Filtro gradiente grigio: Compensazione delle differenze di luminosità con filtri a innesto o a vite

I filtri gradiente grigio sono uno strumento utile quando si tratta di tenere sotto controllo il problema della gamma dinamica. Ha i suoi limiti di solidità del colore e di strane linee d’orizzonte.

+ AD + Do you know?

Filtri a gradiente grigio: Per cosa vengono utilizzati?

Soprattutto se fotografate principalmente paesaggi, avrete notato molto tempo fa che c’è sempre il seguente problema. Se il cielo è esposto correttamente, in modo che sia di un blu profondo e, se necessario, le nuvole si stagliano chiaramente e chiaramente, il paesaggio è sottoesposto in modo massiccio. Se il paesaggio è correttamente esposto e tutte le sottigliezze sono visibili, allora il cielo è di solito solo una superficie luminosa senza alcuna struttura o disegno.

Questo perché, a differenza dell’occhio umano, la fotocamera non può distinguere così bene le differenze di luminosità. Sia le differenze di luminosità (misurate in f-stop) in una scena che la capacità della fotocamera di gestirle sono chiamate gamma dinamica. Le buone fotocamere DSLR hanno una gamma dinamica fino a 13 f-stop.
Il problema di cui sopra può essere risolto con filtri a gradiente grigio. La mancanza di gamma dinamica della fotocamera non può essere modificata dalla successiva elaborazione dell’immagine.

Filtro gradiente grigio: Come funzionano?

Un filtro grigio gradiente ora funziona in modo tale da essere posizionato sull’obiettivo e quindi scurire in modo neutro la parte superiore della scena. Semplicemente lascia passare meno luce nella parte superiore, idealmente senza influenzare il colore. Nella parte inferiore è trasparente e tra le due parti c’è un’area di transizione, a seconda del progetto, che è sempre una linea retta.

I filtri a gradiente grigio sono differenziati a seconda di quanto è forte l’oscuramento. Le informazioni sono fornite in f-stop. Si dice, ad esempio, che il filtro si spegne due f-stop. Mentre l’oscuramento da 2 a 3 f-stop è il più comune, ci sono anche filtri che possono oscurare 4 f-stop. Anche la transizione tra l’area scura e l’area chiara può essere diversamente dura o morbida a seconda del filtro.

Vantaggi e svantaggi degli attacchi a vite e a innesto

I filtri gradiente grigio sono disponibili nelle versioni a vite e a innesto. I filtri avvitati hanno lo svantaggio che la linea di transizione non può essere spostata; ma questo è auspicabile perché la linea dell’orizzonte non è sempre esattamente dove il filtro vuole che sia. I filtri plug-in si sono così affermati sul mercato; possono essere spostati nella loro opzione slot avvitati sull’obiettivo.

A seconda della dimensione dell’obiettivo e del sensore, deve essere selezionata anche la dimensione del filtro appropriata. Tutte le misure comuni sono disponibili sul mercato.
I filtri gradiente grigio sono strumenti utili per tenere sotto controllo la gamma dinamica di una scena. Ma ovviamente hanno anche i loro limiti. Per esempio, la linea dell’orizzonte non è sempre una linea retta (per esempio in montagna).

Inoltre, anche gli esemplari più costosi raramente non sono mai resistenti ai colori. Un’alternativa al filtro gradiente grigio è, naturalmente, quella di effettuare diverse esposizioni della scena (bracketing) e poi sovrapporre in seguito i singoli scatti in digitale. Questo presuppone, tuttavia, che non ci siano oggetti in movimento nella scena, altrimenti le immagini non possono essere sovrapposte l’una sull’altra.

Il lavoro con il filtro gradiente grigio richiede un po’ di pratica. Ci sono due punti da considerare. Uno è la forza del filtro. È necessario essere in grado di valutare bene e in modo affidabile la gamma dinamica della scena in modo da poter scegliere la giusta forza per ottenere un contrasto ottimale. D’altra parte, è necessario posizionare correttamente la transizione in modo che l’immagine non appaia innaturale. Come sempre, la parola magica è: pratica!

Risultato: Il filtro gradiente grigio scurisce leggermente l’immagine, ma richiede un po’ di pratica

I filtri a gradiente grigio aiutano a risolvere il problema della gamma dinamica. Hanno i loro limiti con la solidità del colore e con la linea dell’orizzonte dispari (per esempio in montagna). Un’alternativa è la sovrapposizione digitale di diverse esposizioni della stessa scena. Tuttavia, ciò presuppone che non ci siano oggetti in movimento nella scena e che la fotocamera non cambi la sua posizione (treppiede).

+

+ AD + Do you know?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *