Avatar digitali nella pubblicità: la realtà virtuale nelle campagne – Stephan Czaja (Manager) in intervista

Avatar digitali nella pubblicità – In tutto il mondo ci sono solo 3 grandi creatori di avatar digitali (o influencer virtuali, modelli). Ma chi è che fa i primi avatar virtuali, qui in Europa? Abbiamo incontrato Stephan Czaja, manager di Zoe ed Ella, i primi avatar VR e attualmente visti nella campagna di Buffalo London. Parliamo con lui del nuovo fenomeno del marketing! Come viene accolta la realtà virtuale nella pubblicità? Come stanno reagendo i marchi? L’intervista.

Avatar e campagne digitali: Prodotto in Europa

La più grande influencer virtuale Lil’ Miquela è in testa, con milioni di persone che la seguono su Instagram. Shudu era sulla copertina di Harper’s Bazaar. Zoe è stata solo la prima modella virtuale alla settimana della moda di Berlino. Ella è attualmente nella prima campagna di diversità di Buffalo. Si legge sempre più spesso che “i modelli digitali stanno prendendo il sopravvento sulle passerelle”. Ora incontriamo l’uomo che fa campagne e spettacoli di VR. Realtà virtuale, marchi di moda, Instagram, non vediamo l’ora di sentire le sue risposte!

In conversazione: Stephan M. Czaja, fondatore CXMXO Group e Cocaine Models.

FIV: Com’è nato il fatto che ora lavori con modelli virtuali?

Onestamente, siamo sempre stati nerd quando si tratta di marketing, media e naturalmente tendenze tecniche. Oggi, sempre più persone parlano di AI (intelligenza artificiale), quindi cosa c’è di più naturale che portare le persone in vita artificialmente, come avatar digitali?

Il team di base per lo sviluppo delle tecnologie ha iniziato a lavorare due anni fa. In America, naturalmente, si ottiene molto denaro rapidamente per tali progetti, ed è per questo che anche i colleghi di Los Angeles sono stati più veloci. L’anno scorso, in estate, abbiamo tenuto i primi colloqui con i clienti, e quest’anno era finalmente arrivato il momento. La prima sfilata di moda virtuale con avatar digitali!

Vantaggi? Minimizzazione del rischio, meno viaggi e post-elaborazione

Il nostro obiettivo è sempre stato quello di trovare un complemento ai modelli che potrebbero non essere disponibili in quel momento.

Ma la tecnologia ha anche il vantaggio che non sono necessarie 20.000 miglia aeree per ogni produzione. I clienti non devono ricorrere ad avatar completamente virtuali, possiamo anche digitalizzare i modelli, in modo che il volo sia salvato e possa ancora nascere una collaborazione.

I clienti hanno anche il grandissimo vantaggio che le produzioni possono essere modificate in seguito. Dopo i servizi fotografici, di solito tutto è finito e non sono più possibili cambiamenti. Qui, la luce, il luogo o l’abbigliamento possono essere cambiati in qualsiasi momento.

Un mix di tecnologia futura e vantaggi per i clienti. Crediamo che il mondo della moda lo accetterà! Dopo tutto, la parola moda sta per tendenza e novità.

Campagna per la diversità: Buffalo London con Ella Stoller

Ologramma virtuale: il padre di Kim Kardashian

La tecnologia che c’è dietro è davvero estremamente eccitante! Forse avete sentito parlare della festa di compleanno di Kim Kardashian? Uno dei suoi doni era suo padre, come ologramma virtuale. Eccoci di nuovo alla parola moda, tendenze e trendsetter, come Kim Kardashian. Le nuove tecnologie richiedono tempo, hanno bisogno di first movers ma si affermeranno.

Quelli che sono stati lì dall’inizio avranno le migliori storie da raccontare!

Esperienza con modelli/campagne virtuali

FIV: Che esperienza con i modelli virtuali ha acquisito finora la vostra agenzia? Quali sono gli ultimi progetti?

Penso che l’esperienza più interessante e recente che stiamo avendo qui con gli avatar digitali è che siamo significativamente più coinvolti nel processo creativo. Si inizia con gli storyboard e si va sempre più in là nelle possibilità, in modo da poter influenzare persino la gravità.

La creatività non ha più limiti + Brand Avatars

In breve, non ci sono più limiti alla creatività. Davvero nessuno! Completamente indipendente dal luogo, dal tempo e da molti altri fattori. Questo permette un modo di pensare completamente nuovo, che non è limitato da piani di viaggio, orari o altri fattori di costo.

Il primo lavoro per MarcCain era già particolarmente eccitante. Una sfilata di moda digitale alla settimana della moda di Berlino. Oltre alla nostra Zoe, abbiamo creato il nostro avatar digitale e altre tre persone virtuali. Nel film di moda si vedono 8 modelli reali e 4 virtuali. Così i nostri mondi si fondono sempre di più, il reale e il digitale.

Suggerimento. Il nostro articolo sullo show: Future fashion show? Sfilata di moda VR a Berlino.

Video: Fashion Movie alla settimana della moda di Berlino

La sfilata di MarcCain:

Cosa c’è dopo? Il futuro prossimo

FIV: Seguendo ancora, puoi anche dirci qualcosa sui nuovi progetti?

I nostri progetti sono di solito tutti fatti in segreto, quindi non posso dire nulla sulle nuove campagne pubblicitarie dei clienti! Ma ciò che è importante per me è la narrazione intorno a Zoe. Quindi anche la domanda, come possiamo renderla ancora più “viva”?

Quello che posso già dirvi è che uno dei prossimi progetti sarà la prima pubblicazione in una rivista di moda. Per questo servizio fotografico della rivista stiamo preparando la squadra. Classicamente con fotografo, make-up artist, stylist e naturalmente il nostro team di sviluppo.

Lil’ Miquela, Shudu: USA vs Europa

FIV: Finora, le modelle/influencer virtuali più famose vengono dagli Stati Uniti. Come vede l’attuale clamore in Germania?

Stai parlando di Brud di Los Angeles. È stato il primo a rivoluzionare davvero il mercato prima di noi. Il suo progetto Lil’ Miquela è stato il primo e ha davvero fatto esplodere l’immaginabile. Non so esattamente con quali marchi specifici abbia lavorato, ma credo che metà dell’industria dell’alta moda fosse già coinvolta.

La Germania e l’Europa non sono esattamente note per le innovazioni, le start-up o simili. È lo stesso con il nostro avatar virtuale. Abbiamo impiegato otto mesi solo per mettere in piedi il primo progetto. Certo, tutti hanno delle riserve, ma ne avete bisogno?

Start up e idee a Los Angeles

Come azienda di Los Angeles, non avete questi problemi, perché le nuove idee nascono qui e sono molto benvenute. Basta pensare ai social network, Facebook, Snapchat, ecc. Tutto questo viene dalla California. In Germania, tutto richiede più tempo, quindi significa anche molti più investimenti per noi. Tuttavia, siamo orgogliosi di essere i primi accanto al Brut e quindi anche i primi in Europa.

E se per gli obiettivi di quest’anno non raggiungere, abbiamo appena trasferirsi a Los Angeles!

Modelli reali contro modelli virtuali

FIV: I marchi di moda preferiscono lavorare con modelli virtuali o con modelli “reali”? Quali sono le vostre esperienze?

Attualmente, non credo che nessuna etichetta preferisca lavorare con modelli virtuali. Le tecnologie sono solo in fase di sviluppo, ma migliorano continuamente. La copertura dell’argomento esiste solo da poco più di un anno. L’argomento è così nuovo che abbiamo ancora bisogno di un po’ di tempo!

Tecnologia: Moda digitale / modelli per negozi online

FIV: Quali sono i vantaggi di lavorare con modelli virtuali?

Bisogna prima vedere i benefici, ovviamente. Ed è per questo che i first movers che sono là fuori ora sono così importanti. Mostrano alle altre marche che l’investimento vale la pena. Ecco un piccolo esempio: gran parte dei clienti della moda hanno negozi online. Di conseguenza, con ogni nuova collezione, nuova stagione, sono necessarie nuove foto. I capi hanno una strada molto lunga da percorrere prima di raggiungere finalmente i negozi, di solito vengono spediti per settimane e poi arrivano a un certo punto nel magazzino centrale. Ora le foto devono essere scattate, allo stesso tempo avviene la distribuzione ai singoli negozi. Un grande sforzo, nel senso che tutto deve adattarsi.

Solo 3 foto per la moda digitale

Con la nostra tecnologia, bastano tre foto dell’indumento e possiamo attaccarlo in modo assolutamente autentico e realistico al corpo in movimento di un modello virtuale. Con il vento, la gravità e tutto ciò che ne consegue. Il grande vantaggio è che le foto possono teoricamente essere già completate in produzione. Così, mentre i capi sono ancora in fase di confezionamento, le foto per l’e-commerce sono già pronte.

Questo significa che in linea di principio ci sono due grandi vantaggi. Uno è per la produzione di massa relativamente standardizzata e l’altro è l’effetto PR, perché le nostre vite stanno diventando sempre più digitali.

Storytelling, lavori e futuro dei social media?

Oggi, la prima generazione è cresciuta conoscendo solo una vita con iPhone e Co. Lo storytelling ha sempre funzionato. Leggende e storie, poi scritte, poi libri, poi Hollywood e in futuro forse persone digitali. Lil’ Miquela mostra quanto successo possa avere con i suoi 3 milioni di follower su Instagram.

Un altro vantaggio, specialmente per le produzioni, le agenzie di marketing e le agenzie pubblicitarie, è che non c’è rischio di fallimento. Chiunque organizzi grandi produzioni, per esempio per spot pubblicitari, sa che a volte possono esserci fino a 50 persone sul set, più 20 auto prenotate e forse anche un elicottero. Improvvisamente il modello non appare. Naturalmente, lo stesso vale per qualsiasi altra persona rilevante per le riprese. Lo stilista non è lì per i vestiti, il truccatore, il fotografo…. Quindi i germogli hanno molto meno rischi da fattori di influenza esterni.

Cooperazione ed effetto degli avatar virtuali

FIV: Com’è una collaborazione con un modello virtuale? Quindi, come potete immaginarlo?

Descritto molto brevemente, in realtà non hai limiti nella creatività. Puoi fare un servizio fotografico sulla luna, creare i tuoi avatar digitali e tutto questo esclusivamente per il tuo marchio. I vestiti, gli accessori, ecc. sono tutti intercambiabili. Di conseguenza, non si lavora più solo sul tempo, ma davvero sulla creatività. Questo è super interessante soprattutto per le campagne e le agenzie pubblicitarie. Inoltre, diverse immagini possono essere trasportate molto bene, ad esempio innovazioni, pensiero orientato al futuro e soluzioni digitali.

Altrimenti è il tipico gioco nel marketing o nell’agenzia pubblicitaria. Molte idee sono disponibili, ma molte devono essere scartate perché troppo costose o troppo complesse.

Quanto costa una campagna?

FIV: Può anche dirci qualcosa sui prezzi? Quanto costa la collaborazione se vuoi prenotare modelli virtuali o una produzione del genere?

I prezzi esatti ovviamente differiscono sempre a seconda dello sforzo, della quantità, del lavoro preliminare, ma anche dell’uso dei media dopo. In parole povere: la produzione non si ripaga con un solo pezzo, ma chi deve produrre 20 o più pezzi, può eventualmente già pensare alla cooperazione quando si parla di e-commerce.

Le campagne pagano sempre. Solo per l’aspetto che ulteriori media possono essere creati dalla produzione già esistente in pochissimo tempo. I dettagli possono essere cambiati. Inoltre, non c’è ovviamente alcun rischio di fallimento, come menzionato prima.

Hype per gli avatar digitali: Lil’ Miquela & Co.

FIV: Da dove viene il grande fascino intorno agli influencer virtuali, come Lil’ Miquela & Co?

La fantasia è semplice, eppure mi piace. Tutti conoscono Superman o il capitano Jack Sparrow dei Pirati dei Caraibi. Naturalmente, nessuno dei personaggi è reale, ma si è comunque interessati ad ogni nuova storia e alle persone che ci sono dietro.

Le serie e gli attori sono come avatar: Vogliamo più storie

Tutti al di fuori degli Stati Uniti conoscono Hollywood solo dai film, dalla TV e dalle serie. Chi sa se Brad Pitt esiste davvero? Sai cosa intendo! Il mondo è già un po’ digitale oggi e lo sta diventando sempre di più! Questo aspetto gioca anche un ruolo quando si pensa agli avatar.

L’hai appena detto tu stesso, come il fenomeno Lil’ Miquela è decollato. Su Instagram si vedono momenti privati della sua vita, produce nuove campagne fotografiche, anche video musicali.

Ora, se vi ricordate la storia dall’inizio, cioè l’ologramma del padre di Kim Kardashian, potete vedere anche qui il prossimo salto di tecnologia. Portare gli avatar digitali nel mondo reale.

Sicuramente non ci annoieremo!

FIV: Un giorno i VR sostituiranno i modelli e gli influencer reali?

No, assolutamente no. Le persone virtuali, o avatar e modelli o anche influencer saranno sempre solo un’aggiunta significativa al reale esistente. Tuttavia, possono sperimentare storie diverse, proprio per la completa libertà nella creatività. In definitiva come una serie Netflix, solo confezionata in modo diverso.

Grazie per le risposte!

In conversazione: Stephan M. Czaja, fondatore CXMXO Group e Cocaine Models.

Ella & Zoe: Avatar digitali di modelli di cocaina

Consiglio di lettura: Avatar digitali

Leggi ancora di più sugli avatar digitali qui, compresa una lista, con tutti gli influencer virtuali!

Lil’ Miquela: il fenomeno di Los Angeles

Gigi Hadid, Cara Delevingne e Hailey Bieber superati? Gli influencer virtuali come Lil Miquela o Bermuda stanno conquistando Instagram e il business dei modelli. Il fatto che hanno già significativamente più seguaci sui social media di altri influencer dimostra il successo di questa invenzione lungimirante. Tuttavia, chi pensava che questi influencer virtuali fossero noiosi e senza carattere si sbagliava di grosso. Oltre a una personalità individuale, i modelli hanno una vita propria in cui raccontano le loro attività nel tempo libero con l’aiuto dello story telling. Tuttavia, la tendenza di queste stelle virtuali non è stata solo su Instagram per molto tempo, una carriera musicale è stata anche prevista per loro. In quattro anni, l’influencer virtuale Miquela Sousa ha costruito una carriera notevole.

Influencer virtuali: elenco

Conoscete le modelle degli anni 90 come Naomi Campbell o Claudia Schiffer. Ci immergiamo nel mondo dei modelli digitali, degli influencer e delle star di Instagram. Gli influencer virtuali stanno conquistando il mercato e non sono più un hype. Si tratta di moda e del fermento che queste personalità virtuali stanno creando nel mondo della moda. Chi sono? Chi li ha creati? Stanno sostituendo le supermodelle dei millennials? Kendall Jenner e Gigi Hadid vengono semplicemente sostituite? Che ruolo hai nel mondo della moda e dei social media di oggi. Vi presentiamo le modelle Lil Miquela e Shudu Gram, le due prime modelle create virtualmente e cosa rende ognuna di voi così speciale. E come sono riusciti a finire sulle copertine di Vogue e Harper’s Bazaar.