Imparare a fotografare nella pratica: sentimenti, emozioni, stati d’animo

A un certo punto ci si stanca della fotografia semplice e si vuole scattare foto migliori. Le buone foto non mostrano solo ciò che una volta era, ma trasportano sensazioni, emozioni, stati d’animo. E’ questo che conta. E’ una lunga strada per una foto davvero buona. Ma ne vale la pena.

+ AD + Do you know?

Imparare la fotografia nella teoria e nella pratica – specialmente nella pratica!

La fotografia è un mestiere – e come ogni altro mestiere, la fotografia si impara al meglio facendola il più spesso possibile. Ma se siete davvero all’inizio, non può far male comprare un libro sulla fotografia e leggerlo con la macchina fotografica in mano. Questi libri sono disponibili con un orientamento più tecnico e con un orientamento più orientato all’immagine. Per cominciare ne raccomandiamo uno più tecnico, in modo da poter familiarizzare con i termini di base come apertura, tempo di esposizione, ISO e così via.

Dopo di che, è una buona idea studiare attentamente il manuale della fotocamera ed effettuare le impostazioni appropriate direttamente sulla fotocamera. In questo modo la tecnica diventa sempre più presente nel tuo sangue ed è esattamente quello che vuoi: non dover pensare a lungo al momento giusto. Come guidare un’auto. I laboratori sono consigliati per le esercitazioni pratiche.

Qui potrete imparare direttamente sul posto di lavoro da fotografi (professionisti) molto esperti. Non c’è esercizio migliore! Nessun libro al mondo può dirti cosa può dire un fotografo che ti dice chi ti sta accanto e guarda immediatamente le tue foto. Ci sono laboratori per principianti e avanzati, per l’architettura e la fauna selvatica, per la natura e la città, ritratti, insomma, per tutto ciò che può essere fotografato.

Fotografia da leggere

Non sai con quale libro iniziare a fare pratica? Hai bisogno di qualcuno che ti motivi? Il libro di Benjamin è una grande introduzione al mondo della fotografia. Troverete testi e immagini su ogni argomento. Dopo un lungo periodo come fotografo amatoriale, si vorrebbe avere una visione del mondo dei professionisti. Non solo il colore e la luce sono importanti per scattare belle foto, anche la tecnica della fotocamera stessa, è una componente della fotografia. Benjamin riesce a confezionare piacevolmente le conoscenze di un fotografo complicato. Guardatelo!

Apprendimento con motivi e disegno d’immagine

Probabilmente non vuoi imparare a scattare foto per divertimento, ma perché sei particolarmente interessato ad alcuni argomenti e vuoi ritrarli fotograficamente. Se non è già stato fatto, trovare un tema e la pratica di trovare e fotografare esattamente i motivi che si desidera. Come ho detto, ci sono numerosi libri sul design delle immagini; vale la pena leggerne alcuni.

Anche se nulla è più istruttivo della propria esperienza, si può comunque essere istruiti da altri. Non fa male sapere quali composizioni di immagini funzionano e quali no fin dall’inizio. E poi te ne vai. Cercando le proprie motivazioni, il proprio modo di affrontarle, il proprio modo di affrontare l’argomento: Il tuo stile. Ad esempio, dividete i motivi secondo la regola dei terzi.

La regola dei terzi

Questo significa, dividerlo verticalmente e orizzontalmente in tre parti uguali (9 quadrati uguali in totale) e posizionare il motivo principale in una delle linee di divisione. In questo contesto, ha senso anche imparare qualcosa sul cosiddetto rapporto aureo. Cambia la prospettiva della macchina fotografica, gioca con la luce (una foto non sempre deve essere esposta correttamente!), guida lo sguardo dello spettatore con la profondità di campo o pensa a qualcos’altro che esprima te stesso. Niente può sostituire il tuo stile! All’inizio c’è sempre l’imitazione, senza dubbio. Ma ad un certo punto il tuo io interiore deve apparire nella foto – e solo il tuo!

Date un’occhiata alle vostre foto a fine giornata. Tra la registrazione e l’esame critico può esserci anche un certo tempo tra la registrazione e l’esame critico. Date un’occhiata alle vostre foto e scrivete quello che pensate sia buono e quello che pensate sia cattivo (e perché). Guarda i metadati delle tue foto. Quale lunghezza focale hai usato, quale apertura e così via? Sii critico con te stesso e fallo meglio la prossima volta – ma non esagerare. Mozart ha dovuto imparare a comporre prima!

Se siete all’inizio, leggete libri sulla fisica e la tecnica della fotografia. Quindi leggere il manuale della fotocamera e seguire la lettura direttamente sulla fotocamera. I workshop sono un’ottima occasione per mettere in pratica le conoscenze teoriche. Capirete perché volete scattare delle foto. E poi allenarsi!

+

+ AD + Do you know?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *