Domanda legale: Fotografia animale e diritto all’immagine

Sei anche un amico della fotografia di animali? Giusto, non solo le persone in azione sono richiesti come motivi nella fotografia. Spesso sono anche le immagini di animali che vengono scambiate nell’arte della fotografia. Con le informazioni legali vorremmo spiegarvi brevemente in che misura è possibile entrare in difficoltà legali. La presente relazione si basa su una procedura giuridica in corso e si interroga sulla misura in cui un’autorizzazione o un uso commerciale è necessario per fotografare gli animali. Poiché nella giurisdizione precedente vengono trattate solo merci e persone, questo rapporto rappresenta un possibile trasferimento alla fotografia animale. A questo proposito, il diritto d’autore, il diritto alla propria foto, il diritto alla propria foto e i diritti personali del proprietario sono principalmente trattati.

+ AD + Do you know?

Fotografia animale: Che cosa significa il diritto alla propria immagine?

In linea di principio si dice: Si consiglia cautela quando si scattano foto con esseri umani e animali. Rispettare sempre i diritti personali delle persone secondo la legge sul copyright artistico! Il diritto all’immagine di proprietà è stabilito: se non esistono privilegi speciali, le tue foto possono essere trasmesse solo con il loro consenso. Tale approvazione o dichiarazione di consenso viene definita “modello di rilascio”.

Per un successivo utilizzo del materiale fotografico è quindi sempre consigliabile ottenere il permesso della persona fotografata e dell’animale (il proprietario). A meno che quell’animale non rappresenti solo un accessorio, un’immagine della storia contemporanea, preoccupazioni superiori dell’arte, o registrazioni di assemblee, ecc. Gli animali sono naturali, senza persone e anche senza beni materiali, tuttavia, sono trattati comunque allo stesso modo nella foto a destra. Nel § 90a BGB è scritto: I paragrafi, in cui si tratta di beni materiali ai sensi del § 90 del BGB, corrispondono anche alla fotografia animale. Per l’ulteriore utilizzo è necessaria l’autorizzazione del proprietario.

Gli animali possono essere fotografati allo zoo, o è richiesta l’autorizzazione?

Fotografare sulla base di queste “regole della casa” può limitarti per certi aspetti, o addirittura essere proibito. Tuttavia, l’avviso o anche il divieto devono essere segnalati e chiaramente visibili. L’acquisto del solo biglietto d’ingresso non può, tuttavia, richiedere il permesso fotografico.

Queste esigenze sono la ragione per cui viene tracciato un confine chiaro tra tutti i luoghi accessibili in cui si applica il principio “nessun diritto all’immagine della propria causa” e i luoghi ad accesso pubblico limitato, come il giardino zoologico. Pertanto, il suggerimento per voi vale anche qui che in caso di dubbio dipende dal consenso del titolare del diritto se e in quale misura le immagini possono essere scattate da voi.

Nota aggiuntiva: In Internet è stata fatta una reazione alla decisione del KG in quel momento o alla dichiarazione dello Zoo Hagenbeck di Amburgo ed è stato compilato un elenco di zoo, sotto Zoollist , in cui si può determinare se la fotografia (limitata) è consentita o vietata.

Privacy di esseri umani e animali in foto

Naturalmente, anche la privacy di un proprietario rientra nel diritto della personalità e non si può violare. Sono comprese anche le aree domestiche e le relative proprietà. Per un’invasione della privacy è sufficiente fotografare l’area domestica privata di un’altra persona per mezzo di oggetti di scena come un teleobiettivo, o superando i confini stabiliti, il loro cane o gatto. Non è ancora possibile, secondo la giurisprudenza, dare una risposta univoca sul fatto che un’ammissione, o solo la sua trasmissione, sia già illegale. Lo stesso vale per un motivo della foto e del testo allegato che crea un contesto per il proprietario o permette di trarne delle conclusioni. Anche l’indirizzo del proprietario non deve essere riconoscibile.

Quando si fotografa un animale in natura o in luoghi pubblici, non vi è alcuna pretesa da parte del proprietario. Come regola generale, a causa dell’affermazione “Nessun diritto alla foto della propria cosa / animale”, nessun consenso del proprietario è necessario per voi a meno che non abbiate interferito con i diritti della personalità del proprietario. Non importa quanto sia bello il motivo: un chiarimento preventivo costa meno di una disputa sostenuta e costosa in tribunale.

+

+ AD + Do you know?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *