Il libro di contenuto: Scrivere buoni testi di SEO – raccomandazione del libro

L’ottimizzazione dei motori di ricerca, i cosiddetti SEO, sono molto importanti al giorno d’oggi. Mentre in passato, il marketing ha ancora imparato i classici metodi pubblicitari intorno alla vendita diretta o alla distribuzione di volantini, oggi l’ottimizzazione dei motori di ricerca è uno degli strumenti centrali. Soprattutto quando si tratta di commercializzare i prodotti. Per tutti i lavoratori autonomi che possiedono una piccola azienda, ma anche per i grandi negozi online, l’ottimizzazione dei motori di ricerca su piattaforme come Google, Bing, Yahoo o Yandex è di grande aiuto. A seconda del paese in cui vuoi vendere. Ecco perché oggi abbiamo incontrato l’autore di “The Content Book”, Stefan M. Czaja.

Il Libro dei contenuti – Raccomandazione libro

 

Al posto del principio della domanda e risposta, oggi volevamo sapere esattamente quali sono i consigli per l’ottimizzazione dei motori di ricerca che chiunque può applicare.

.

10 Suggerimenti SEO dall’esperto

FIV: L’ottimizzazione dei motori di ricerca suona complicata, specialmente per coloro che non ne hanno ancora sentito parlare molto. Se si rompe tutto fino a 10 semplici regole, quali sarebbero i vostri suggerimenti o quale sarebbe la vostra lista di controllo per il SEO?

Infatti, l’ottimizzazione dei motori di ricerca è complicata quando si lavora in settori come l’immobiliare, le assicurazioni o i prodotti finanziari. Ma chiunque abbia creato un proprio prodotto di nicchia, ad esempio nel settore delle tazze sostenibili per bevande, dell’abbigliamento per bambini o dei componenti per il tuning delle automobili, può muoversi molto con consigli relativamente semplici. Diciamo che il 70% è possibile solo attraverso un lavoro pulito e strutturato. Possiamo dare un’occhiata dettagliata a ciò che conta esattamente.

Testo e lingua

Si scrive principalmente per le persone, nel secondo pensiero solo per i motori di ricerca. Molti di voi sentono parlare della parola magica “parole chiave”, ma non sanno esattamente cosa significa. Le parole chiave sono termini di ricerca che vengono usati frequentemente e sono quindi un must assoluto nei testi SEO ben scritti. Tuttavia, la qualità è più importante della quantità. Se si scrivono testi solo per il motore di ricerca, allora si potrebbe semplicemente scrivere 1.000 volte di seguito: “Compra proprietà, vendi proprietà, compra proprietà, vendi proprietà, compra proprietà, compra proprietà, vendi proprietà….”.

Ma poi non e’ cosi’ semplice. Quello che devi fare è essere una specie di specchio, una specie di Wikipedia. Ciò significa che un portale fornisce ai suoi utenti informazioni con un certo valore aggiunto. Nel migliore dei casi, naturalmente, l’obiettivo è quello di essere migliore della concorrenza, strutturato in modo pulito e generalmente più facile da raggiungere. Inoltre, c’è il collegamento interno, in modo da collegare altri termini nel tuo blog quando sono menzionati in un articolo. Questo mantiene gli utenti più a lungo sul sito.

È quindi necessario creare qualità, produrre contenuti a valore aggiunto. Di norma, i testi dovrebbero essere lunghi almeno 600 parole. Ancora meglio, naturalmente, sono testi con circa 800 o addirittura 1.000 parole. Se si descrive un articolo di un negozio online, 300, 400 parole sono sufficienti. I testi dovrebbero sempre essere scritti in modo tale che si voglia leggerli da soli e che offrano un valore aggiunto tale da creare “effetti aha”.

  • Scrivere i testi come vorresti che fossero letti, ponendoti nel ruolo di lettore
  • Usa nel tuo articolo, titoli e parole del corpo del testo che sono spesso ricercati nel contesto dell’argomento corrente
  • collegate altre pagine del vostro blog, ad esempio con un termine tecnico, in modo che il tempo che gli utenti trascorrono sulla vostra pagina aumenti
  • Per gli articoli dovresti raccogliere almeno 600, meglio ancora 1.000 parole
  • Per i prodotti del negozio online sono sufficienti circa 300, 400 parole

Analisi e software

Lavora dall’inizio con le analisi web, come Google Search (gratuito) e Google Analytics (gratuito). Naturalmente ci sono anche programmi che costano 400 euro al mese. In definitiva, tuttavia, la versione gratuita di Google è di solito sufficiente per la semplice analisi. Con Google Search e Google Analytics, la pagina può essere controllata per le prestazioni nei motori di ricerca, attraverso Google Search, il comportamento degli utenti, attraverso Google Analytics.

Il vostro grande obiettivo è quello di portare parole chiave e pagine diverse alla pagina uno. Idealmente, il numero uno. Questo è il luogo in cui avviene la maggior parte dell’interazione con l’utente. Tu usi Google Search per questo.

Il primo passo importante in Google Search, è necessario aggiungere una mappa del sito. Se si utilizza WordPress, è possibile utilizzare il plugin SEO Yoast per generare la mappa del sito. Questo crea automaticamente una sitemap, che contiene tutti gli articoli, prodotti, categorie e molto altro dal tuo sito web. Ogni volta che appare una nuova pagina, la mappa del sito si aggiorna automaticamente. Google lo registra inviando inizialmente la sitemap, che rende l’indice del sito più veloce. Indicizzazione significa che la pagina appare nel motore di ricerca.

Come regola generale, un nuovo articolo inizia a pagina 8, 9, 10, dopo di che salirà gradualmente a pagina due, tre o quattro. Pertanto, è importante espandere il contenuto dopo tre o quattro mesi in modo che salga ulteriormente e raggiunga sempre più lettori. In Google Search i risultati possono essere facilmente visualizzati in una tabella. Per esempio, si possono vedere aumenti, ma anche perdite.

Una selezione mirata della pagina, in cui vale la pena investire tempo, è quindi possibile, dato che siete appena prima della pagina 1, o anche appena prima del posto 1.

Questa costante ottimizzazione dimostra a Google che state migliorando costantemente il vostro sito e rendendo il contenuto più attraente per gli utenti. Allo stesso tempo, i visitatori del vostro sito web ricevono sempre più contenuti informativi. Una chiara situazione win-win, che aumenta sia il posizionamento nel motore di ricerca che la portata. Ecco perché vale la pena di lavorare con il software fin dal primo giorno, i miei consigli sono Google Search e Google Analytics. Entrambi possono essere utilizzati meravigliosamente anche da uno smartphone e quindi essere attivi in movimento.

  • Usa il software dall’inizio
  • Google Search fornisce informazioni sul posizionamento nel motore di ricerca
  • Google Analytics fornisce dichiarazioni sul comportamento degli utenti sul tuo portale online
  • Se in qualsiasi momento si desidera raggiungere oltre 500.000 visitatori al mese, si può fare pianificazione con strumenti software come Xovi (a pagamento)

Link (Onpage)

Link a contenuti rilevanti da altri siti web. Come accennato in precedenza con il collegamento interno, i tuoi valori aumentano se colleghi articoli adatti, già esistenti sul tuo sito. Non solo le pagine interne dovrebbero essere collegate, ma nel migliore dei casi anche le pagine esterne, che offrono contenuti rilevanti e rappresentano un valore aggiunto per i lettori.

Nell’esempio concreto un collegamento ottimale si presenta in questo modo. Se ci atteniamo all’argomento immobiliare, potrebbero essere articoli professionali, ad esempio di Spiegel, Welt o anche dell’Handelsblatt. Quindi, se parliamo di un determinato argomento, ad esempio la modernizzazione di vecchi edifici, vale la pena di collegare due o tre articoli esterni sull’argomento. Se lo Spiegel spiega come i vecchi edifici possono essere abilmente deducibili, l’Handelsblatt informa su come trasferire i costi di modernizzazione ai proprietari. Attraverso questo collegamento, offriamo agli utenti un ulteriore valore aggiunto e, a sua volta, aumentiamo il tempo che gli utenti trascorrono sul nostro sito.

È importante che queste pagine si aprano in una nuova scheda in modo che l’utente non lasci il proprio sito web per visitare altri articoli collegati.

  • Buoni testi SEO dovrebbe contenere link
  • Link interni ad articoli simili o ad altri articoli
  • Link esterni a contenuti di terze parti rilevanti
  • I link esterni dovrebbero essere sempre aperti nella nuova scheda

Collegamenti a ritroso (Offpage)

Ottenere altri siti rilevanti per collegare i vostri articoli stessi. I backlink hanno il grande vantaggio che da un lato inviano i visitatori direttamente al tuo sito web, dall’altro lato i backlink mostrano ai motori di ricerca che la tua pagina potrebbe essere rilevante per un determinato argomento. Ma cos’è esattamente un backlink?

Backlinks è un riferimento esterno a un sito web. In linea di principio, la collezione di backlink può essere illustrata visitando un bar. Siamo in piedi al bar, il bar è molto ben frequentato e un nuovo visitatore entra nella stanza. Nessuno parla di lui, quindi non lo noto nemmeno io. Poi arriva una persona di cui la gente comincia a parlare. Sinistra e destra è sussurrato, naturalmente divento anche attento alla persona. Anche se non so chi è, figuriamoci cosa fa, la vedo solo nel contesto delle persone che parlano di se stesse. Immediatamente mi rendo conto anche delle rispettive persone e forse dirò anche al mio interlocutore, guarda qui, chi è quello? Più la gente ne parla, più si rende conto di qualcosa. Più back link si raccolgono, più si diventa importante per i motori di ricerca.

Ecco perché vale la pena raccogliere link in modo mirato, contattare altri blog, altri siti web, cercare di creare contenuti così buoni che altri lo riprendano, lo colleghino o lo condividano.

  • I backlink sono link esterni al tuo sito web
  • I backlink forniscono ai visitatori diretti
  • I backlink aumentano il ranking dei motori di ricerca

Velocità di carica

Rimuovete dal vostro fianco tutto ciò che potrebbe rallentarlo in qualsiasi forma. La velocità di caricamento è così importante in questo giorno ed età, quando il 60-70% del traffico viene consegnato tramite dispositivi mobili. Non tutti si trovano nelle immediate vicinanze di un albero di trasmissione, motivo per cui è particolarmente importante che i contenuti siano rapidamente disponibili per l’utente. Se il tuo sito web impiega dieci, dodici secondi per essere caricato, sarà declassato rispetto alla concorrenza. Di conseguenza, una pagina dovrebbe essere sempre “sottile”, il più possibile minima.  Qualsiasi cosa che aumenti la velocità di caricamento della pagina deve essere disabilitata. Con WordPress, per esempio, questi sono spesso plug-in che sono spesso installati ma non realmente utilizzati.

Ma un problema molto più grande sono spesso le foto e le immagini. Se cerchi di caricare 10 foto con 10 megabyte ciascuna, hai già creato 100 megabyte di traffico per una singola pagina. Con le foto compresse, è possibile comprimere le foto a soli 70 kilobyte e poi eventualmente aggiungere un video YouTube adatto. Di conseguenza, 10 foto hanno solo 0,7 megabyte e la pagina si carica più di 100 volte più velocemente.

Non c’è bisogno di approfondire l’argomento all’inizio, è importante assicurarsi che le foto siano il più piccole possibile e che non ci siano plug-in non necessari.

  • La velocità di caricamento delle pagine dovrebbe essere la più veloce possibile
  • Tutti gli elementi non necessari dovrebbero essere disabilitati
  • Le foto e i grafici devono essere compressi
  • Disabilita i plugin non utilizzati quando si usa WordPress

Pagina URL

Utilizzare URL chiari e leggibili. Google, ma anche altri motori di ricerca leggono le pagine, le immagini e i loro nomi di file con i loro algoritmi in modo molto accurato. Più questi nomi di file sono accurati, più sono leggibili e categorizzabili per Google. Pertanto, dovresti sempre assicurarti che il tuo URL della pagina sia scritto correttamente e che tutte le parole di riempimento come “e”, “am”, “con” siano rimosse.

Ti scriverò solo un piccolo esempio che potrai usare più avanti nell’intervista. Quello che abbiamo spesso nella vita quotidiana dell’agenzia pubblicitaria sono i clienti, che ad esempio creano prodotti, che vengono poi denominati dopo un numero di articolo. Per Google, naturalmente, è assolutamente impossibile dire di che cosa sia l’URL. Ecco come si presenta la pratica migliore:

  • “URL cattivo”: www.example.com/p245
  • “URL buono”: www.example.com/sneaker-nike-air-mann-gruen).

Meta descrizione da pagine

Scrivi meta-descrizioni individuali per ogni articolo, il mio consiglio per WordPress: SEO Yoast. Le metadescrizioni sono gli estratti di testo che potete trovare nei risultati di ricerca su Google, o altre piattaforme. Se non aggiungi la tua meta-descrizione, ne avrai una per caso.

Anche qui direi, vi manderò due buoni esempi più tardi, che potrete utilizzare per l’intervista! Qui la differenza diventa subito evidente. Nel primo esempio, il motore di ricerca afferra un testo che trova ragionevolmente appropriato, indipendentemente dall’estratto, nel caso più sfortunato, ad esempio il menu. Il secondo esempio mostra una meta descrizione aggiunta dal webmaster o dal content manager.

  • Nessuna meta descrizione: “I nostri servizi – Il vostro contatto con noi – Tutte le offerte – Appartamento / acquisto – Appartamento / affitto – Casa / acquisto – Casa / affitto – Proprietà / acquisto – Proprietà / commerciale ….”
  • Con Meta descrizione: “Case e case di proprietà per l’acquisto ✓ Le attuali offerte di acquisto per case unifamiliari e case a schiera trovano con immobilo.de ✓ del loro Germania-far …. “</li?

Segnali dei social media

Attività e comunità, questo è ciò che conta. Come accennato in precedenza, la durata della permanenza dell’utente sul sito è di primaria importanza, così come lo è l’interazione, motivo per cui è così importante impostare collegamenti interni in modo che l’utente interagisca con il sito. Quando si tratta di backlink, abbiamo già appreso che si tratta di impostare i segnali che collegano il nostro sito web dall’esterno. Naturalmente, ciò è possibile non solo con fornitori terzi, ma anche con i social media.

Più gli utenti sono attivi e più attivamente sono indirizzati dai social network al proprio progetto Internet, o al contrario, più spesso condividono i contenuti del nostro progetto Internet nei social network, meglio il nostro sito web sarà classificato dai motori di ricerca.

In poche parole, questo significa utilizzare Instagram e Facebook per attirare attivamente l’attenzione degli utenti su di voi. Piu’ si parla di te, meglio e’. Una fonte di link molto forte è anche YouTube, attraverso il video marketing è possibile creare fonti di backlink estremamente sostenibili. Alcuni video sono più di 4,5 anni sul posto 1 per un certo argomento.

  • Usa i canali sociali
  • Link dai tuoi canali sociali al tuo sito web
  • Parti attive Contenuto del tuo sito web nei social media
  • Crea una comunità attiva che clicca sul tuo sito, ma condivide anche i tuoi contenuti

Immagini e grafica

Gli URL devono essere chiari e facili da leggere (parole chiave), anche le immagini. Pertanto, quando si salvano i grafici e le foto, assicurarsi che i nomi dei file contengano parole chiave importanti. La mia raccomandazione è qui, prima inserisci le parole chiave e usa una descrizione dell’immagine per la seconda metà del nome del file.

Immaginate di avere una grafica con un social media manager che tiene in mano un tablet. L’articolo tratta del monitoraggio dei social media. Ora mettete entrambi insieme nel nome del file. Questo aspetto è simile a questo, rispetto a un nome di file di cattiva qualità, ad esempio se la foto proviene direttamente dalla fotocamera.

  • “Cattivo” Nome file:
  • “Buono” Nome file:

Se inserisci la tua immagine nel corpo del testo, dovresti anche assicurarti di dargli una descrizione. Tale descrizione è quindi nel codice HTML e non solo dà a Google un’idea di cosa c’è dietro questa grafica, ma aiuta anche altre persone con disabilità, come i non vedenti, quando i programmi leggono le pagine per loro.

  • immagine tag HTML, senza descrizione
    “https://example.com/image.jpg” />
  • immagine tag HTML con descrizione
    <img src=”https://example.com/image.jpg” alt=”Descrizione dell’immagine per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO)” />

Contenuti con valore aggiunto

Contenuti con valore aggiunto per le classifiche e la viralità. Dopo tutti i consigli voglio tornare alla cosa più importante, il contenuto con valore aggiunto. Se si consegnare il miglior articolo su un argomento, le probabilità sono elevate che sia ben posizionato. Se avete non solo un articolo, ma diversi, preferibilmente oltre 400, 500 articoli, che si accumulano in un periodo di tempo più lungo, allora il vostro intero progetto web sarà valutato bene. L’obiettivo finale è quindi quello di fornire agli utenti nuove informazioni che possono raccogliere, condividere e, idealmente, anche visitare di nuovo.

Quindi non scrivere testi solo come lavoro, ma come autore che vuole offrire qualcosa ai suoi lettori. Se si tiene conto di tutto questo, è possibile creare un grande progetto online. Riassumiamo di nuovo i 10 punti, come una piccola lista di controllo SEO!

Sintetizzato – Lista di controllo

  1. testo e lingua – si scrive prima per le persone, poi per i motori di ricerca
  2. Analisi – Lavora dall’inizio con le analisi web, come Google Search e Google Analytics (entrambi gratuiti)
  3. Linking – Link contenuto rilevante di altri siti web
  4. Backlink – Porta altri siti rilevanti e buoni per collegare i tuoi articoli
  5. caricare la velocità – rimuovere tutto ciò che rallenta la pagina che rallenta
  6. Url della pagina – Usa URL chiari e facili da leggere (esempio: www.example.com/produkt245); www.example.com/sneaker-nike-air-mann-gruen)
  7. Meta Description – Scrivi meta descrizioni individuali per ogni articolo (consiglio per WordPress: SEO Yoast)
  8. Media Sociali – Rinvigorire l’attività e la comunità
  9. immagini – Gli URL devono essere chiari e facili da leggere (parole chiave), le immagini devono essere anche
  10. Contenuto – Contenuti con valore aggiunto per le classifiche e la viralità

FIV: Grazie mille per l’intervista! Il libro è ora disponibile gratuitamente su Amazon: Acquista il libro dei contenuti.

Il Libro dei contenuti – Raccomandazione libro

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *