Blog di fotografia: Struttura, cura e tema – l’intervista a Roman Raatz

“Il nostro esperto di fotografia Roman Raatz, che da anni è in viaggio con la sua macchina fotografica e ha acquisito il relativo know-how. Su uno dei suoi siti web, ha creato una sorta di libro di testo per i principianti della fotografia, perché i forum spesso non possono aiutare o confondere. Il suo soggetto preferito è e rimane la fotografia analogica. Come è diventato un blogger e come tiene aggiornato il suo blog, potete leggere qui.

+ NEW: ZAMIRAA new selection w/ Armani, Dior, Cartier & Co.

+ AD: Do you know?

Blogging e fotografia: Come iniziare il tuo blog di fotografia

FIV: Ciao Roman, per favore, presenta brevemente la tua pagina del blog ai nostri lettori!

Roman Raatz: Ciao, il mio sito è rivolto a tutti coloro che sono interessati al “modo classico” della fotografia, in altre parole: sono interessato alla fotografia analogica. Scrivo su analogue-fotografie.net molti articoli per i curiosi e principianti, ma faccio a meno di un certo tono “sentimentale”, perché non rifiuto la tecnologia moderna. Sono affascinato dalla vecchia tecnologia e dai risultati di alta qualità che si possono ottenere con essa, e credo che non pochi faranno lo stesso. Il mio sito o il mio blog dovrebbe fornire una sorta di conoscenza “compressa” in modo che i nuovi arrivati alla fotografia analogica possano orientarsi immediatamente.

FIV: Come hai iniziato a bloggare e quanto tempo ci vuole per mantenere un buon blog?

Roman Raatz: Avevo già creato i primi siti web semplici più di 15 anni fa. All’inizio mi è piaciuta l’idea di poter essere presente in qualsiasi parte del mondo con uno sforzo tecnico relativamente piccolo. Ora gestisco un totale di quattro blog sul tema della fotografia, ognuno con un focus diverso. Oggi ci sono davvero grandi sistemi di blog che semplificano molto la pubblicazione e la “gestione” (a differenza di prima).

Disegno anche i miei “disegni” individuali delle pagine e mi piace anche programmarle. Inoltre, rispondere ai commenti fa parte del “blogging”. Ma non sono anche nessuno che pubblica articoli ogni giorno. La preparazione di un buon contributo dettagliato con fotografie rappresentative può durare anche una domenica intera! E’ fondamentalmente lo stesso lavoro che fa un giornalista e, non nascondiamolo, sono anche felice di poter guadagnare un po’ di soldi pubblicando su Internet attraverso la pubblicità.

FIV: Qual è il fulcro della tua pagina del blog?

Roman Raatz: Leggo spesso forum su Internet che si occupano di fotografia (analogica). Nel corso degli anni, ho notato che le stesse domande a volte sorgono più e più volte. Ho anche un sacco di persone nella mia cerchia di amici che scattano foto analogiche e che gli stessi problemi si verificano sempre qui. Ho pensato a me stesso: ora basta scrivere tutto quello che hai imparato (faticosamente) te stesso negli ultimi dieci anni in modo tale che anche i principianti capiscano. Finora, tuttavia, non ho finito per niente.

FIV: Cosa ti affascina così tanto della fotografia analogica?

Roman Raatz: La cosa più affascinante della fotografia analogica per me è senza dubbio la creazione di pezzi unici e di “artigianato”. Ogni ora migliaia di fotografie vengono scattate di nuovo e caricate su Internet. Diventa sempre più difficile comprendere questa fugace “marea di immagini”.

Nel frattempo, posso premere l’otturatore di una sola fotocamera 12 volte al mese. Nemmeno la metà di questi negativi arriva alla fase di immagine del mio ingranditore (il dispositivo più importante nel mio laboratorio fotografico). Ma da queste immagini faccio poi delle stampe a mano nella piccola camera oscura nel formato circa Din A2, a cui dedico davvero molto tempo. Queste fotografie hanno quindi naturalmente uno status ideale molto alto e di lato: una tale “stampa in gelatina d’argento” ha un valore molto più alto all’interno di una galleria, ad esempio, di una stampa profana da una macchina, che può essere riprodotta in qualsiasi momento premendo un pulsante.

Consigli per la fotografia analogica da parte dell’esperto: basi, costi, tecnologia

FIV: Quali 5 consigli puoi dare ai nostri lettori per quanto riguarda la buona tecnologia delle telecamere per le immagini analogiche?

Roman Raatz:
Suggerimento 1: la fotocamera analogica stessa è solo una “scatola” a prova di luce che mantiene l’obiettivo e la pellicola parallela l’una all’altra. Una macchina fotografica di questo tipo dovrebbe naturalmente essere in grado di alcune “basi” (ad esempio, avere un buon mirino o una buona luce bene), altrimenti difficilmente rilevante per una fotografia di alta qualità stessa (a differenza delle fotocamere digitali). Molto più importante in questo caso è la lente e la pellicola o come viene successivamente sviluppata e lavorata.

Suggerimento 2: la pellicola fotografica “ama” la luce e può catturarla come una spugna. Si dovrebbe investire in un buon esposimetro manuale o almeno non aver paura della sovraesposizione: Solo quando anche gli elementi più scuri di un paesaggio, ad esempio, ottengono un “disegno” durante l’esposizione, è possibile realizzare una certa “tonalità”, che si ottiene solo con un’esposizione sufficientemente lunga. Naturalmente, si tratta di un’affermazione conservatrice e non pochi artisti fotografici la trascurano deliberatamente e fotografano, ad esempio, nello stile “Film Noir”.

Suggerimento 3: quello che un tempo era un privilegio per poche persone ora può essere realizzato anche per gli studenti: l’acquisto di una macchina fotografica di medio formato (usata). Questo formato più grande (rispetto alla nota macchina fotografica 35 mm 35 mm 35 mm) espone il cosiddetto (più grande) tipo di pellicola a bobina 120, che è ancora disponibile in varie marche. Soprattutto se un alto livello di dettaglio è importante nella fotografia di paesaggio, ad esempio, si dovrebbe guardarsi intorno per una macchina fotografica di medio formato.

Suggerimento 4: almeno si dovrebbe sviluppare il proprio film in b/n. Non dovresti pensare che i negativi escano dalla telecamera dopo l’esposizione. La pellicola deve essere prima sottoposta ad una certa procedura chimica. E questo può essere fatto anche a casa in bagno con pochissime attrezzature. La qualità ottenibile qui sarà almeno pari a quella della farmacia, di solito migliore.

Suggerimento 5: L’occhio dell’ago – è lo scanner se le pellicole devono essere digitalizzate. Le buone fotocamere analogiche a volte costano solo denaro in tasca, ma in realtà gli scanner negativi utilizzabili sono relativamente costosi. I film possono essere “portati al computer” solo con scanner molto speciali e di qualità ragionevole. Usato sei qui da circa 150 euro. Un nuovo scanner, adatto alle pellicole e che raggiunge la piena risoluzione, costa già circa 500 euro. Sono già un sacco di soldi. Ma per coloro che sviluppano le loro stampe in bianco e nero nella propria camera oscura, tutto questo dovrebbe essere lo stesso.

FIV: A quale fotografo stai guardando, o chi ti impressiona e che è un “fotografo modello” per te?

Roman Raatz Io stesso amo l’immagine dell’uomo solo quando è raffigurata all’interno di un certo ambiente, come August Sander l’ha messa in scena quasi cento anni fa. In generale, seguo solo fotografi che si sono dedicati a un argomento molto speciale per un periodo di tempo più lungo. Posso ricavare molto dal lavoro dei diplomati della cosiddetta Scuola di Fotografia di Düsseldorf, in particolare dalle fotografie di Simone Nieweg. Tali immagini riguardano più un concetto in cui lo spettatore deve essere coinvolto che la rappresentazione incondizionata di qualcosa di “grande” in forma compressa (in una sola immagine). In questo contesto mi piacciono anche le fotografie di Heinrich Riebesehl.

Per maggiori informazioni sulla fotografia analogica, visita Roman Raatz

.

Ringraziamo Roman Raatz per l’interessante intervista!

+

+ NEW: ZAMIRAA new selection w/ Armani, Dior, Cartier & Co.

+ AD: Do you know?

1 commento
  1. jackwilshere
    jackwilshere dice:

    Soprattutto mi è piaciuta la prima parte del tuo articolo. Vorrei ulteriori informazioni su questo argomento sul tuo sito. Non vedo l’ora di continuare e condividere questo blog con gli amici.
    Ti auguro il meglio

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento