli e i nipoti del defunto sono inclusi nel primo ordine. Anche i figli non sposati nati dopo il 1° luglio 1949 hanno diritto all’eredità. Se un figlio del defunto e il coniuge sono vivi al momento della morte, entrambi ereditano la metà. Se ci sono più figli in vita, l’eredità viene divisa tra loro e il coniuge. Se i figli del defunto sono già deceduti, i nipoti ereditano.
Spiegato con un esempio: se il defunto lascia sua madre, il suo coniuge, 2 figli con due nipoti ciascuno e un figlio defunto con un nipote, risulta la seguente successione. La madre non ha diritto all’eredità, poiché appartiene al secondo ordine e ci sono eredi del primo ordine. Il coniuge e i due figli vivi ereditano in parti uguali. Il nipote del figlio deceduto prende il posto del genitore nella successione e quindi eredita in parti uguali con i due figli vivi e il coniuge. Anche i nipoti dei figli viventi non ereditano.

Eredi di secondo ordine – genitori e fratelli

Se non ci sono figli o nipoti, gli eredi del secondo ordine ereditano. Il secondo ordine comprende genitori, fratelli e sorelle, nipoti. Se entrambi i genitori del defunto sono vivi al momento della morte, il patrimonio viene diviso a metà. Tuttavia, se un genitore è già deceduto, i discendenti di questo genitore, cioè fratelli o nipoti del defunto, prendono il loro posto.
Spiegato con un esempio: il testatore lascia sua madre, una sorella con due figli, un nipote del fratello defunto e una sorellastra dal secondo matrimonio del padre. L’eredità è quindi distribuita come segue: Una metà del patrimonio va alla linea della madre e l’altra alla linea del padre. Poiché la madre è ancora viva, riceve la metà dell’eredità. Poiché il padre è già deceduto, la sua eredità passa ai suoi figli. In questo caso, alla sorella, al fratello defunto e quindi al nipote del defunto e alla sorellastra del secondo matrimonio. Questi tre si dividono l’altra metà dell’eredità. I figli della sorella ancora in vita non ereditano.

Eredi di terzo ordine – nonni e zii

Se il defunto lascia solo eredi del terzo ordine, l’eredità si divide come segue. L’eredità del defunto spetta ai nonni e ai loro discendenti. Se un nonno è già morto, l’eredità spetta anche alle zie, agli zii, ai cugini del defunto.
Spiegato con un esempio: se il testatore lascia solo la nonna e una zia con due figli, essi ereditano come segue. La nonna riceve la metà del patrimonio. Poiché il nonno è già morto, i suoi discendenti ereditano la sua parte. In questo caso, la zia eredita quindi l’altra metà del patrimonio. Tuttavia, i due figli non ereditano.

Ereditare i debiti – forma e scadenze

Disconoscere l’eredità richiede alcune regole. Informare semplicemente la famiglia o non reagire all’eredità non è sufficiente. La forma è molto cruciale. L’erede deve fare una dichiarazione di rinuncia al tribunale per il testamento o sotto forma di un documento scritto o in una forma certificata pubblicamente. Tuttavia, una semplice lettera non è sufficiente. È possibile anche un’apparizione personale davanti al tribunale. Lì, l’erede spiega la sua richiesta e un ufficiale giudiziario la registra per iscritto. Il tribunale distrettuale nel cui distretto il defunto aveva la sua ultima residenza è responsabile. Tuttavia, non solo la forma è decisiva per il successo del disclaimer, ma anche il contenuto e la scadenza della dichiarazione. La dichiarazione deve indicare chiaramente perché l’eredità non deve essere accettata. Le ragioni dovrebbero essere elencate chiaramente. Questo può includere, per esempio, che l’eredità consiste principalmente di debiti.

La dichiarazione è soggetta al cosiddetto periodo di sei settimane. Se l’eredità non vuole essere accettata, la dichiarazione corrispondente deve essere presentata al tribunale competente entro sei settimane, altrimenti l’eredità è considerata accettata.
In generale, il tribunale per il testamento non ha il dovere di portare. Gli eredi vengono informati dell’eredità solo se c’è un testamento o se succedono all’eredità perché, per esempio, qualcun altro ha già rinunciato all’eredità. In tutti gli altri casi, si presume che gli eredi sappiano se ereditano o meno qualcosa da un membro della famiglia deceduto.

Più sul tema dei debiti in eredità!

Rinuncia all’eredità – le scadenze, i costi e le informazioni più importanti

L’eredità non riserva sempre e solo cose buone ai discendenti. Anche se molti sognano ricchezze e gioielli costosi, anche i debiti o gli immobili fatiscenti possono far parte del patrimonio. In questi casi, è possibile rinunciare all’eredità entro un certo periodo di tempo e nel rispetto di certi criteri.

Disconoscere l’eredità richiede alcune regole. Informare semplicemente la famiglia o non reagire all’eredità non è sufficiente. La forma è molto cruciale. L’erede deve fare una dichiarazione di rinuncia al tribunale per il testamento o sotto forma di un documento scritto o in una forma certificata pubblicamente. Tuttavia, una semplice lettera non è sufficiente. È possibile anche un’apparizione personale davanti al tribunale. Lì, l’erede spiega la sua richiesta e un ufficiale giudiziario la registra per iscritto. Il tribunale distrettuale nel cui distretto il defunto aveva la sua ultima residenza è responsabile. Se il defunto è tedesco ma aveva la residenza all’estero, è competente il tribunale distrettuale di Berlino-Schöneberg. C’è un regolamento speciale nel Baden-Württemberg. In questo stato federale, l’ufficio notarile statale è il vostro contatto.

Tuttavia, non solo la forma è molto decisiva per il successo del disclaimer, ma anche il contenuto e la scadenza della dichiarazione. La dichiarazione deve indicare chiaramente perché l’erede non vuole accettare l’eredità. Le ragioni dovrebbero essere elencate chiaramente. Questi possono includere, per esempio, che l’eredità consiste principalmente di debiti. La dichiarazione è soggetta al cosiddetto periodo di sei settimane. Se l’erede non vuole accettare l’eredità, la dichiarazione corrispondente deve essere presentata al tribunale competente entro sei settimane, altrimenti l’eredità è considerata accettata. Si presume che la data limite sia il giorno in cui siete venuti a conoscenza dell’eredità, che di solito coincide con il giorno della morte. Il termine è prorogato solo in alcuni casi eccezionali. Per esempio, se il defunto o l’erede stesso è all’estero al momento della morte, il termine di sei settimane può essere posticipato.